parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Manzoni, Il conte di Carmagnola, 1820

concordanze di «CONTE»

nautoretestoannoconcordanza
1
1820
lui fratello Filippo Maria Conte di Pavia era rimasto
2
1820
e col valore del Conte Francesco". Venne il Carmagnola
3
1820
Carmagnola creato dal Duca conte di Castelnovo; sposò Antonietta
4
1820
Duca. I nemici del Conte, tra i quali il
5
1820
del loro signore. Il Conte fu spedito governatore a
6
1820
licenziato dal servizio, il Conte si risolvette di recarsi
7
1820
ogni dubbio che il Conte fosse mai più per
8
1820
terreno più sodo: il Conte mise in queste degli
9
1820
fecero delle lagnanze col Conte; il quale domandò a
10
1820
insospettiti dal procedere del Conte; ma senza giusta ragione
11
1820
non ebbe per il Conte così prosperi cominciamenti come
12
1820
dicendo loro che il Conte si fermerebbe a lungo
13
1820
e una figlia del Conte (o due figlie, secondo
14
1820
inoltre all'essere il Conte andato a Venezia senza
15
1820
precauzione di mandare il Conte al supplizio con le
16
1820
posto nelle mani del Conte, capitano d'un tanto
17
1820
sentenza. Questo è il Conte Verri; ma basta leggere
18
1820
fosse il motivo, il Conte Francesco Carmagnola, malgrado il
19
1820
la cattiva fede del Conte Francesco Carmagnola, che, venne
20
1820
che ho trascritta. Il Conte di Carmagnola non rimandò
21
1820
vendicata la morte del Conte Francesco Carmagnola suo compatriotto
22
1820
accadde in Treviso. ¶ IL CONTE DI CARMAGNOLA ¶ TRAGEDIA ¶ * ¶ ¶ ¶ PERSONAGGI
23
1820
TRAGEDIA ¶ * ¶ ¶ ¶ PERSONAGGI STORICI IL CONTE DI CARMAGNOLA. ¶ ANTONIETTA VISCONTI
24
1820
COMMISSARIO. ¶ UN SOLDATO Del CONTE. ¶ UN SOLDATO prigioniero. ¶ SENATORI
25
1820
ignori. Un fuoruscito al Conte ¶ di Carmagnola insidiò la
26
1820
odia dunque ¶ veracemente il Conte; ella è fra loro
27
1820
in questo, ¶ che dal Conte aspettarci? Io l'invitai
28
1820
adesione) ¶ S'introduca il Conte. ¶ SCENA II ¶ IL CONTE
29
1820
Conte. ¶ SCENA II ¶ IL CONTE, e detti. ¶ IL DOGE
30
1820
e detti. ¶ IL DOGE ¶ Conte di Carmagnola, oggi la
31
1820
e di vendetta. ¶ IL CONTE ¶ Serenissimo Doge, ancor null
32
1820
farà piccol peso. ¶ IL CONTE ¶ E senno e braccio
33
1820
giunger non puote. ¶ IL CONTE ¶ Serenissimo Doge, Senatori; ¶ io
34
1820
consigliar ci sia. ¶ IL CONTE ¶ Lieto son io che
35
1820
or fia. ¶ IL DOGE ¶ Conte, su questo fedel vostro
36
1820
per noi. ¶ (parte il Conte) ¶ SCENA III ¶ IL DOGE
37
1820
abbia il comando il Conte. ¶ MARINO ¶ Contro sì giusta
38
1820
so che vanta il Conte ¶ molti amici tra noi
39
1820
merti? ¶ IL DOGE ¶ Il Conte un prence abbandonò; ma
40
1820
signor che inimicossi il Conte. ¶ Ma, lode al ciel
41
1820
egli far mallevador del Conte? ¶ IL DOGE ¶ A sì
42
1820
preciso ¶ risponderò: mallevador pel Conte, ¶ né per altr'uom
43
1820
proposto ¶ che guardia al Conte non si faccia, e
44
1820
SCENA IV ¶ Casa del Conte. ¶ IL CONTE ¶ Profugo, o
45
1820
Casa del Conte. ¶ IL CONTE ¶ Profugo, o condottiero. O
46
1820
V ¶ MARCO, e IL CONTE ¶ IL CONTE ¶ O dolce
47
1820
e IL CONTE ¶ IL CONTE ¶ O dolce amico; ebben
48
1820
tu sei duce. ¶ IL CONTE ¶ Marco, ad impresa io
49
1820
o tu medesmo. ¶ IL CONTE ¶ Io? come? ¶ MARCO ¶ Al
50
1820
mio cor, rinchiusa. ¶ IL CONTE ¶ Forse io l'ignoro
51
1820
vuoi, la trovi. ¶ IL CONTE ¶ Troppo è il tuo
52
1820
pensava in prima. ¶ IL CONTE ¶ Tu hai ragione. Il
53
1820
Campo veneziano. Tenda del Conte. ¶ IL CONTE, un SOLDATO
54
1820
Tenda del Conte. ¶ IL CONTE, un SOLDATO ¶ SOLDATO ¶ Signor
55
1820
e s'avanza. ¶ IL CONTE ¶ I condottieri dove son
56
1820
ordin vostri aspettando. ¶ IL CONTE ¶ Entrino tosto. ¶ (parte il
57
1820
Soldato) ¶ SCENA V ¶ IL CONTE ¶ Eccolo il dì ch
58
1820
mia. ¶ SCENA VI ¶ IL CONTE, GONZAGA, ORSINI, TOLENTINO, ¶ altri
59
1820
TOLENTINO, ¶ altri CONDOTTIERI ¶ IL CONTE ¶ Compagni, udiste ¶ la lieta
60
1820
tuoi? ¶ ORSINI ¶ Sì. ¶ IL CONTE ¶ Corri all'imboscate ¶ sulla
61
1820
ubbidirem, vedrai. ¶ (parte) ¶ IL CONTE ¶ (agli altri) ¶ Tu, Gonzaga
62
1820
SCENA I ¶ Tenda del Conte. ¶ IL CONTE e IL
63
1820
Tenda del Conte. ¶ IL CONTE e IL PRIMO COMMISSARIO
64
1820
IL PRIMO COMMISSARIO ¶ IL CONTE ¶ Siete contenti? ¶ PRIMO COMMISSARIO
65
1820
pari al merto. ¶ IL CONTE ¶ Io già lo tengo
66
1820
vittoria il frutto. ¶ IL CONTE ¶ .... Questa è mia cura
67
1820
nemico al trono. ¶ IL CONTE ¶ Quando fia tempo. ¶ PRIMO
68
1820
inseguire i fuggenti? ¶ IL CONTE ¶ Ora non voglio. ¶ PRIMO
69
1820
abbiamo a lui... ¶ IL CONTE ¶ Vi siete ¶ troppo affrettati
70
1820
ancor siam qui? ¶ IL CONTE ¶ Dirà, che il meglio
71
1820
che pensate far? ¶ IL CONTE ¶ Ve l'avrei detto
72
1820
i nostri voti... ¶ IL CONTE ¶ I vostri voti ¶ più
73
1820
Ma pensaste abbastanza? ¶ IL CONTE ¶ E che! Sì nova
74
1820
detti. ¶ SECONDO COMMISSARIO ¶ (al Conte) ¶ Signor, se tosto ¶ non
75
1820
fatto in parte. ¶ IL CONTE ¶ Come? ¶ SECONDO COMMISSARIO ¶ I
76
1820
un vostro comando. ¶ IL CONTE ¶ Un mio comando? ¶ SECONDO
77
1820
Esitereste a darlo? ¶ IL CONTE ¶ È questo un uso
78
1820
sono i prigioni. ¶ IL CONTE ¶ E voi potete adunque
79
1820
fia la vittoria? ¶ IL CONTE ¶ Io già l'udii
80
1820
faccia da voi. ¶ IL CONTE ¶ Tutto ch'io posso
81
1820
in questo campo? ¶ IL CONTE ¶ Quel che chiedete: un
82
1820
legge, e mantenerla? ¶ IL CONTE ¶ Io dissi ¶ ch'io
83
1820
è il vostro? ¶ IL CONTE ¶ Or lo vedrete. ¶ (a
84
1820
credo ¶ quattrocento, signor. ¶ IL CONTE ¶ Chiamali... chiama ¶ i più
85
1820
figlio, e detti. ¶ IL CONTE ¶ (ai Prigionieri) ¶ O prodi
86
1820
mano; e noi... ¶ IL CONTE ¶ Voi, di chi siete
87
1820
al drappel vostro... ¶ IL CONTE ¶ Voi siete quelli? Io
88
1820
se potete ¶ mostrarvi al Conte, ci dicean: non egli
89
1820
inventarla il primo. ¶ IL CONTE ¶ (ai Commissari) ¶ Voi gli
90
1820
Prigionieri, che partono; ¶ il Conte osserva il Pergola figlio
91
1820
nulla da dir. ¶ IL CONTE ¶ La tua fortuna ¶ porti
92
1820
il nome mio. ¶ IL CONTE ¶ Che? Tu sei figlio
93
1820
FIGLIO ¶ Il son. ¶ IL CONTE ¶ Vieni ed abbraccia ¶ l
94
1820
parole al vento. ¶ IL CONTE ¶ Non ti doler: del
95
1820
averli vinti. ¶ (partono il Conte e Pergola figlio) ¶ SCENA
96
1820
ardia. ¶ Chiarito è il Conte un traditor; si vuole
97
1820
Io sono amico al Conte: ¶ questa è l'accusa
98
1820
impresa ordita ¶ ignaro il Conte; ei non fu chiesto
99
1820
che si tentasse? Il Conte. ¶ Del popol tutto che
100
1820
lice ¶ la lealtà del Conte; il senso almeno ¶ del
101
1820
fra noi nemici il Conte: or non ricerco ¶ perché
102
1820
via ¶ che porta al Conte il suo richiamo. Ov
103
1820
SCENA III ¶ Tenda del Conte. ¶ IL CONTE e GONZAGA
104
1820
Tenda del Conte. ¶ IL CONTE e GONZAGA ¶ IL CONTE
105
1820
CONTE e GONZAGA ¶ IL CONTE ¶ Ebben, che raccogliesti? ¶ GONZAGA
106
1820
d'un solo. ¶ IL CONTE ¶ Che dicon essi? ¶ GONZAGA
107
1820
l'ammenda aspettano. ¶ IL CONTE ¶ Tu il vedi, ¶ o
108
1820
sia vinta ancora. ¶ IL CONTE ¶ Che dubbi hai tu
109
1820
ne ha forse? ¶ IL CONTE ¶ No: di questo io
110
1820
tali a te. ¶ IL CONTE ¶ No: tu li vedi
111
1820
tu t'inganni. ¶ IL CONTE ¶ Altro mi duol: son
112
1820
foglio, e parte) ¶ IL CONTE ¶ Vediam. ¶ (legge) ¶ Non tel
113
1820
GONZAGA ¶ Io vengo. ¶ IL CONTE ¶ Che dì tu di
114
1820
tu lo domandi? ¶ IL CONTE ¶ È ver; ma questa
115
1820
i DIECI, e il CONTE seduti. ¶ IL DOGE ¶ (al
116
1820
seduti. ¶ IL DOGE ¶ (al Conte) ¶ A questi patti offre
117
1820
il parer vostro. ¶ IL CONTE ¶ Signori, un altro io
118
1820
vi si domanda. ¶ IL CONTE ¶ Uditel dunque. ¶ Scegliete un
119
1820
non l'avreste. ¶ IL CONTE ¶ Avrei ¶ fatto di più
120
1820
Vasti disegni avete. ¶ IL CONTE ¶ E l'adempirli ¶ sta
121
1820
il rovesciaste intero. ¶ IL CONTE ¶ Questo vi fu riferto
122
1820
e il vinca. ¶ IL CONTE ¶ Il vostro grado io
123
1820
pensier di tutti. ¶ IL CONTE ¶ E qual? ¶ IL DOGE
124
1820
DOGE ¶ L'udiste. ¶ IL CONTE ¶ È del Consiglio il
125
1820
crederete al Doge. ¶ IL CONTE ¶ Questo dubbio di me
126
1820
è più dubbio. ¶ IL CONTE ¶ E m'invitaste a
127
1820
pretesti ¶ per consumarlo. ¶ IL CONTE ¶ Io traditor! Comincio ¶ a
128
1820
dal Collegio segreto. ¶ IL CONTE ¶ Io lo ricuso. ¶ Ciò
129
1820
tempo di voler. ¶ IL CONTE ¶ Qui dunque ¶ mi si
130
1820
le vostre guardie. ¶ IL CONTE ¶ Io son tradito! ¶ IL
131
1820
un traditor potria. ¶ IL CONTE ¶ Anche un ribelle, sì
132
1820
al Collegio segreto. ¶ IL CONTE ¶ Un breve istante ¶ udite
133
1820
allor d'antiveggenza. ¶ IL CONTE ¶ Indegno! ¶ Tu mi rendi
134
1820
io reco. ¶ (parte il Conte tra i Soldati) ¶ SCENA
135
1820
SCENA II ¶ Casa del Conte. ¶ ANTONIETTA, e MATILDE ¶ MATILDE
136
1820
forza d'ascoltarmi. Il Conte... ¶ MATILDE ¶ Forse è tornato
137
1820
SCENA IV ¶ Prigione. ¶ IL CONTE ¶ A quest'ora il
138
1820
MATILDE, GONZAGA, e il CONTE ¶ ANTONIETTA ¶ Mio sposo!... ¶ MATILDE
139
1820
momento ¶ bramato tanto?... ¶ IL CONTE ¶ O misere, sa il
140
1820
non esser tua. ¶ IL CONTE ¶ Sposa, il sapea quel
141
1820
Oh gli omicidi! ¶ IL CONTE ¶ No, mia dolce Matilde
142
1820
Io tel prometto. ¶ IL CONTE ¶ Or sono ¶ contento. E
143
1820
pietà di noi! ¶ IL CONTE ¶ Sposa, Matilde, ormai vicina
144
1820
MATILDE ¶ No, padre... ¶ IL CONTE ¶ Ancora ¶ una volta venite
145
1820
s'avanza verso il Conte: le due donne cadono
146
1820
donne cadono svenute) ¶ IL CONTE ¶ O Dio pietoso, tu