parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «disse»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
le sorrise e le disse ¶ – Sta per tornare il
2
1991
signor Rail e Stitt disse Sta per tornare il
3
1991
chiese niente. Lui non disse niente. La servitù disfece
4
1991
dentro gli occhi gli disse ¶ – Ascoltami, Andersson... se noi
5
1991
Jun negli occhi le disse semplicemente – posando una mano
6
1991
spalla del ragazzino – le disse – proprio mentre il ragazzino
7
1991
e la sua bellezza – disse ¶ – Si chiama Mormy ed
8
1991
possono confermare tutti. Lo disse con dolcezza. Poteva dirlo
9
1991
infinita e invece lo disse con dolcezza. Bisognava immaginarselo
10
1991
vuoi... ¶ Ma Jun non disse nulla. Semplicemente, senza che
11
1991
il proprio stupore, Jun disse ¶ – Ti prego, non dirlo
12
1991
grande. Ce la farai – disse a Pehnt. ¶ Per facilitare
13
1991
percorso della via ferrata... – disse Bonetti. ¶ – Prego? ¶ – Voglio dire
14
1991
perfettamente ragione, signor Rail – disse. ¶ – Grazie, signor... ¶ – Bonelli. ¶ – Grazie
15
1991
lo avesse colpito. ¶ – No – disse. ¶ – Perché no? ¶ – Perché lì
16
1991
rivolto ai due ospiti disse ¶ – I signori vorranno scusarci
17
1991
il foglio a Andersson disse ¶ – Non è esattamente uno
18
1991
si faceva portare, non disse nulla... vede, questo è
19
1991
al tavolo e semplicemente disse, come tutti gli altri
20
1991
occhi da terra mi disse piano... mi disse qualcosa
21
1991
mi disse piano... mi disse qualcosa come ‘mi spiace
22
1991
di me e mi disse ‘Tu sei la donna
23
1991
per un po’. Non disse nulla. Ma a un
24
1991
Dobbiamo aver sbagliato qualcosa – disse il signor Rail. ¶ – Evidentemente
25
1991
il signor Rail. ¶ – Evidentemente – disse il vecchio Andersson. ¶ – Trenta
26
1991
vecchio Andersson. ¶ – Trenta centimetri – disse uno dei signori venuti
27
1991
gran macchina. ¶ – Anche meno – disse l’altro signore venuto
28
1991
di essere maledettamente sola – disse Jun. ¶ – Ti piace? ¶ – È
29
1991
solo dopo qualche istante disse qualcosa, ma molto piano
30
1991
ordinato. “In ordine alfabetico” disse. E per prima, una
31
1991
quel momento che Mormy disse una delle trenta parole
32
1991
Venne un medico e disse ¶ – Ha il cuore a
33
1991
moda di allora. Non disse nulla. Taceva anche il
34
1991
la voce di Andersson disse ¶ – Addio, signor Rail. ¶ Un
35
1991
in quegli occhi strani, disse ¶ – Io mi chiamo Hector
36
1991
si chiamava Mormy. Non disse una parola. Mangiava con
37
1991
Parigi, un giorno... – le disse, salutandola, Horeau. ¶ – No... non
38
1991
dovrei. Davvero. ¶ Ma lo disse con allegria. Bisogna immaginarselo
39
1991
però una cosa la disse. ¶ – È un bel nome
40
1991
fine, invece di rispondere, disse, più semplicemente ¶ – Sa una
41
1991
e anche Pekisch mi disse un giorno ‘è stato
42
1991
e allora Pekisch gli disse ‘parti il giorno di
43
1991
poi parti’, così gli disse... il fatto è che
44
1991
volta lui ce lo disse, questa musica è mia
45
1991
di mettersi a provare, disse a bassa voce ‘questa
46
1991
anche la padrona lo disse, ‘è stato meraviglioso’ disse
47
1991
disse, ‘è stato meraviglioso’ disse... e mi disse ‘hai
48
1991
meraviglioso’ disse... e mi disse ‘hai suonato benissimo, Kuppert
49
1991
telegrafarono qualcosa e lui disse a Jun che non
50
1991
chiamò Brath e gli disse: ¶ – Sta per tornare il
51
1991
anni. Ma sorrise, e disse piano ¶ – Scusami, Dann. Ma
52
1991
lo interruppe e gli disse ¶ – Voglio che i suoi
53
1991
cielo. Guardò e poi disse: “Un falco. Portate un
54
1991
Portate un falco”. Non disse altro e se ne
55
1991
fine? Fino alla fine, disse Rebecca. Ed è così
56
1991
dal leggio gli spartiti. Disse Forse bisognerà chiamare qualcuno
57
1991
qualcuno. Uno dei violinisti disse Io da qui me
58
1991
avvicinò alla finestra e disse Cos’è quella luce
59
1991
per quel pacco, capisci? Disse che doveva portarlo laggiù
60
1991
di dire ¶ – Buona notte ¶ disse ¶ – Quando parti? ¶ – Domani. ¶ Accadono
61
1991
una grande busta e disse ¶ – Da parte di un
62
1991
senza nemmeno salutare e disse perentorio ¶ – Signora Abegg, le
63
1991
alla prima pagina e disse ¶ – Sì. ¶ Senza tristezza, però
64
1991
Mi guardò e mi disse due cose: Tu sei
65
1991
partita. Mio padre non disse niente. Mia madre piangeva