parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alberto Moravia, I racconti, 1952

concordanze di «egli»

nautoretestoannoconcordanza
1
1952
Ella si voltò ed egli vide che era proprio
2
1952
ho fissato una stanza," egli disse appena si fu
3
1952
La tua cara mano," egli disse in un soffio
4
1952
a fare un tuffo," egli annunziò levandosi. ¶ La donna
5
1952
seguito con gli occhi. Egli si sarebbe allora gettato
6
1952
per lui qualche sentimento. ¶ Egli si inerpicò sullo scoglio
7
1952
insenatura. Per un poco egli remò con forza, spingendo
8
1952
prua nella ghiaia. Quindi egli balzò a terra e
9
1952
ad un certo momento," egli disse con rancore. ¶ "Non
10
1952
dispettosa e Sandro remava. Egli manteneva la barca accosto
11
1952
l’aveva ormai asciugato, egli si chinò, prese dalla
12
1952
braccio come per richiamarlo. Egli prese a remare più
13
1952
venuto. ¶ Quando si separarono egli le domandò quasi con
14
1952
bestia agile, sospettosissima, inafferrabile, egli pensò, una lucertola, una
15
1952
svanire la preda ambita. Egli non doveva fare più
16
1952
donna. Così doveva fare, egli pensò, non darle importanza
17
1952
la strada in salita, egli si sentì quasi sicuro
18
1952
Sandro sedendosi con soddisfazione. Egli sapeva che l’amante
19
1952
voglia di ripartirne." Ora egli aveva una gran volontà
20
1952
finestra dalle persiane spalancate. Egli si affacciò alla finestra
21
1952
come in quel momento egli aveva tanto tenuto a
22
1952
ella teneva al dito. Egli si levò, fece il
23
1952
sarebbero distesi sul letto. Egli provava un senso piacevole
24
1952
della donna che amava. Egli si tirò a sedere
25
1952
che partisse pure francamente, egli non avrebbe mosso un
26
1952
corpo ridondante era ridicolo. Egli notò che sotto i
27
1952
le tre del pomeriggio. Egli rientrò nella stanza e
28
1952
che Giacomo amava assai. Egli beveva lentamente la buona
29
1952
a quello delle donne. ¶ Egli adesso si trovava sempre
30
1952
nonostante avesse accettato che egli sedesse al loro tavolo
31
1952
a Milano cosa fate?" egli domandò alla Lori. ¶ "Cosa
32
1952
da quelle della sorella, egli risalì lungo l’anca
33
1952
domandò allegramente Giacomo. ¶ Ora egli teneva le due donne
34
1952
interrompere i nostri rapporti. ¶ Egli accolse con molta sorpresa
35
1952
forte di ogni ritegno. Egli mi guardava come soppesando
36
1952
esclusiva dell’amore femminile, egli cercasse di sottrarre alle
37
1952
in purezza, senza che egli riferisca i tuoi discorsi
38
1952
finestra aperta o no." ¶ Egli gettò sul letto la
39
1952
Chiacchierando, scherzando e ridendo, egli si rivestì in fretta
40
1952
però, che tutto questo egli lo faceva col viso
41
1952
allegria smodata e sarcastica. Egli si voltò ad un
42
1952
sorbendo il caffè quando egli si voltò improvvisamente e
43
1952
potesse rialzarsi senza che egli se ne avvedesse; intanto
44
1952
È impossibile," rispose Giovanni. ¶ Egli si mosse dalla soglia
45
1952
cui l’aveva iniziato, egli troncò questo gioco e
46
1952
ti par nulla questo?" ¶ Egli mi guardò di traverso
47
1952
cose stavano davvero come egli diceva, non vedeva perché
48
1952
con una voce querula. "Egli veniva sempre a vedere
49
1952
la condotta di Mostallino, egli si disse ancora; e
50
1952
già tante volte rimandato, egli si avvicinò a Monica
51
1952
tendeva le labbra abbandonandosi, egli si tirò indietro. Ella
52
1952
mano; e Mostallino comparve. ¶ Egli spiegò che aveva dovuto
53
1952
irritata contro di me?" egli domandò avvicinandosi alla donna
54
1952
Lei mi piace molto," egli riprese, "ma non posso
55
1952
sarebbe piaciuto. Che allora egli aveva voluto mettere alla
56
1952
fronte al mare deserto, egli preferì la casa e
57
1952
cui pian piano finiva egli stesso per credere? ¶ Ora
58
1952
ormai era quasi buia; egli pensava che il gatto
59
1952
si fece buio ed egli si destò davvero, questa
60
1952
tenebre in cui sperduto egli si aggirava, e due
61
1952
del meccanico. ¶ "Sì, mamma," egli disse ubbidiente. ¶ "Ti abbiamo
62
1952
con palese desiderio che egli non ne parlasse alla
63
1952
in cima alla scala, egli inclinò la candela in
64
1952
divampò dalla tabella, accecato egli cadde indietro, con un
65
1952
si spensero, nell’oscurità egli si sentì portato come
66
1952
secondo le raccomandazioni paterne. Egli era come i bambini
67
1952
presto messo nei pasticci. Egli si trovava in una
68
1952
un senso di euforia, egli doveva ridere fino alla
69
1952
delle case cantoniere che egli si sporgeva ad ingiuriare
70
1952
provava la minima apprensione. Egli era ormai vicino all
71
1952
subito, protestò con vivacità. Egli era amico di Cosma
72
1952
alla richiesta della guardia. Egli aveva avuto dal commissario
73
1952
a riconoscere quegli scellerati: egli ardeva di vendicare la
74
1952
balletto, raddoppiava il passo. Egli era gelato in viso
75
1952
aspramente nella schiena che egli gemette. "Qui avete girato
76
1952
Ataman la consueta sicurezza. Egli andò avanti con franchezza
77
1952
di avere queste fortune..." Egli cercava in tal modo
78
1952
indietro. ¶ Quanto a Cosma: egli era stato salvato dal
79
1952
fare era fingersi morto. Egli non capiva dove la
80
1952
seppe che fare. Poi egli sentì una mano accarezzargli
81
1952
arruffata e diffidente. Stringeva, egli lo vide subito, la
82
1952
rami e di foglie, egli vide chiaramente due corpi
83
1952
la donna precedendo Cosma. Egli ora si sentiva combattuto
84
1952
l’apertura della sahariana. Egli si sentiva stimolato a
85
1952
la vita a cui egli la costringeva; cercando spesso
86
1952
grande effetto su Cosma. Egli era inesperto, soprattutto in
87
1952
disse a Cosma che egli poteva riposare a suo
88
1952
quando avrebbe saputo come egli si fosse lasciato per
89
1952
nella mano, in cui egli ravvisò subito la sua
90
1952
gridava, come si avvicinò egli sentì che pregava la
91
1952
comandante con il quale egli avrebbe potuto spiegarsi. Concluse
92
1952
c’entrava e che egli le doveva la vita
93
1952
chiusa e cupa, che egli desiderava aiutarla. Ma il
94
1952
capiva adesso che, mentre egli parlava all’Albina nella
95
1952
gli riportava l’amante. Egli lasciò il belvedere e
96
1952
orlo della strada. Allora egli vide l’amante. ¶ Aspettò
97
1952
attorcigliava una frusta cravatta, egli faceva pensare ad un
98
1952
pareva deciso. "Ci andrai," egli disse; e con un
99
1952
dagli occhi di Tarcisio. Egli stette un momento in
100
1952
invaghiti rivolti alla ragazza, egli scorse il cameriere. La
101
1952
e divertendosi al pensiero. Egli era allora capace di
102
1952
in perlustrazione. ¶ Ma ora egli non aveva alcuna ragazza
103
1952
avviato a qualche commissariato. ¶ Egli era, insomma, ben diverso
104
1952
servizio l’avevano, come egli stesso si esprimeva, fatto
105
1952
C’era lì dentro, egli pensava, di che viver
106
1952
lavorare per qualche anno. Egli si confidò con un
107
1952
lo amasse e che egli potesse colmare di doni
108
1952
bambini, di questa moglie, egli provava un acuto, lamentoso
109
1952
l’insofferenza della solitudine. Egli era ricco e la
110
1952
in quella villa che egli aveva acquistato apposta per
111
1952
manifestare la propria gelosia, egli annunziò a Gilda che
112
1952
del Sangiorgio. A piedi, egli si avviò per le
113
1952
guanti e le ginocchia, egli pensava, assurdamente, che quella
114
1952
in casa, fu atterrito. Egli aveva sì sospettato; ma
115
1952
al compagno di seguirlo. Egli sapeva che nel salotto
116
1952
fosse del tutto disabitata. Egli attraversò l’anticamera e
117
1952
lo metteva questa passione, egli si era risolto a
118
1952
onore della donna amata. Egli non era un ladro
119
1952
altro si stupiva che egli potesse pensare a certe
120
1952
Ma per ottenere questo egli doveva aver fiducia in
121
1952
resto l’aveva avvertito: egli non doveva capitarle in
122
1952
troppo per il Sangiorgio. Egli si alzò in piedi
123
1952
inceppato, ricominciava a riflettere. Egli si disse che aveva
124
1952
una guardia, la quale, egli lo vide subito, pareva
125
1952
assassino della moglie sua. Egli pensava alla menzogna dell
126
1952
tutto un inganno, pensava. Egli capiva tutto, ora: l
127
1952
rigida e infastidita malinconia. Egli era ritenuto dai più
128
1952
perpetuo riflesso di luna. Egli non era triste e
129
1952
ripetesse a Perrone che egli non era quello che
130
1952
degli amici comuni che egli aveva portato seco una
131
1952
mortale freddezza. Che, comunque, egli non voleva più sentirlo
132
1952
perfettamente le cose che egli con tanto calore gli
133
1952
di un malessere mortale. Egli si disse che se
134
1952
buon quarto d’ora. Egli pensò che molto probabilmente
135
1952
a prepararmi, a organizzarmi." Egli si disse che questo
136
1952
fu vicino, saputo che egli era arrivato in anticipo
137
1952
discorsi la consueta foga, egli si accorgeva con dispetto
138
1952
ganza di un signore, egli non voleva mai più
139
1952
di Monterey. "Su, Monica," egli incitò alla fine di
140
1952
aveva temuto e calcolato. Egli cercò di opporsi obbiettando
141
1952
la donna. Ultimo Perrone. Egli sentiva il passo pesante
142
1952
gli batteva con violenza, egli pensava che nulla gli
143
1952
dal vento. ¶ "Non so," egli urlò. ¶ Monica rise di
144
1952
l’inferno la bacerò," egli pensò comprando i biglietti
145
1952
antipatico. Non era bello, egli rifletté guardandosi con attenzione
146
1952
alla ragazza occhiate che egli credeva discrete, ed erano
147
1952
pareva duro e secco, egli ne staccò un pezzo
148
1952
vestito chiarissimo color caffelatte. Egli sedette con disinvoltura, trasse
149
1952
un’ora prima; imbarazzato egli osservò per un momento
150
1952
Santina gli cascò addosso. Egli avrebbe voluto approfittare dell
151
1952
Ma quando, come prima, egli tentò di abbassare la
152
1952
di monete d’argento. Egli le corre vicino, la
153
1952
sempre più contro Gianmaria. Egli rende l’abbraccio, ma
154
1952
minacciose sul bianco letto, egli si dibatte con maggiore
155
1952
fradicio di freddo sudore egli sorse a sedere e
156
1952
grigie e serrate. Rabbrividendo, egli percorse tutto quel braccio
157
1952
non ti muoverai ed egli parlerà in tua presenza
158
1952
cantante si fece sentire, egli spinse la porta ed
159
1952
levatosi a sua volta, egli si avvicinò al gruppo
160
1952
che battevano, a lungo egli aspettò. Così a lungo
161
1952
né concedersi alcuno svago; egli si sentiva in quelle
162
1952
con irritazione che sentiva egli stesso ingiusta perché capiva
163
1952
Luca non puoi immaginartelo...!" ¶ Egli la guardò con freddezza
164
1952
me due anni fa," egli non poté fare a
165
1952
altra parte, ricordò come egli stesso si fosse recato
166
1952
a casa tua; ma," egli la guardò fissamente e
167
1952
un progetto di villino, egli mi mandò a chiamare
168
1952
o Le Corbusier, che egli proteggeva i giovani, che
169
1952
sono in questo stato..." ¶ Egli era adesso commosso e
170
1952
già vinto del giovane, egli si precipitò sul divano
171
1952
sebbene sia orribile che egli sia stato arrestato... ma
172
1952
Sì, è Bosso," rispose. "Egli mi faceva la corte
173
1952
di un altro uomo, egli continuava a figurarsi Marta
174
1952
gli sguardi verso Luca. ¶ Egli passeggiava in su e
175
1952
bambino benché non suo, egli pensò, ma più bella
176
1952
idea..." ¶ "Quale?" ¶ "La solita," egli disse con un sorriso
177
1952
la rivalità per Marta, egli non avrebbe potuto mai
178
1952
sicuri del fatto loro, egli rifletté, da non curarsi
179
1952
maniera questa volta irreparabile, egli stava di nuovo per
180
1952
momento mio caro giovanotto," egli cominciò inarcando le sopracciglia
181
1952
fu tutt’uno; ed egli compì tutti questi gesti
182
1952
nella macchina, guiderò io," egli disse con voce calma
183
1952
sono state gettate. Tuttavia egli si ostinava a sperare
184
1952
tanti, durante l’estate, egli lasciava la città per
185
1952
all’avvicinarsi dell’inverno, egli provava il brivido insieme
186
1952
una rete spietata. Sempre egli sperava che tra essi
187
1952
piena di malcelato entusiasmo, egli mosse molte domande a
188
1952
fondo alle tenebre, ed egli rientrò nello scompartimento. Il
189
1952
di sorridere pensando quanto egli, così composto e discreto
190
1952
propizio; e poi, mentre egli si raccapezzava a cercare
191
1952
Con gente come quella egli poteva benissimo, arrivando, avere
192
1952
con l’odiata realtà. Egli entrò nell’androne buio
193
1952
il colmo dell’indiscrezione, egli pensò, il colmo dell
194
1952
fianco di tuo marito. Egli ha molti torti, è
195
1952
bisogna perdere ogni speranza... egli è ancora giovane, è
196
1952
bravo Tullio..." ¶ Questa volta egli non poté fare a
197
1952
porta, aprirla, e poiché egli accennava un gesto come
198
1952
sono di R..." ed egli fece il nome di
199
1952
troppe meschinità, troppi pettegolezzi," egli storse la bocca e
200
1952
e le case intorno..." Egli si frugò in tasca
201
1952
pensò Silvio; e che egli stesso si sentisse imbarazzato
202
1952
sul viso del Mancuso. Egli non pareva affatto persuaso
203
1952
era chiaro, alla fidanzata egli era obbligato per questo
204
1952
un quartiere di villini, egli trovò il numero che
205
1952
che qualcuno venisse ed egli, sbrigate le sue faccende
206
1952
ho portato... eccolo qui..." Egli svolse il rotolo dei
207
1952
gli rispondeva sempre come egli pensava che dovesse rispondere
208
1952
essere per nulla sentimentale, egli pensò divertito, né lagrimosa
209
1952
passati pochi minuti ed egli, stordito dal profumo e
210
1952
di lì per caso. Egli vide una faccia larga
211
1952
bramosa, trafelata. L’impressione, egli pensò, di chi sporgendosi
212
1952
vita. Se io signora," egli soggiunse non senza enfasi
213
1952
aveva spiegato sulla tavola. Egli guardò e osservò che
214
1952
bambini che potranno nascere," egli continuò asciugando con il
215
1952
alla porta; e così egli varcò la soglia del
216
1952
Sotto le sue labbra, egli sentì la mano e
217
1952
vaste così che agevolmente egli aveva potuto trasformarla in
218
1952
Cherini, subito dopo pranzo, egli sedette al tavolone e
219
1952
che fin da allora egli desiderasse riparare sposandomi. Ma
220
1952
il filo a piombo. Egli li osserva con un
221
1952
È una casa nuova, egli ripete con compiacenza, nuova
222
1952
apprensione e ribrezzo. Ma egli non è alla fine
223
1952
tenaglie e di code. Egli è soverchiato dal ribrezzo
224
1952
delle elitre: "Al fuoco," egli pensa, "al fuoco... bruciare
225
1952
dorato delle cicale; dormendo egli si era alquanto piegato
226
1952
al quale era costretta, egli non poté fare a
227
1952
Fremeva, sbatteva gli occhi; egli osservò con freddezza come
228
1952
corno di caccia. Era, egli pensò osservandola, tutta una
229
1952
muta ed enfatica dimostrazione: egli aveva messo in dubbio
230
1952
si allontanò; assai sconcertato egli rientrò nella pensione. ¶ Il
231
1952
gli bruciacchiò le dita, egli bestemmiò un paio di
232
1952
bianca, rigido nei gesti, egli aveva molto del provinciale
233
1952
riconoscendolo, neppure lo salutò. Egli lasciò la ghiaia del
234
1952
erano immersi nell’ombra, egli salì in punta di
235
1952
faceva migliore figura. No, egli concluse, una questione morale
236
1952
il rovescio della medaglia, egli pensò, l’equivalente logico
237
1952
al suo solitario ed egli la vedeva, lì, sulla
238
1952
giorni passarono senza che egli trovasse mai un’occasione
239
1952
cena, ad ogni costo, egli avrebbe parlato a Santina
240
1952
realtà era gelida. Appena egli udì scoppiare nel corridoio
241
1952
mortificarlo, preferirono non avvertirlo. Egli si illuse allora di
242
1952
essere riparabili, tacque daccapo. Egli aveva in quel tempo
243
1952
simili cose poco costose. Egli affermava che l’amore
244
1952
per affermare il contrario. ¶ Egli abitava in un palazzo
245
1952
un’anticamera di ministero. ¶ Egli abitava solo con la
246
1952
sempre fissi su Tullio. Egli le parlava e lei
247
1952
buonumore di Tullio. Appena egli aveva finito, lo faceva
248
1952
affetto. In casa sua egli dormiva e mangiava, sua
249
1952
a cui ogni anno egli veniva aggiungendo una torre
250
1952
senza rinunziare a nulla, egli viveva come gli piaceva
251
1952
scoppiava un litigio ed egli si accorgeva non soltanto
252
1952
naso rosso e spugnoso egli era proprio uno di
253
1952
sia riserbo, taceva ascoltandolo. Egli parlava di un po
254
1952
come per il Locascio. Egli parlava loro pochissimo e
255
1952
meglio il suo profumo. Egli pareva ammirare molto la
256
1952
non se lo confessasse, egli aveva trovato proprio quello
257
1952
un sogno. E che egli, in fondo, fermamente, seppure
258
1952
qualche retrovia. Non diversamente egli aveva lusingato la propria
259
1952
volentieri fatto a meno. Egli evitava, è vero, non
260
1952
frasi. Alle quali prudentemente egli evitava di rispondere. Poi
261
1952
costernata con la quale egli riceveva questa dimostrazione di
262
1952
ricorresse a lui, che egli fosse obbligato ad aiutarla
263
1952
darle l’impressione che egli fosse in grado di
264
1952
punto arrossendo, "è che egli si è fatto prestare
265
1952
era l’idea che egli, innegabilmente, si trovava nelle
266
1952
avesse. "Pensavo a lei," egli mentì, "ma... ma cosa
267
1952
a Tullio di seguirla. Egli non poté fare a
268
1952
arrivederci Valentino, arrivederla Monari," egli disse alla fine inchinandosi
269
1952
dormiveglia, e, pur dormendo, egli non cessava un solo
270
1952
confusione parve dissiparsi ed egli entrò in un sogno
271
1952
fuochi dell’accampamento nemico. Egli si tiene più nascosto
272
1952
aureola di capelli disfatti. Egli ora spia con terrore
273
1952
due braccia al collo. Egli vede benissimo, tra gli
274
1952
lamentose di vittime trucidate. Egli aveva contato sulla lontananza
275
1952
quella furia di distruzione, egli sarà salvo. Detto e
276
1952
Tullio, il viso che egli aveva al suo risveglio
277
1952
te lo ha detto?" egli gridò preso da furore
278
1952
come fai tu ora..." Egli si distaccò con un
279
1952
ragione, da qualche tempo egli deperiva, era inquieto, si
280
1952
avvenuto ieri sera... telefona." Egli disse ancora alcune frasi
281
1952
di quella donna smaniosa, egli tornava alle dolci consuetudini
282
1952
vita agiata e sicura? Egli passò davanti la porta
283
1952
che ogni giorno, quando egli vi passava per recarsi
284
1952
ferro dai vetri opachi. Egli ascese piano tenendosi alla
285
1952
verso di lui. Allora egli riconobbe la De Gasperis
286
1952
al buio. Allora, come egli cercava a tastoni il
287
1952
Che bestialità ho fatto," egli pensò ad un tratto
288
1952
ora incominciare a spendere. Egli si sforzò di sorridere
289
1952
gli sguardi di Girolamo; egli pensa ad un tratto
290
1952
l’avevano subito deluso: egli era sanissimo, non c
291
1952
miserabile stato. Del resto egli lo sapeva ("ancora una
292
1952
venuta all’appuntamento che egli stesso le aveva dato
293
1952
stanza in modo che egli, arrivando nella notte fredda
294
1952
trasognati di Lorenzo. "Piove," egli rispose. Ci fu un
295
1952
Sempre senza dir parola, egli le sedette accanto, e
296
1952
lungo, muto e stravolto, egli la guardò senza muoversi
297
1952
così?" ¶ A queste parole egli fermò il bicchiere che
298
1952
simpatia. Tutto era perduto, egli rifletteva pieno di sofferenza
299
1952
alla fresca notte invernale, egli sentì la mente, simile
300
1952
al padrone di casa, egli la trattava un po
301
1952
affusolate del magro corpo. Egli osservò soprattutto l’eleganza
302
1952
leggera, come di disgusto. Egli osservò che le labbra
303
1952
Pur camminandole a lato, egli cercava di reprimere il
304
1952
con una sua governante. Egli si indispettiva oltremodo di
305
1952
nera riempiva questo salone, egli avanzò a tastoni urtandosi
306
1952
al giovane. Era chiaro, egli pensò, che tutto quell
307
1952
quel giovane. Così ora egli sapeva quel che ella
308
1952
villa. L’anno dopo egli avrebbe passato l’estate
309
1952
tirarlo nella discussione. Ma egli si schermiva dal parlare
310
1952
almeno per quell’anno, egli non sarebbe più tornato
311
1952
solitudine e di studi egli incominciava davvero ad amare
312
1952
quelle sere a tavola egli parve più strano e
313
1952
marito, padre di bambini?" egli rise di nuovo e
314
1952
beghe universitarie di cui egli avrebbe presto trionfato grazie
315
1952
valore delle bozze che egli le squadernava sotto il
316
1952
riflettessero pure quanto volevano, egli capiva benissimo che in
317
1952
di diventare sua moglie, egli avrebbe ricevuto la risposta
318
1952
al Vagnuzzi ottima impressione. Egli pensò, come tanti altri
319
1952
qualche frase maligna che egli, incomprensivo e ignaro di
320
1952
società elegante e mondana. Egli non arrivava al disprezzo
321
1952
suo professorato. E che egli parlava in quel modo
322
1952
settembre dal loro viaggio, egli le disse che, almeno
323
1952
quello che ci voleva, egli pensava, per conquistare tanto
324
1952
perché aspirava a viverne. Egli fece portare del vino
325
1952
Alla salute di Piagnuzzi," egli gridava ogni tanto storpiando
326
1952
con sicurezza che anch’ egli provava tale sentimento. Ma
327
1952
di caffè: la Coceanu, egli spiegò, era dovuta uscire
328
1952
si divertiva. Quel giorno egli si trattenne dopo colazione
329
1952
ne ringraziò il Vagnuzzi. Egli rispose che era lui
330
1952
il Vagnuzzi aveva temuto. Egli sedeva tutto il giorno
331
1952
delirava o giaceva prostrata, egli ebbe agio di riflettere
332
1952
dalle risposte di Gemma egli aveva potuto intendere ben
333
1952
cui, per fatalità inevitabili, egli si vedeva costretto ad
334
1952
più nobili e disinteressate. Egli leggeva diligentemente tutti i
335
1952
la cordialità più rilasciate, egli affermava di possedere uno
336
1952
sua vita, senza che egli se ne accorgesse, anno
337
1952
alla sfavorevole impressione che egli avrebbe potuto riceverne (la
338
1952
massima importanza. "Tutto qui," egli non poté fare a
339
1952
che aveva appreso che egli era diventato assai ricco
340
1952
quanto zucchero desiderasse ed egli ebbe ad un tratto
341
1952
stipo in un angolo, egli aprì distrattamente un cassetto
342
1952
che essere tanto calma, egli pensava con dispetto, un
343
1952
saputo dirlo. Alla fine egli trasse dal mucchio con
344
1952
una nave nella notte. ¶ Egli frugò ancora nel cassetto
345
1952
testa dall’arma che egli le puntava per giuoco
346
1952
bicchiere. "Vecchia e sola," egli continuava intanto a ripetere
347
1952
fumo. ¶ Nel corridoio oscuro, egli la prese per le
348
1952
viso duro e avvenente. Egli non era portalettere o
349
1952
mangiarono. A vederla cucinare, egli disse finalmente, si poteva
350
1952
Ma per che farne?" egli insistette. "Per comprarti dei
351
1952
nuda con la guancia. ¶ Egli l’interruppe a questo
352
1952
Più tardi, nella notte, egli la vide voltarsi verso
353
1952
corpo ferito a morte. ¶ Egli la guardava; poi si
354
1952
Poi, non senza sforzo, egli si raddrizzò, andò nel
355
1952
senza aprire gli occhi. ¶ Egli uscì dalla stanza, poi
356
1952
sulle cui membra esanimi egli si sarebbe gettato lagrimando
357
1952
gli occhi "per fortuna" egli pensò ma la bocca
358
1952
non era raro che egli stesso cominciasse a parlare
359
1952
certo esagerato pregare che egli chiedeva che gli venisse
360
1952
mi renda la fotografia..." ¶ Egli sapeva che in questo
361
1952
l’impegno, così perdutamente egli aderiva a questa realtà
362
1952
misterioso supplizio, e inutilmente egli prometteva di essere docile
363
1952
nel cuor della notte egli si destava, tremava per
364
1952
quale con ogni sforzo egli doveva cercare di rassomigliare
365
1952
Girolamo, la donna partiva; egli tornava alla compagnia del
366
1952
l’amicizia del Brambilla, egli avrebbe sedotto la ragazzina
367
1952
bene, per le feste egli aveva ricevuto dei regali
368
1952
la sua sensibilità che egli ne soffriva in modo
369
1952
un tratto scomparve, ed egli si sentì fin troppo
370
1952
soprattutto inutile. Non che egli pensasse che bisognava essere
371
1952
neppure di che cosa egli parlava, perché ebbe un
372
1952
il braccio restò come egli l’aveva messo, inerte
373
1952
chiuso del tutto, che egli s’era già ributtato
374
1952
di intimità. Ogni tanto, egli si tirava indietro sul
375
1952
se ne andava ed egli restava in questa sua
376
1952
agognata, ora questo scopo egli non avrebbe potuto raggiungerlo
377
1952
potessero essere queste conseguenze egli non avrebbe saputo dire
378
1952
E quanto a Girolamo, egli si accorgeva che quell
379
1952
bene." ¶ Quasi ogni giorno egli si faceva portare a
380
1952
per le intenzioni che egli ci metteva, gli pareva
381
1952
nella mente di Girolamo, egli provava una specie di
382
1952
che avvolgeva la soglia. Egli avrebbe voluto alzarsi sul
383
1952
il suo corpo; macchinalmente egli si rannicchiò come poteva
384
1952
padre, sorride con rassegnazione; egli è d’accordo con
385
1952
strada. Dopo un momento egli ci raggiunse. ¶ Subito l
386
1952
ci vuole per te." ¶ Egli mi guardò, come soprappensiero
387
1952
soppesandone la massa morbida, egli svolse i capelli, li
388
1952
disse Giovanni. ¶ Nell’anticamera, egli mi aprì la porta
389
1952
per lui; e che egli, trattandola a quel modo
390
1952
l’aveva fatta, come egli diceva, ma che cosa
391
1952
alla sua graziosa figliola." ¶ Egli scherzava, parodiando i resoconti
392
1952
un grido generale, evidentemente egli era molto apprezzato in
393
1952
stessa negligenza che se egli fosse stato un servitore
394
1952
di gran fama. Quindi, egli uscì dal bar e
395
1952
come un fuscello, Giovanni. Egli andò alla grossa radio
396
1952
commendatore. ¶ Turgido e ansimante egli girava intorno alla sua
397
1952
metà del corridoio; qui, egli aprì una porta e
398
1952
una compiaciuta esagerazione. ¶ "Basta," egli disse respingendola con violenza
399
1952
ancora di essere interrotto, egli si fermava, quasi che
400
1952
non sposo una Morini..." ¶ Egli si voltò verso di
401
1952
paura del commendatore?" ¶ "Paura," egli alzò le spalle, "ha
402
1952
tua e dormire solo?" ¶ Egli rise. ¶ "A casa mia
403
1952
qualcuno mi aspetta..." ¶ "Chi?" ¶ Egli rise di nuovo: ¶ "Chi
404
1952
di Giovanni. ¶ "Ma Teresa..." ¶ Egli rise ancora, di gusto
405
1952
stupido. ¶ Alle mie parole, egli si era messo a
406
1952
fa a tornare indietro?" egli rispose leggermente. ¶ Cavò di
407
1952
Come? con le mani?" egli domandò ironicamente. Ella non
408
1952
giovane suonava falsa perché egli pareva oltremodo sicuro di
409
1952
lo giuro." ¶ "Allora andiamo." ¶ Egli chiuse lo sportello della
410
1952
detto tante volte Ornella," egli la rimproverò, "che non
411
1952
Ma non lo sai," egli disse leggermente e quasi
412
1952
separarono. ¶ "Quest’orribile rossetto," egli rispose in tono vanitoso
413
1952
il compagno con soddisfazione. Egli andò all’uscio della
414
1952
ribrezzo. "Quante storie, entriamo," egli ripeté prendendola per un
415
1952
uno scomodo malessere; visibilmente, egli avrebbe preferito che non
416
1952
patito e neppure voi," egli osservò. Effettivamente, la donna
417
1952
brutto, è un delitto," egli insistette con ostinazione. ¶ "Rubare
418
1952
riflessiva. ¶ "E io allora?" egli rispose indicando il piede
419
1952
moglie non rispose nulla. Egli levò la mano e
420
1952
dignità offesa di cui egli la sapeva del tutto
421
1952
ciascuna onda. "Vogliamo scendere?" egli propose infine. ¶ La moglie
422
1952
me piace il vento," egli disse. E tutto solo
423
1952
m’importa delle mine," egli rispose con una spallucciata
424
1952
bianchezza soffice della rena. Egli si fermò un momento
425
1952
fare?" domandò. ¶ "Vogliamo mangiare?" egli rispose in tono allegro
426
1952
pineta." Senza aspettare risposta, egli prese dal sedile posteriore
427
1952
intorno la testa... ora," egli continuò con voce improvvisamente
428
1952
con un atteggiamento ohe egli sentiva sempre più malcontento
429
1952
fatta fare alla cameriera." ¶ Egli spiegò sull’erba un
430
1952
prosperose sulla sua disperazione, egli pensò, anzi si nutrivano
431
1952
abbiamo già tanto parlato." ¶ Egli strisciò con fatica sull
432
1952
prigione soltanto pochi giorni," egli osservò, "e poi si
433
1952
comandavano." ¶ "Ma non basta," egli disse, "che carica avevo
434
1952
di Lorenzo. Questa ignoranza, egli pensò, era molto peggio
435
1952
delle scarpe troppo alte. Egli capiva che sarebbe stato
436
1952
non era questo che egli aveva voluto ottenere portandola
437
1952
silenzio e l’immobilità. Egli stava supino sull’acqua
438
1952
di un celeste tenero. Egli posò le mani sulla
439
1952
viso. ¶ "Mi chiamo Bruce," egli disse, "Gilbert Bruce... e
440
1952
piace?" ¶ "Sì, è buono," egli rispose con convinzione. Trasse
441
1952
questa carezza, pareva che egli volesse davvero consumarle la
442
1952
fatto quella domanda. ¶ "Penso," egli disse alfine con sincerità
443
1952
tratto l’idea che egli l’osservasse le parve
444
1952
ad aspettarti di là," egli disse indicando la porta
445
1952
spaghetti?" ¶ "Sì, mi piacciono," egli rispose con aria di
446
1952
commesso. ¶ "Io vorrei rimanere," egli disse con semplicità, "chiunque
447
1952
per pure ragioni militari, "egli spiegò. E soggiunse con
448
1952
Non sapendo che fare, egli si fermò davanti la
449
1952
dal negozio, lo urtò, egli levò gli occhi e
450
1952
ripugnandogli, l’attraevano ed egli non sapeva sottrarsi all
451
1952
fosse stato ovvio che egli mirasse a soppiantarlo nelle
452
1952
gli disse di entrare. Egli spinse l’uscio e
453
1952
di darle questi guanti." Egli si sporse e posò
454
1952
tacque guardandolo con curiosità. Egli la guardò a sua
455
1952
Luciano, era convinta che egli le facesse la corte
456
1952
di un fatto preciso: egli aveva pestato il piede
457
1952
Il tu turbò Sergio. Egli si alzò e mosse
458
1952
il diavolo ti porti," egli pensò. Ma il suo
459
1952
disse: "Apri l’ombrello." Egli ubbidì e l’Albina
460
1952
il momento di andarsene," egli pensò; e si avviò
461
1952
lo guardava con speranza. Egli disse lentamente: "Come mai
462
1952
tra quei due litiganti egli fosse il terzo che
463
1952
soggiunse, avrebbe deciso dopo. Egli non poté fare a
464
1952
abbandonò di buona grazia. Egli portò la mano alle
465
1952
di fibra in mano. Egli aprì la valigia e
466
1952
attigua non potevano vederli. Egli cinse con il braccio
467
1952
tu te ne vada." Egli la respinse e soggiunse
468
1952
insieme... fare l’amore." Egli fece un gesto espressivo
469
1952
perseguitato tutta la sera. Egli corse dalla messicana che
470
1952
penserò io a consolarti." Egli si sentì riconfortato da
471
1952
sembrava celare il lavandino. ¶ Egli prese a spogliarsi con
472
1952
sua la mano che egli appoggiava sulla coperta. Aveva
473
1952
stabilimento... bisogna andare altrove." Egli era lieto di questo
474
1952
sabbia gonfia d’acqua. ¶ Egli si attardò indietro per
475
1952
stata una matrona. Aveva, egli rifletté cercando di sviare
476
1952
Poco amante del nuoto, egli rimase a sguazzare presso
477
1952
acqua esposta al sole. Egli provò di nuovo un
478
1952
suo desiderio. Spaurito, indignato, egli cominciò a ingiuriarla a
479
1952
del mare. "Vacca, vacca," egli ripeté, gli occhi pieni
480
1952
uscito dal suo nascondiglio. ¶ Egli temeva di avere a
481
1952
il primo che ricevesse, egli avvertì qualche cosa che
482
1952
E infatti ciò che egli aveva temuto oscuramente, nel
483
1952
quasi con speranza che egli le proponesse di rinunziare
484
1952
volando... senza camminare." ¶ "Parliamo," egli propose, "diciamoci delle cose
485
1952
tutto... ma stasera..." ¶ "Stasera?" egli ripeté. ¶ "Mi sei tanto
486
1952
mare deserto. "Una barca," egli disse malcontento. ¶ La vide
487
1952
se avesse temuto che egli tentasse di nuovo di
488
1952
Quali idee?" ¶ "Idee politiche." ¶ Egli capì improvvisamente perché avesse
489
1952
il potere di infuriarlo. Egli si domandò con scrupolo
490
1952
ma si rassicurò subito: egli non si occupava di
491
1952
sono?" ¶ Dunque era vero, egli pensò, ella non negava
492
1952
lui. "La mia spia," egli disse staccandosi e accarezzandola
493
1952
ma non parliamone, vuoi?" ¶ Egli si irritò per essere
494
1952
promesso per la notte. Egli disse a un tratto
495
1952
reggeva. Si trattava semmai... egli cercò a lungo, e
496
1952
spogliarci?" ¶ "Seguimi... di qui." ¶ Egli conosceva il luogo. Precedendo
497
1952
meglio di qualsiasi capanno," egli osservò guardandosi intorno. ¶ "Adesso
498
1952
tirarne fuori il costume. Egli si appoggiò in piedi
499
1952
ignudo, appariva veramente virginale, egli pensò: le due mammelle
500
1952
di Giacomo. Era proprio, egli pensò, uno di quelli