parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «giorno»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
io domani sarà un giorno speciale... o magari dopodomani
2
1991
dopodomani, o fra qualche giorno... ma ci sarà un
3
1991
ma ci sarà un giorno speciale... ¶ – Un giorno speciale
4
1991
un giorno speciale... ¶ – Un giorno speciale? Perché un giorno
5
1991
giorno speciale? Perché un giorno spe... ¶ – Sssst! Fermati qui
6
1991
impiastricciava i pensieri. “Un giorno Dio disegnò la bocca
7
1991
una stagione o un giorno o una circostanza particolari
8
1991
tornò la sera del giorno dopo, con le sette
9
1991
viaggi. Mai. Però, qualche giorno prima di tornare faceva
10
1991
la vita. ¶ Poi, un giorno, arrivò Elisabeth. ¶ 2 ¶ – “E il
11
1991
risalire alla mezzanotte del giorno precedente. ¶ Il fattaccio trovò
12
1991
testa, poi arriva il giorno che se lo tiene
13
1991
che Pehnt festeggiò come giorno del suo ottavo compleanno
14
1991
scegliere una cosa al giorno, ecco. Bisogna darsi una
15
1991
imprese come questa. Ogni giorno una cosa. Dovrebbe funzionare
16
1991
soluzione “Una cosa al giorno”. In occasione del suo
17
1991
di Pehnt si sviluppò giorno dopo giorno nelle più
18
1991
si sviluppò giorno dopo giorno nelle più diverse direzioni
19
1991
succederà così: se un giorno diventerai abbastanza grande da
20
1991
annotando una verità al giorno su un quaderno viola
21
1991
dell’Ammiraglio. Così ogni giorno, per centinaia di giorni
22
1991
da ogni parte quel giorno, a Rainhill, per assistere
23
1991
prima. Sì che il giorno dopo, su tutti i
24
1991
Tutto questo successe, un giorno. E non fu una
25
1991
contratto anni prima, il giorno in cui, nella calca
26
1991
cambierà nulla: arriverà quel giorno, e quel giorno Jun
27
1991
quel giorno, e quel giorno Jun dovrà andarci, a
28
1991
io dico che quel giorno non ci sarà un
29
1991
non lo capirà. ¶ – Quel giorno. Lo capirà quel giorno
30
1991
giorno. Lo capirà quel giorno. ¶ Quando rientrarono nella sala
31
1991
scrive quel quadernetto, ogni giorno, per sapere tutte le
32
1991
la farà, che un giorno partirà davvero per la
33
1991
così grande... partirà un giorno... magari partirà con il
34
1991
detto lui, l’altro giorno, e c’eravate tutti
35
1991
Elisabeth arrivò il primo giorno di giugno trascinata da
36
1991
venuti a montarli, qualche giorno prima, gli uomini dell
37
1991
importa che razza di giorno arriva a spegnere. Magari
38
1991
Magari era stato un giorno eccezionale, ma non cambia
39
1991
e più complicata. ¶ – Un giorno magari le faranno più
40
1991
anni e poi un giorno arriva. ¶ E poi alla
41
1991
potrai andare solo il giorno che il mio treno
42
1991
a inseguirle. Forse un giorno ne impazzirà? ¶ Il primo
43
1991
Jun, e basta. Un giorno se ne stava lì
44
1991
signor Rail andava ogni giorno a trovarlo, quando cadeva
45
1991
balle. ¶ Sempre, tranne quel giorno, che non rispose nulla
46
1991
mai... e se un giorno scoppieranno anche quella sarà
47
1991
undici anni prima, il giorno in cui Hector Horeau
48
1991
sparire nell’oblio del giorno dopo. Ritagliava. E fu
49
1991
lunedì di agosto. Quel giorno, alle 17 e 22, la signora
50
1991
il mattino di un giorno di aprile sulla nave
51
1991
discreto corteggiamento. Poi, un giorno che sembrava qualunque, prese
52
1991
ore. ¶ Lavorò al progetto, giorno e notte, per tutto
53
1991
suo progetto l’ultimo giorno utile, il mattino dell
54
1991
venire, a Parigi, un giorno... – le disse, salutandola, Horeau
55
1991
di vetro. Lì, quel giorno, io sarò arrivato alla
56
1991
poteva più, e un giorno se n’è andata
57
1991
me ne sono accorto, giorno per giorno, ma non
58
1991
sono accorto, giorno per giorno, ma non c’era
59
1991
Pekisch mi disse un giorno ‘è stato giusto così
60
1991
gli disse ‘parti il giorno di San Lorenzo’, sai
61
1991
è la festa quel giorno, la festa di San
62
1991
San Lorenzo, ‘parti il giorno di San Lorenzo, dopo
63
1991
suonai anch’io quel giorno... inventò una cosa bellissima
64
1991
H. Sarà un gran giorno, domani, dice il signor
65
1991
di Trinniter proprio nel giorno giusto... ce n’era
66
1991
sono finito proprio quel giorno a Trinniter, dove c
67
1991
sarebbe tornati insieme, quel giorno, io e Mary... ma
68
1991
anni, poi tu un giorno arrivi, e lui è
69
1991
e morirà lo stesso giorno del Re, ma senza
70
1991
quarantina di uomini, quel giorno, laggiù. E uno di
71
1991
puzza di morte. ¶ Il giorno dopo, il cantiere era
72
1991
gli esperti. Arriva quel giorno, e c’è un
73
1991
sentire. Mi porti un giorno a vedere il Crystal
74
1991
Sì, ti porterò un giorno, adesso dormi. ¶ Il signor
75
1991
la notte. E di giorno enormi concerti, o spettacoli
76
1991
Horeau. Lo guardava. ¶ – Un giorno mi arriva una lettera
77
1991
nella notte illuminata a giorno, con negli occhi lo
78
1991
tagliacarte e dice ¶ – Un giorno... un po’ di giorni
79
1991
era bellissima. ¶ Silenzio. ¶ Il giorno dopo Hector Horeau partì
80
1991
avevo, prima di quel giorno maledetto in cui arrivò
81
1991
storia lunga. Poi un giorno ti racconto. ¶ Molto venerabile
82
1991
l’affetto che un giorno nutrivate per il vostro
83
1991
successa nel mondo quel giorno. Mi piace dormire vicino
84
1991
un ragazzo, andò un giorno a Morivar, perché a
85
1991
non mollava mai, quel giorno non lo mollò mai
86
1991
una frase che un giorno gli aveva detto Andersson
87
1991
è qualcuno e un giorno Jun arriverà davanti a
88
1991
No. ¶ – E perché? ¶ – Un giorno magari lo leggerò. Ma
89
1991
gliel’ho promesso, un giorno lei si alzerà, prenderà
90
1991
lì per sempre. Un giorno ripiglierà il suo viaggio
91
1991
il fiato. Ma un giorno tornerà a respirare. E
92
1991
l’ha. Di quel giorno, sul molo di Morivar
93
1991
Mi lascerai partire, quel giorno? ¶ – Sì. ¶ – Davvero, signor Rail
94
1991
per questo che un giorno, da Morivar, arrivò il
95
1991
presto del solito, quel giorno. Grazie, Arold. Grazie di
96
1991
sessantina d’anni. Un giorno si era presentato lì
97
1991
con incredulità che, un giorno, videro improvvisamente il suo
98
1991
solo vivere. ¶ Bastardi.” ¶ Quel giorno, l’assistente si infilò
99
1991
proseguì per tutto il giorno: a un volume misurato
100
1991
all’alba del ventunesimo giorno, si profilò all’orizzonte
101
1991
Se lo stava bevendo giorno dopo giorno, se lo
102
1991
stava bevendo giorno dopo giorno, se lo stava cucinando
103
1991
dentro, tutto il santo giorno, blindate dentro la testa
104
1991
diceva anche che un giorno sarebbe diventato ricco e
105
1991
anche bene. Poi un giorno morì uno che si
106
1991
per farlo. Ma un giorno ho riempito una valigia
107
1991
poco a poco, ogni giorno, lo capirò. “E poi