parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alberto Moravia, Il disprezzo, 1954

concordanze di «ad»

nautoretestoannoconcordanza
1
1954
amore, essi ci apparivano ad entrambi non soltanto perdonabili
2
1954
come, mentre io continuavo ad amarla e a non
3
1954
cui, invece, come ebbi ad accorgermi in seguito, ero
4
1954
a meno di dire ad Emilia: «Questa sceneggiatura giunge
5
1954
so come avremmo fatto ad andare avanti... avrei dovuto
6
1954
prima, una certa riluttanza ad accompagnarmi, non forte né
7
1954
generiche spiegazioni e tornavo ad insinuare che qualche cosa
8
1954
verso di lei, passavo ad illustrarle le ragioni che
9
1954
che, spesso, o rinunziavo ad uscire liberandomi in qualche
10
1954
quel giorno, però, presi ad uscire anche la mattina
11
1954
di restar sola, cominciai ad avvertire un’oscura angoscia
12
1954
come di chi, tutto ad un tratto, si senta
13
1954
qualche cosa di simile ad una gelosa e profonda
14
1954
sottoponeva tutta la stanza ad una seconda e più
15
1954
che facevano la spia ad una passione troppo profonda
16
1954
decisi, come ho detto, ad acquistare un appartamento; non
17
1954
visita, come mi avvicinavo ad una finestra con l
18
1954
mio, come per invitarmi ad una maggiore intimità; e
19
1954
il sollievo di parlarne ad Emilia: non volevo guastarle
20
1954
lusinghiera cedette il luogo ad una tutta diversa, quella
21
1954
contribuì in quel tempo ad accrescere il mio senso
22
1954
alle difficoltà materiali. Simile ad una sbarra di ferro
23
1954
un’invincibile inclinazione, tendeva ad assumere il carattere generale
24
1954
avevo mai voluto iscrivermi ad alcun partito, come facevano
25
1954
bellissima, come feci osservare ad Emilia, e ci si
26
1954
piano la cravatta. Tutto ad un tratto, vidi, nello
27
1954
fossero finalmente aperti davanti ad un fatto palese e
28
1954
e cercai di piegarla ad un bacio. Ella si
29
1954
piedi e, come decidendosi ad un tratto, disse, senza
30
1954
mossi; ma mi domandai ad un tratto se fosse
31
1954
per arrivarci: in cima ad un armadio, in un
32
1954
osservare i miei. Tutto ad un tratto, la sensazione
33
1954
amava, bensì di fronte ad una prostituta un po
34
1954
di ostilità e riducendosi ad uno screzio senza rilievo
35
1954
amorosi. ¶ Ma se continuavo ad illudermi che Emilia mi
36
1954
non fanno a tempo ad affezionarsi a uno che
37
1954
gusto. Ora lavorare insieme ad una sceneggiatura non è
38
1954
addirittura aboliti. Lavorare insieme ad una sceneggiatura vuol dire
39
1954
la sceneggiatura rassomiglia forte ad una specie di stupro
40
1954
avessi messo tanto tempo ad avvedermene. Ma persistendo il
41
1954
non si decide mai ad andare dal medico; ossia
42
1954
inconsapevole, temere. Continuavo, così, ad avere con Emilia quei
43
1954
contemporaneamente, Battista mi accennò ad un nuovo lavoro, di
44
1954
Ma non dissi nulla ad Emilia di questa nuova
45
1954
riuscii fin da principio ad impostare la discussione nella
46
1954
disperava appare d’improvviso ad una svolta, io scrissi
47
1954
sebbene, in realtà, pensassi ad altro. Egli concluse in
48
1954
in fondo alla stanza, ad un bruttissimo mobile composito
49
1954
la gioia di annunziare ad Emilia che la sceneggiatura
50
1954
bicchierini non servirono che ad accrescere il mio oscuro
51
1954
di miseria. Mi domandai ad un tratto: «Perché mi
52
1954
qualità che potessero piacere ad una donna, sembrava un
53
1954
abituarmi tutto il tempo ad una situazione intollerabile ma
54
1954
mangiare, a bere e ad ascoltare Pasetti, senza, però
55
1954
dentro l’ascensore se, ad un tratto, una giovane
56
1954
Nello stesso tempo accennavo ad Emilia, invitandola a venire
57
1954
dato un’interpretazione avventata ad un incidente in fondo
58
1954
di importanza. Mi dissi ad un tratto che non
59
1954
a sedermi di fronte ad Emilia. Ella aveva in
60
1954
una guancia pareva essersi ad un tratto smagrita e
61
1954
alla fine, mentre continuava ad abbracciarmi stretto: «Ma io
62
1954
mio desiderio, ella abbandonò ad un tratto la presa
63
1954
cinema, in tutto simile ad un fattore di campagna
64
1954
fattore di campagna o ad un sensale di bestie
65
1954
avevo rinunziato, almeno provvisoriamente, ad agire di conseguenza: non
66
1954
fossi riuscito a strappare ad Emilia la verità, di
67
1954
io mi ero limitato ad accertarmi dell’esistenza o
68
1954
scoperta, rivolgere la mente ad un nuovo problema, quello
69
1954
stato più facile costringerla ad una spiegazione. ¶ Debbo dire
70
1954
più ci si aggrappa ad una falsa lucidità della
71
1954
risposte così contraddittorie, ricorrere ad una indagine ragionata, quasi
72
1954
le consentiva di appigliarsi ad alcuna cosa che non
73
1954
stava seduto in fondo ad un vasto salone dal
74
1954
era detto che lavorasse ad Hollywood, ma nessun film
75
1954
un grand’uomo; sennonché, ad un esame più attento
76
1954
pensare, non so perché, ad una dentiera. Ma subito
77
1954
nube, cedendo il posto ad una espressione assai dura
78
1954
di casa...». ¶ Pensai subito ad Emilia, come sempre; e
79
1954
verità: senza perché, tutto ad un tratto, ebbi addirittura
80
1954
parve rimandare quest’esame ad un secondo momento e
81
1954
attore che si applichi ad un tratto sotto il
82
1954
sorridente, io mi rividi, ad un tratto, nel salotto
83
1954
molto trasognato, perché udii, ad un tratto, in quella
84
1954
a meno di pensare ad Emilia; domandandomi se in
85
1954
ho provveduto». Egli disse ad un suo segretario, seduto
86
1954
mio sguardo e, tutto ad un tratto, mi prese
87
1954
maniera precisa. Poi, tutto ad un tratto, come affiora
88
1954
deciso di accettare?». ¶ Tutto ad un tratto capii che
89
1954
la mia voce fino ad un tono conciliante e
90
1954
ami più...». ¶ Ella ebbe ad un tratto il primo
91
1954
la mano, mi andarono ad un portacenere massiccio di
92
1954
si butta». ¶ Gridai, invaso ad un tratto dal furore
93
1954
soliti cenare; e capii ad un tratto perché tra
94
1954
pietanze, proponendole via via ad Emilia, il busto alquanto
95
1954
tutto intorpidito, tutto paralizzato; ad ogni mio atto, mi
96
1954
essere adombrata un’allusione ad altre angherie che le
97
1954
verso la porta, dicendo ad alta voce: «Vado ad
98
1954
ad alta voce: «Vado ad aspettarti nella macchina... tu
99
1954
nebuloso, si era deciso ad una pioggia sottile e
100
1954
voce che mi parve ad un tratto stranamente ilare
101
1954
debbono risolvere, di ridurli ad oggetti nitidi, maneggevoli ed
102
1954
se nulla fosse; giungere ad una spiegazione con Emilia
103
1954
sarei riuscito. ¶ Sonnecchiavo, forse, ad un certo punto mi
104
1954
punto mi riaddormentai. Tutto ad un tratto mi risvegliai
105
1954
momento tacqui; quindi, tutto ad un tratto, provai una
106
1954
tratto, provai una spinta ad agire, per l’acutezza
107
1954
gesto. Come in preda ad una specie di delirio
108
1954
vetro colorati in fondo ad un caleidoscopio scosso da
109
1954
Intanto Emilia continuava a ad ascoltare al telefono. Sua
110
1954
per ricattare Emilia. Tutto ad un tratto mi vergognai
111
1954
affittato la mia stanza ad un appigionante... ne aveva
112
1954
per sapere la verità, ad altri accorgimenti meno bruschi
113
1954
verrò a Capri... ma ad una condizione...». ¶ «Non parlarmi
114
1954
voglio saper nulla», gridai ad un tratto in maniera
115
1954
noi», egli disse assumendo ad un tratto un tono
116
1954
dalla parte di Rheingold, ad una via traversa, un
117
1954
Il lutto si addice ad Elettra, di O’ Neill
118
1954
Il lutto si addice ad Elettra... e sa perché
119
1954
vuota nei rettifili, vuota ad ogni svolta. A quell
120
1954
suo Lutto si addice ad Elettra è noioso e
121
1954
che via via crea ad Ulisse stesso dei buoni
122
1954
eccellenza privo di complessi, ad Ulisse. Dissi seccamente: «Molto
123
1954
più volte di legarsi ad un’altra donna... finalmente
124
1954
di Ulisse equivale, appunto, ad un’accettazione della situazione
125
1954
levavano fiaccamente e venivano ad invadere la breve spiaggia
126
1954
paesaggio marino; e, tutto ad un tratto, come per
127
1954
psicanalisi, applicata, per giunta, ad un’opera d’arte
128
1954
Mi scusi Rheingold», dissi ad un tratto, «forse poco
129
1954
mondo reale... Omero apparteneva ad una civiltà che si
130
1954
tu l’hai costretta ad andarsene con Battista”. Provai
131
1954
stato capace. Così, simile ad una specie di incontrollabile
132
1954
dietro a Battista e ad Emilia, fermandomi ogni tanto
133
1954
Emilia, fermandomi ogni tanto ad osservare le bellezze del
134
1954
viottolo più stretto. Improvvisamente, ad una svolta, ci apparvero
135
1954
sopra uno specchio. Dissi ad Emilia, esaltato da quella
136
1954
delle due rupi diventò ad un tratto il simbolo
137
1954
notare che aveva provveduto ad ogni cosa per il
138
1954
spinse la cortesia fino ad aprire gli armadi e
139
1954
armadi e a domandare ad Emilia se c’erano
140
1954
una poltrona e invitandomi ad imitarlo, me lo impedì
141
1954
degli uomini per credere ad un simile atteggiamento... voialtri
142
1954
questo è vero fino ad un certo punto... Rheingold
143
1954
che voi restiate fedeli ad Omero... Omero ha messo
144
1954
ce li metterete...», disse ad un tratto Battista con
145
1954
avevo venduto l’anima ad un diavolo, come tutti
146
1954
si rialzò porgendone uno ad Emilia; ella trasalì, come
147
1954
l’altra si appoggiava ad una poltrona; e non
148
1954
vi si inchinava sopra ad imprimervi la bocca; ed
149
1954
torto oscuro io passavo ad una chiara ragione; dopo
150
1954
di me, per abbandonarmi ad una simile candida e
151
1954
viene richiusa, si fa ad un tratto silenzio e
152
1954
a vanità, era dovuta ad un desiderio tutto maschile
153
1954
di glorificarsi di fronte ad Emilia e forse abbassare
154
1954
tale dovesse anche riuscire ad Emilia, la quale, nonostante
155
1954
cose a lei né ad alcun produttore... ma lei
156
1954
la stanchezza si mescolava ad ogni mio sentimento, anche
157
1954
più la mia inquietudine. Ad una mia frase insignificante
158
1954
è la verità», gridai ad un tratto, «questo lavoro
159
1954
perché decidessi», ella disse ad un tratto con improvvisa
160
1954
Ci andai: in fondo ad un viale intravidi la
161
1954
forse ridurre i Proci ad un solo personaggio, per
162
1954
riesce... la sua vita ad Itaca diventa un inferno
163
1954
il mare per tornare ad Itaca... ma sa che
164
1954
soltanto dignità... Ella tornerà ad amarlo, invece, soltanto ad
165
1954
ad amarlo, invece, soltanto ad un patto: che lui
166
1954
profonda, come di fronte ad una specie di profanazione
167
1954
mi trovai di fronte ad un bivio: dal viottolo
168
1954
sentiero minore che portava ad un belvedere sospeso sull
169
1954
quasi d’istinto, pensai ad Emilia, domandandomi come avrebbe
170
1954
sarei recato da Rheingold ad annunziargli la mia decisione
171
1954
attribuito la mia decisione ad una incompatibilità delle mie
172
1954
del sole penetravano fino ad illuminare il fondo di
173
1954
oro, che avevo donato ad Emilia qualche tempo prima
174
1954
loro lunghezza. Mi domandai ad un tratto donde mi
175
1954
malgrado, mi si atteggiava ad un’impressione incerta, smarrita
176
1954
appoggiandomi con la schiena ad uno di quei massi
177
1954
amato. Dissi, quasi pensando ad alta voce: «Questo luogo
178
1954
volontà, quasi inconsapevole. Tutto ad un tratto, senza che
179
1954
come si guarda talvolta ad un frutto prima di
180
1954
dentro la bocca, simile ad una neve gelata conservata
181
1954
come avevo desiderato, simile ad una conchiglia le cui
182
1954
disprezzo per te”. Dissi ad un tratto, con voce
183
1954
di loro non pensino ad altro. Questo non era
184
1954
energia, decisi di mandare ad effetto la prima parte
185
1954
del mio piano: andare ad avvertire Rheingold che ci
186
1954
avaro costretto suo malgrado ad un’ospitalità dispendiosa. Ma
187
1954
neppure io perché, tutto ad un tratto provai il
188
1954
ribotte, Circe la visita ad un bordello, e il
189
1954
bordello, e il ritorno ad Itaca il ritorno a
190
1954
una sosta per pisciare ad un cantone... ma almeno
191
1954
lei». ¶ «E invece», disse ad un tratto Rheingold alzando
192
1954
accordo con Battista». ¶ Sentii ad un tratto il sangue
193
1954
qualsiasi patto». ¶ «Rheingold!», gridai ad un tratto con voce
194
1954
mia voce e, tutto ad un tratto, parve riprendersi
195
1954
Battista?». ¶ «No». ¶ «Pensa lei ad avvertirlo?». ¶ «L’avverta lei
196
1954
aspirazione, Molteni... lei aspira ad un mondo simile a
197
1954
pure così: io aspiro ad un mondo simile... lei
198
1954
poltrona, atteggiando il viso ad un’espressione di sopportazione
199
1954
canto Dante fa raccontare ad Ulisse la fine sua
200
1954
andare. La riflessione appartiene ad un momento successivo o
201
1954
avrei pensato più tardi, ad azione conclusa. ¶ Giunsi alla
202
1954
momento prima. E tutto ad un tratto, forse per
203
1954
femminile, a un focolare, ad una sede stabile e
204
1954
avvenuto, ella si preparava ad un lungo soggiorno e
205
1954
io, invece, ero venuto ad avvertirla che dovevamo ripartire
206
1954
tranquilla, così prevista, ricordai ad un tratto le ultime
207
1954
detto che io aspiravo ad un mondo simile a
208
1954
che dovrei parlarti». ¶ «Va’ ad aspettarmi in salotto... ho
209
1954
si era ancora ribellata ad una situazione intollerabile, ora
210
1954
la proponeva. E tutto ad un tratto provai paura
211
1954
piedi, come in preda ad un’insofferenza subitanea: «Sì
212
1954
Perché sì», ella gridò ad un tratto, «perché sei
213
1954
o forse, come pensai ad un tratto, non sapeva
214
1954
attribuire il suo disprezzo ad una mia spregevolezza originaria
215
1954
Battista, dovuto in realtà ad un incidente del mio
216
1954
ella poteva avere attribuito ad un mio accorgimento per
217
1954
e non parlò. Sentii, ad un tratto, di arrossire
218
1954
VENTUNESIMO ¶ Eccomi dunque legato ad una dichiarazione fatta in
219
1954
andarmene. Ma avevo gridato ad Emilia che sarei restato
220
1954
un alpinista che, giunto ad un punto particolarmente pericoloso
221
1954
con lei, avrei continuato ad ignorarle. Al contrario, ero
222
1954
silenzio. In realtà, pensai ad un tratto con dolore
223
1954
mi alzai e andai ad affacciarmi al parapetto, le
224
1954
mia posizione di fronte ad Emilia, credendo invece di
225
1954
Battista si erano trovati ad interpretare Ulisse e Penelope
226
1954
forse impotente ma sincera ad una vita che non
227
1954
pensato come si pensa ad una calamità temibile, e
228
1954
Allo stesso modo, pensai ad un tratto, la mosca
229
1954
della Grotta Rossa. Dissi ad Emilia: «Sta’ attenta alla
230
1954
parti: la prima, simile ad un ingresso, è separata
231
1954
parlato e pianto davanti ad un fantasma. ¶ CAPITOLO VENTITREESIMO
232
1954
giorni prima, quando davanti ad Emilia distesa nuda al
233
1954
io avevo fatto dire ad Emilia tutte le cose
234
1954
avevo attribuito questo tempo ad uno svenimento, o per
235
1954
o per lo meno ad una specie di mancamento
236
1954
di assenza molto simile ad uno svenimento. Ma adesso
237
1954
lei non aveva risposto; ad una svolta, gli era
238
1954
effettivamente, fui così vicino ad una specie di demenza