parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «Pekisch»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
stibio...” ¶ Non è che Pekisch avesse mai capito bene
2
1991
testo andava a capo. Pekisch prese fiato e mise
3
1991
e sazio di giorni.” ¶ Pekisch rimase immobile. Non gli
4
1991
una tazza da caffellatte. Pekisch ci aveva schiacciato dentro
5
1991
istante e poi, finalmente, Pekisch si mosse. Aveva stampata
6
1991
ingoia in un minuto. Pekisch incominciò a corricchiare. Correva
7
1991
incominciò a impazzire. Calma. Pekisch fermo. In piedi. Guarda
8
1991
alla fine del tubo. Pekisch cammina e guarda un
9
1991
anche macinare chilometri, volendo. Pekisch, più modestamente, rosicchia metri
10
1991
uno, fine. Si ferma, Pekisch. Gli bolle il cuore
11
1991
il cielo e vede Pekisch. Non è che sappia
12
1991
finita. ¶ Pehnt si alza, Pekisch si lascia cadere per
13
1991
negli occhi grigi di Pekisch. ¶ – Ciao, Pekisch. ¶ – Ciao cosa
14
1991
grigi di Pekisch. ¶ – Ciao, Pekisch. ¶ – Ciao cosa? ¶ – Ciao. ¶ Non
15
1991
po’, a questo punto, Pekisch. Invece, semplicemente, mormora. ¶ – Per
16
1991
insetto vigliacco: salta su Pekisch e si sbraccia come
17
1991
lo immagini?... “l’autoauscultatore Pekisch, lo strumento indispensabile per
18
1991
andata via da lì. ¶ Pekisch si ferma. Guarda il
19
1991
sprofondate nelle tasche, guarda Pekisch e sorride. ¶ – Be’, sai
20
1991
così se ne vanno, Pekisch e Pehnt, Pehnt e
21
1991
e Pehnt, Pehnt e Pekisch, se ne tornano lungo
22
1991
niente la felicità. ¶ –Ehi, Pekisch... ¶ –Non distrarti, figliolo, se
23
1991
buco... ¶ – Solo una cosa, Pekisch... ¶ – Cosa? ¶ – Che storia era
24
1991
una storia bellissima, vero, Pekisch? ¶ – Sì, è una storia
25
1991
unico nome rimasto: Sig. Pekisch – Quinnipak. Recupera la lettera
26
1991
la lettera del sig. Pekisch, singolarmente scritta sul retro
27
1991
E scrive. ¶ Gentile Sig. Pekisch, ¶ abbiamo ricevuto la Sua
28
1991
Io credo, stimatissimo Sig. Pekisch, che Lei debba continuare
29
1991
Per questo, stimatissimo Sig. Pekisch, io mi permetto di
30
1991
l’indirizzo del sig. Pekisch. Asciugò l’inchiostro con
31
1991
quella per il sig. Pekisch e si alzò. Uscì
32
1991
si presentò nessuno. ¶ A Pekisch, curiosamente, arrivarono prima i
33
1991
acuto saggio. ¶ – Che succede, Pekisch? ¶ Pehnt stava in piedi
34
1991
piedi su una seggiola. Pekisch era di fronte a
35
1991
La cosa si complicava. Pekisch se ne accorse. Si
36
1991
dopo due sette nove? ¶ Pekisch stava curvo sul giornale
37
1991
un’idea male – osservò Pekisch. – Certo non potrai scrivere
38
1991
del suo ottavo compleanno Pekisch gli regalò un quaderno
39
1991
che è stramba – diceva Pekisch. ¶ Pekisch non era, propriamente
40
1991
è stramba – diceva Pekisch. ¶ Pekisch non era, propriamente, il
41
1991
a quello che colpì Pekisch al momento di leggere
42
1991
seminato”. Domande? ¶ – No. ¶ – Bene. ¶ Pekisch non condivideva sempre lo
43
1991
e vitaminiche del ragazzo. Pekisch, da parte sua, fornì
44
1991
i suoi vantaggi – diceva Pekisch. ¶ E così cresceva Pehnt
45
1991
la mia nota, signor Pekisch? ¶ – Non è possibile che
46
1991
una cosa incredibile, eppure... ¶ Pekisch frugò nella borsa finché
47
1991
ma adesso silenzio... ¶ – Scusa, Pekisch... ¶ – Cosa c’è, Brath
48
1991
Ornevall avesse le doglie... ¶ Pekisch scrollò il capo. ¶ – Che
49
1991
farò io il mi... ¶ – Pekisch, se vuoi io faccio
50
1991
occhi si fissarono su Pekisch. ¶ – Questa sera eseguiremo Foresta
51
1991
Pronti? ¶ Ogni venerdì sera Pekisch suonava l’umanofono. Era
52
1991
sola: la sua personale. Pekisch manovrava il tutto da
53
1991
la sua nota. Se Pekisch teneva schiacciato il tasto
54
1991
la sua nota. Quando Pekisch faceva risalire il tasto
55
1991
al resto ci pensava Pekisch. ¶ Ovviamente lo strumento non
56
1991
in considerazione di ciò, Pekisch aveva messo a punto
57
1991
qui e dirmi, caro Pekisch mi spiace ma non
58
1991
la metteva giù elegante, Pekisch. E la gente lo
59
1991
addosso) proprio come pensava Pekisch, come un profumo, come
60
1991
il discorso commemorativo e Pekisch compose per l’occasione
61
1991
viva commozione. ¶ Così. ¶ – Scusa, Pekisch... ¶ – Cosa c’è, Brath
62
1991
Ornevall avesse le doglie... ¶ Pekisch scrollò il capo. ¶ – Che
63
1991
farò io il mi... ¶ – Pekisch, se vuoi io faccio
64
1991
occhi si fissarono su Pekisch. ¶ – Questa sera eseguiremo Foresta
65
1991
ne tornavano a casa, Pekisch e Pehnt, Pehnt e
66
1991
e Pehnt, Pehnt e Pekisch, scivolando nel buio verso
67
1991
di simil-figlio provvisorio. Pekisch fischiettava la melodia di
68
1991
forse di più. ¶ – Di’, Pekisch... ¶ – Mmmh... ¶ – Ce l’avrò
69
1991
sbagliare, quasi sempre. ¶ – Di’, Pekisch... ¶ – Mmmh... ¶ – Tu ce l
70
1991
Silenzio. ¶ – Che nota è, Pekisch? ¶ Silenzio. ¶ – Pekisch... ¶ Silenzio. ¶ Perché
71
1991
nota è, Pekisch? ¶ Silenzio. ¶ – Pekisch... ¶ Silenzio. ¶ Perché, a dire
72
1991
aveva una sua nota, Pekisch. Incominciava a diventare vecchio
73
1991
vita. La vita di Pekisch. Una cosa che non
74
1991
se l’avesse visto, Pekisch, in quella notte. Allora
75
1991
tradimento l’anima di Pekisch, e a bruciarla. ¶ Pekisch
76
1991
Pekisch, e a bruciarla. ¶ Pekisch stava lì a vedere
77
1991
il suo primo rintocco. ¶ Pekisch lo sentì partire, dribblare
78
1991
notturni scivolò fino a Pekisch una rotonda bolla di
79
1991
il vero il signor Pekisch ha sempre sostenuto che
80
1991
che dice il signor Pekisch... Mi ha anche spiegato
81
1991
perché lui, il signor Pekisch, lui le sente, e
82
1991
sopra e il signor Pekisch al pianterreno, in fondo
83
1991
la pioggia gridando ‘Signor Pekisch, signor Pekisch’, e lui
84
1991
gridando ‘Signor Pekisch, signor Pekisch’, e lui niente, sempre
85
1991
Buongiorno a lei, signor Pekisch, dormito bene?’, ‘Benissimo’ ... come
86
1991
non si preoccupi, signor Pekisch, ci vorrà un attimo
87
1991
di sposare il signor Pekisch, a dir la verità
88
1991
mai sposato... il signor Pekisch............. Sa, ci sono delle
89
1991
alcune volte... il signor Pekisch entra piano piano nella
90
1991
in quella del signor Pekisch... e anche lui, alle
91
1991
volta che il signor Pekisch mi abbia detto no
92
1991
banda ha suonato meravigliosamente, Pekisch, davvero... è stato bellissimo
93
1991
cittadinanza. Per l’occasione Pekisch aveva composto una marcia
94
1991
ormai dodici anni prima, Pekisch aveva preso in mano
95
1991
le esibizioni allestite da Pekisch rappresentassero per la città
96
1991
banda ha suonato meravigliosamente, Pekisch, davvero... è stato bellissimo
97
1991
Mi bemolle, pensò automaticamente Pekisch. ¶ L’altro signore venuto
98
1991
bara con il destino. ¶ Pekisch e la vedova Abegg
99
1991
il mondo e su Pekisch. Un suono bellissimo. ¶ – Al
100
1991
il destino. ¶ Pehnt e Pekisch, in piedi, sulla collina
101
1991
che sono finito qui. ¶ Pekisch ha preso il vecchio
102
1991
corde sono sottili, quando Pekisch le fa vibrare emettono
103
1991
andò. ¶ La banda di Pekisch provava ogni martedì sera
104
1991
Sal? ¶ – Era un do, Pekisch. ¶ – Ah, era un do
105
1991
la fauna africane? ¶ – Aspetta, Pekisch, mi si incastra sempre
106
1991
S’era innamorato, Pehnt. ¶ Pekisch gli regalò un pettine
107
1991
sinistra, al primo piano, Pekisch metteva la signora Paer
108
1991
che dava sulla strada. Pekisch, in mezzo al corridoio
109
1991
come un insetto insidiato. Pekisch aveva intitolato tutto questo
110
1991
la prima volta che Pekisch diventò il vecchio Pekisch
111
1991
Pekisch diventò il vecchio Pekisch, venti metri di binari
112
1991
ridicola morte di Ticktel, Pekisch e Pehnt, Pehnt e
113
1991
e Pehnt, Pehnt e Pekisch, la nostalgia di come
114
1991
Abegg, gli occhi di Pekisch, gli occhi del vecchio
115
1991
giusto così... e anche Pekisch mi disse un giorno
116
1991
malignare su ’sta storia... Pekisch e Pehnt, Pehnt e
117
1991
e Pehnt, Pehnt e Pekisch... tutte carognate, davvero, ci
118
1991
un padre, Pehnt... e Pekisch, poi... non aveva nessuno
119
1991
un ex galeotto, figurati... Pekisch galeotto... ce ne voleva
120
1991
di partire e allora Pekisch gli disse ‘parti il
121
1991
della musica tutta sua... Pekisch conosceva tutte le musiche
122
1991
questa musica è mia’ / Pekisch seduto davanti al pianoforte
123
1991
miracoli col vetro e Pekisch li faceva con la
124
1991
ricordo. ¶ Un istante. ¶ Poi Pekisch fa un gesto. ¶ Ed
125
1991
della strada dove stava Pekisch, in mezzo all’altra
126
1991
giusto di fronte a Pekisch, che però guarda per
127
1991
proprio dove c’è Pekisch, col capo chino, immobile
128
1991
finalmente lo sguardo di Pekisch, e tra tutti gli
129
1991
Rail / riabbassa lo sguardo, Pekisch, sembra che preghi / ma
130
1991
visti. ¶ 3 ¶ Diavolo di un Pekisch, ¶ come devo dirtelo che
131
1991
Io mi sono sposato, Pekisch, lo vuoi capire? Ho
132
1991
il tuo vecchio amico ¶ Pekisch ¶ P.S. Mi ha
133
1991
dove bisogna partire? Di’, Pekisch, cosa bisogna raccontargli, la
134
1991
creatura il nome di Pekisch, e cioè il mio
135
1991
nato che mi chiamavo Pekisch. È successo dopo. Se
136
1991
pantaloni. Le ho detto: Pekisch. L’avevo sentito da
137
1991
è venuto da dirle: Pekisch. E lei: Che strano
138
1991
con un nome come Pekisch? Lascia perdere. La signora
139
1991
assicuratore. Pensaci. E poi Pekisch sono io. Che c
140
1991
Che c’entra lui? ¶ Pekisch sr. ¶ P.S. Il
141
1991
pregiato signor e professor Pekisch, vi saremo grati se
142
1991
credermi l’infinitamente vostro ¶ Pekisch ¶ P.S. Ho smarrito
143
1991
mica qualcosa? ¶ Vecchio, benedetto, Pekisch, ¶ questo non me lo
144
1991
Colpa tua, vecchio, maledetto Pekisch. ¶ Ti abbraccio. Dio sa
145
1991
il suo bagno mensile, Pekisch, quando sentì distintamente risuonare
146
1991
solo nella testa di Pekisch. Piovuta chissà da dove
147
1991
Piovuta chissà da dove. ¶ Pekisch finì il bagno, ma
148
1991
Era un mercoledì e Pekisch doveva accordare l’organo
149
1991
vero? ¶ – Dipende. ¶ Quella notte Pekisch dormì poco e male
150
1991
contrabbasso. Senza nemmeno vestirsi Pekisch si sedette al pianoforte
151
1991
volta, dopo tanti anni, Pekisch tornò a sentirsi pungere
152
1991
All’alba del quinto, Pekisch sentì nitidamente entrargli in
153
1991
nessuno, all’infuori di Pekisch, sentiva il gran concerto
154
1991
orecchio sulla testa di Pekisch: confermò che non si
155
1991
al mattino: uno come Pekisch, quanto meno. Il fatto
156
1991
Hop, hop salta cavallino, Pekisch si arrese e si
157
1991
musica in testa, a Pekisch. Non c’era più
158
1991
Che altro puoi fare? Pekisch stava lì, e cercava
159
1991
così? ¶ Ai funerali di Pekisch, con una certa logica