parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alberto Moravia, Il letto sul tetto, 1950

concordanze di «di»

nautoretestoannoconcordanza
1
1950
occhi miopi a fior di pelle, la fronte calva
2
1950
voci: in falsetto, come di donna, quella di Severino
3
1950
come di donna, quella di Severino; robusta, profonda, calda
4
1950
robusta, profonda, calda quella di Pianetta. Inoltre, con tutto
5
1950
era accorto dell’antipatia di Severino; e non soltanto
6
1950
la data: il venti di novembre. In questa occasione
7
1950
mi meravigliò il contegno di Severino: affettuoso, premuroso, servizievole
8
1950
Al punto da offrirsi di trovar lui la camera
9
1950
Era al secondo piano di uno di quei fabbricati
10
1950
secondo piano di uno di quei fabbricati vecchi, lunghi
11
1950
grande distanza dal porto di Roma. La stanza era
12
1950
Roma. La stanza era di dietro, con una sola
13
1950
cintato, adibito a deposito di laterizi. Sotto la finestra
14
1950
finestra, con un dislivello di forse mezzo metro, c
15
1950
c’era il tetto di tegole di un magazzino
16
1950
il tetto di tegole di un magazzino. Più in
17
1950
un comodino. Roba andante, di legno scadente, e nello
18
1950
Pianetta rideva; lui pensava, di certo, che per lui
19
1950
Finalmente, per il venti di novembre, Severino, aggiungendo gentilezza
20
1950
gentilezza, organizzò un pranzo di amici all’osteria di
21
1950
di amici all’osteria di fronte alla casa. ¶ Io
22
1950
Pianetta. Ma la spiegazione di questo mistero venne presto
23
1950
confidò che aveva deciso di fare a Pianetta una
24
1950
noi tre alla camera di Pianetta e mettergli tutti
25
1950
apparsa, agli occhi esterrefatti di Pia e di Pianetta
26
1950
esterrefatti di Pia e di Pianetta, del tutto vuota
27
1950
non si fosse trattato di una canzonatura bensì, addirittura
28
1950
una canzonatura bensì, addirittura, di un assassinio. ¶ "Così" concluse
29
1950
rovinare la prima notte di matrimonio." Intanto, eravamo arrivati
30
1950
moderna, nuda, tutta dipinta di rosa fragola, ma salvo
31
1950
potuto essere lo stanzone di un magazzino. Sull’altare
32
1950
Madonna e qualche mazzo di fiori; i banchi erano
33
1950
fiori; i banchi erano di legno nuovo e mi
34
1950
alla camera da letto di Pianetta; faceva freddo, e
35
1950
lo spirito. ¶ Al pranzo di nozze, la sera, dimenticai
36
1950
un bicchiere un po’ di spumante e Pianetta con
37
1950
notte umida e calda di novembre, con il cielo
38
1950
il cielo nero, pieno di nuvole grige stracciate. C
39
1950
C’era un’aria di pioggia che mi fece
40
1950
a quella povera roba di Pianetta, esposta sul tetto
41
1950
Severino e Rodolfo trasportavano di fuori l’ultimo mobile
42
1950
e mi arrabbiai ancor di più e gridai di
43
1950
di più e gridai di nuovo: "Ahò, mi sentite
44
1950
mi giunse la voce di Severino: "Ma piantala... non
45
1950
che si dimostrò pieno di spirito, da quel giovanotto
46
1950
notte sul tetto?". ¶ Corsero di nuovo molte parole tra
47
1950
Quello che mi dispiace di più è che Pianetta
48
1950
vai?" domandò la voce di Severino, spaurita. Risposi che
49
1950
stati un po’ meno di tre metri; mettendo il
50
1950
forse si era accorto di aver fatto una scemenza
51
1950
i piedi sul tettino di latta della porta, e
52
1950
sportivo. Era la volta di Severino. Prima sedette sull
53
1950
aver tentato più volte di rimetterlo in piedi, dovemmo
54
1950
io andavamo in cerca di un taxi. In macchina
55
1950
letto, ingessato, un paio di mesi. Gli sposini gli
56
1950
abbiamo saputo più nulla di loro.