parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alberto Moravia, Il letto sul tetto, 1950

concordanze di «era»

nautoretestoannoconcordanza
1
1950
si chiamava Pianetta. Questo era un giovanotto piccolino, con
2
1950
gli volevano bene perché era buono e gentile, tutti
3
1950
alle donne, e, anzi, era fidanzato con una ragazza
4
1950
Pianetta, però, non si era accorto dell’antipatia di
5
1950
dicendole che il cassiere era uno dei suoi migliori
6
1950
ed io, a vederla. Era al secondo piano di
7
1950
di Roma. La stanza era di dietro, con una
8
1950
forse mezzo metro, c’era il tetto di tegole
9
1950
forni della società elettrica. Era uno stanzone vasto, col
10
1950
bianchi, forse in passato era stato un granaio. Piacque
11
1950
camera da letto. Non era un gran che, la
12
1950
sulla testa. La chiesa era quella del quartiere, moderna
13
1950
magazzino. Sull’altare c’era una stampa colorata con
14
1950
si rendeva conto che era una malvagità; e anche
15
1950
con me non c’era nulla da fare e
16
1950
grandi, neri, seduto, tanto era ben fatto: nessuno avrebbe
17
1950
si sapeva che Pianetta era povero e non poteva
18
1950
e uscii dall’osteria. Era una notte umida e
19
1950
nuvole grige stracciate. C’era un’aria di pioggia
20
1950
fondo al corridoio c’era una porta aperta, ci
21
1950
sulla soglia, vidi che era troppo tardi: la stanza
22
1950
troppo tardi: la stanza era completamente vuota, salvo, là
23
1950
ulivo benedetto. La finestra era spalancata e proprio in
24
1950
calmo e controllato che era. Alla moglie che si
25
1950
aperta, perché nessuno si era aspettata questa conclusione. Dissi
26
1950
adesso taceva, forse si era accorto di aver fatto
27
1950
due piedi, da sportivo. Era la volta di Severino
28
1950
all’ospedale, disse: "Peccato... era riuscito così bene... tutta
29
1950
con la moglie che era già incinta, al paese