parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alberto Moravia, I racconti, 1952

concordanze di «pareva»

nautoretestoannoconcordanza
1
1952
tre sorelle. ¶ Ora Giovanni pareva essersi sciolto dalla sua
2
1952
mentre in realtà non pareva neppure pensarci; e nello
3
1952
quasi una rabbiosa euforia, pareva essersi impadronita di lui
4
1952
abito scollato che non pareva suo, tanto largamente le
5
1952
La cintola dell’abito pareva scendere più in basso
6
1952
in cui c’introdusse pareva voler suggerire un’aria
7
1952
sul letto, divorando, come pareva, il proprio dispetto in
8
1952
non avevo prima osservato, pareva accrescere per contrasto la
9
1952
e, come una trottola, pareva girare sopra se stessa
10
1952
un’esaltazione singolare. Mi pareva quasi di odiare Giovanni
11
1952
serio, dal quale non pareva ancora sfumata la rabbia
12
1952
sanguigna, ansimante e gioviale, pareva intento a comporre e
13
1952
grande opera. Questa poi pareva consistere nel servire col
14
1952
giacca, pantaloni, panciotto, camicia, pareva che dovesse andare in
15
1952
lustro e corvino, onde pareva ricoperto non soltanto il
16
1952
quarta. ¶ La quinta che pareva la più invaghita di
17
1952
aveva una seconda che pareva comunicare con una stanza
18
1952
viso, bambolesco e vezzoso, pareva affaticato e come sforzato
19
1952
il corpo, ma non pareva veramente scontenta di questa
20
1952
lungo vestito rosso ciliegia pareva venire dietro, con flessuose
21
1952
bocca. Nel suo sguardo pareva brillare come una luce
22
1952
le spalle, occupatissima, come pareva, a farsi riempire piatti
23
1952
con voce giudiziosa, "mi pareva che fosse il contrario
24
1952
descriveva un esse che pareva il guizzo di un
25
1952
si guardava intorno e pareva malcontenta. "Io lo so
26
1952
scosse la testa, ma pareva lusingato dall’accusa. "Su
27
1952
suonava falsa perché egli pareva oltremodo sicuro di se
28
1952
ritrosa e sdegnata, ella pareva fingere sdegno e ritrosia
29
1952
osservò. Effettivamente, la donna pareva corpulenta, nella maniera sformata
30
1952
l’entusiasmo della donna pareva al colmo, "e poi
31
1952
e vario in cui pareva già di riconoscere la
32
1952
lungo la sponda. Gli pareva di agire come un
33
1952
fame triste che gli pareva della stessa natura del
34
1952
fine alla sua violenza. Pareva che in lei, ad
35
1952
dato la moglie, gli pareva anche lui di non
36
1952
Ma l’ufficiale non pareva decidersi a girarsi verso
37
1952
stare insieme?" ¶ Ora le pareva che doveva comportarsi proprio
38
1952
ma questa volta, come pareva, non di vergogna. ¶ "Allora
39
1952
beccavano con avidità, le pareva di comporre un quadro
40
1952
mangime. Il gallo non pareva aver fame e stava
41
1952
nell’ombra squallida che pareva rendere ancor più casuale
42
1952
ricevo più nulla..." ¶ Le pareva di dire la verità
43
1952
comperare il superfluo. Le pareva di dire la verità
44
1952
sentimentale in questa carezza, pareva che egli volesse davvero
45
1952
Sì, sempre." ¶ L’amico pareva di cattivo umore; e
46
1952
un momento assaporando, come pareva, l’amarezza contenuta in
47
1952
una piccola porta che pareva spalmata di bitume. Venne
48
1952
una cameretta stretta che pareva un semplice prolungamento del
49
1952
in silenzio. Il Torta pareva il più obbediente, forse
50
1952
tutto il luogo gli pareva animato da una funesta
51
1952
dove la terra nera pareva ingrassata dalle cortecce marcite
52
1952
particolarmente all’Ataman; gli pareva che denotasse la presenza
53
1952
silenzio, così vicina che pareva di sentirla sbattere le
54
1952
e vera. Ancora, gli pareva che avrebbe dovuto far
55
1952
dietro l’Albina, gli pareva di vedere una aureola
56
1952
e, in confuso, gli pareva che tentare di far
57
1952
beneducato; e quasi le pareva di odiarlo, provando contro
58
1952
borsa. Ogni tanto, come pareva, l’Albina dava in
59
1952
avvolgevano; il Torta invece pareva scolorito, da bruno diventato
60
1952
Ma proprio quando tutto pareva andare per il meglio
61
1952
di quella vicinanza, mi pareva a tratti di non
62
1952
di un’acqua che pareva scorrere sottoterra. Un passo
63
1952
faceva più forte e pareva toccare la sua nota
64
1952
fragore d’acqua che pareva ripercuotersi sotto volte ampie
65
1952
palparlo e quasi mi pareva impossibile che quella tela
66
1952
di pronunziare. Clara non pareva convinta e taceva. Finalmente
67
1952
dai gradini grossi che pareva ricavata nello spessore della
68
1952
trasportai verso la scala. Pareva svenuta; e io, trascinandola
69
1952
la morte prossima non pareva in alcun modo modificare
70
1952
uscita della funicolare. ¶ Gli pareva di essere molto calmo
71
1952
bruciava la schiena gli pareva quello della tentazione. Finalmente
72
1952
trascorreva scintillando nel sole. Pareva lontana, molto, e dava
73
1952
sentì che risaliva. Gli pareva di esser andato molto
74
1952
del suo animo. Gli pareva che non gli importasse
75
1952
lasciavano l’acqua che pareva calda e stanca sotto
76
1952
bianche, pilastri bianchi e pareva proprio una galleria scavata
77
1952
perder l’amante. Gli pareva quasi che non gli
78
1952
braccio sugli occhi e pareva assopita. Sandro, sempre procurando
79
1952
avventurava tra quella folla, pareva proprio che capitasse in
80
1952
in quei momenti gli pareva di essere non già
81
1952
la faccia del barista pareva nera di calore come
82
1952
Erano bionde ambedue, una pareva di sette o otto
83
1952
risponderti..." Ma tutto questo pareva detto senza collera, quasi
84
1952
voleva fumare. La compagna pareva combattuta tra il desiderio
85
1952
più che la forma pareva rivelarne il peso. "Non
86
1952
strada... ecco tutto." Ella pareva mettere una specie di
87
1952
su se stesso e pareva tondo e nutrito. Ella
88
1952
ripeté l’altra. Ma pareva già meno veemente e
89
1952
il tono della Rina pareva escludere qualsiasi mercanteggiamento. ¶ "Va
90
1952
languidamente la sorella; ora pareva che l’ebbrezza soverchiasse
91
1952
tre; la grande, che pareva aver fretta, li precedette
92
1952
e sonora; l’aria pareva più densa e fumosa
93
1952
lati di quella che pareva una strada perfettamente lastricata
94
1952
sentivo commosso e mi pareva persino che ci fossero
95
1952
della sorella Iride. Costei pareva il contrario di Liliana
96
1952
soffrivo per Giovanni, mi pareva di avere io quel
97
1952
biondi, belante nella voce, pareva più che mai, pensò
98
1952
ragazza neppure lo guardava: pareva riflettere, le palpebre sporgenti
99
1952
odio. ¶ Ma il cameriere pareva deciso. "Ci andrai," egli
100
1952
quell’ombra sordida, bensì pareva assorbirla in una chiarità
101
1952
ragazza era controluce e pareva ancor più scura di
102
1952
di carattere tranquillo, ella pareva avere tutte le qualità
103
1952
dove la luce lunare pareva più fulgida. Ma il
104
1952
e compunta, e tanto pareva bastarle. In realtà quello
105
1952
egli lo vide subito, pareva più turbata di lui
106
1952
salvarsi. ¶ La guardia che pareva più ansiosa di scolparsi
107
1952
dal sole; Mostallino invece pareva serbare sulla larga faccia
108
1952
più che giudicare, Mostallino pareva studiare Perrone come un
109
1952
condizioni: ogni affetto gli pareva un compromesso, un’umiliazione
110
1952
come di città sottostante, pareva esserci un salto nel
111
1952
suo turbamento, nonché rinchiudersi pareva, al contrario, sotto i
112
1952
e rustica civetteria. Insomma, pareva già complice, già d
113
1952
anzi, non senza crudezza, pareva ostentare la sua qualità
114
1952
con gratitudine che le pareva un sogno di trovarsi
115
1952
il pranzo, Mostallino, che pareva adesso soprattutto desideroso di
116
1952
groppa vigorosa. La treccia pareva più che mai aurea
117
1952
di ferro saliva cigolando, pareva a Perrone, anche per
118
1952
un peso grave che pareva raddoppiato, la gondola prese
119
1952
addosso, neppure lo toccava, pareva aspettare. Sì, certamente ella
120
1952
già mi tenta..." ¶ Ella pareva felice di parlare senza
121
1952
la tenesse a freno. Pareva invece che la sicurezza
122
1952
una specie di accanimento pareva schiarire e dilatare. "Ahi
123
1952
ah, sono stanca." Ella pareva veramente stremata; ma in
124
1952
o lasciare." Adesso però, pareva alquanto turbato dalle parole
125
1952
grado di proseguirli, gli pareva un atto grave, un
126
1952
piena di forsennato arredamento pareva fatta apposta per fomentare
127
1952
diffuso e scuro che pareva annunziare l’imminenza di
128
1952
che il cielo stesso pareva tutto sbilenco. Il piede
129
1952
si avvicinò. Il colpo pareva aver stecchito il gatto
130
1952
e a tale meraviglia pareva già mescolarsi un singolare
131
1952
tutto il corpo che pareva volergli sfuggire di sotto
132
1952
animale. Il gatto non pareva essersi accorto di lui
133
1952
muoversi questo sussurrio che pareva acquistare, nel silenzio della
134
1952
più debole, e quando pareva quasi tacere, "il topo
135
1952
lampada. Ma la stanza pareva aver mutato forma, pareti
136
1952
guidava, e l’Ataman pareva sonnecchiare, scosso in su
137
1952
era così fatto che pareva impossibile all’Ataman di
138
1952
Albina; bella, a quanto pareva, e selvaggia e più
139
1952
la cosa scherzosamente come pareva desiderare l’Ataman. La
140
1952
e abile che non pareva quasi toccare il volante
141
1952
a terra. ¶ Il Torta pareva mettere ogni cura nella
142
1952
quel punto. L’Ataman pareva tanto esausto e ansimante
143
1952
gli arbusti la quale pareva un sentiero, mentre non
144
1952
a identificarli. All’Ataman pareva un po’ strano questa
145
1952
un tono particolare che pareva significare: "Non è un
146
1952
e quella mano fredda, pareva adesso di scottare davvero
147
1952
Ma la direttrice non pareva neppure essersi accorta della
148
1952
modo le sue effusioni. Pareva mezza morta o svenuta
149
1952
che posso." ¶ Ella non pareva credere alla propria fortuna
150
1952
rivolti a terra. Gli pareva di riflettere profondamente e
151
1952
e patetica aria protettiva pareva che volesse dire: "Sei
152
1952
lacrime; tanta abnegazione gli pareva quasi sovrumana; a stento
153
1952
è così bello!" Gli pareva, parlando in questo modo
154
1952
rifiutato lo stesso." Ma pareva assai sollevato dalla partenza
155
1952
verso la pensione. Gli pareva che, oltre a fare
156
1952
quello sciocco fracasso che pareva voler dar l’allarme
157
1952
da una cameriera che pareva prendere gusto a suonarlo
158
1952
continuava a tacere e pareva turbata. Poi fece un
159
1952
ogni altro sentimento. Gli pareva di essere entrato in
160
1952
quel Negrini..." ¶ A Gianmaria pareva ancora di sognare, con
161
1952
in una volta gli pareva di essere maturato, tutto
162
1952
la sua avventura gli pareva chiara, leggibile e significativa
163
1952
e il viso sfrontato pareva più smunto e più
164
1952
come due anni prima pareva incapace di gioia e
165
1952
in questo cinema... mi pareva che un film comico
166
1952
era avvolta la piazza, pareva che quella musica volgare
167
1952
persona di lei gli pareva sempre nuovo e pieno
168
1952
termine di quella che pareva essere una strada senza
169
1952
a grande distanza, esso pareva sorgere nel mezzo dei
170
1952
sicuro ripiego. Ora, invece, pareva esserci nel suo pianto
171
1952
O Luca..." nel quale pareva essersi raggrumata tutta quella
172
1952
vetri della finestra e pareva preludere ad un fracasso
173
1952
a lui..." ¶ A Luca pareva di sognare, ché, per
174
1952
remota voce solitaria che pareva suggerire l’immagine del
175
1952
ora sommesso, secondo che pareva protestare oppure invocare. Seguita
176
1952
busto allacciato che non pareva contenere ormai che un
177
1952
un aspetto florido e pareva assai vispo, adesso non
178
1952
per nulla ostentato, pure pareva un’altra donna da
179
1952
bambino alla quale gli pareva di essere vicino e
180
1952
fianco nella vita. Gli pareva, pur tra questi pensieri
181
1952
che vogliosa di contrasti, pareva Nora; guardava con maldissimulata
182
1952
freddo ché adesso gli pareva di non poter più
183
1952
animalesco piuttosto che diminuito pareva accusato dal vestito da
184
1952
duro e impettito non pareva muoversi a suo agio
185
1952
e del vento. Gli pareva fin troppo chiaro che
186
1952
servendosi del vino; e pareva assai soddisfatto di sfoggiare
187
1952
Bosso," disse Nora che pareva oltremodo allegra. Bosso non
188
1952
ne accorgano..." ¶ Adesso Marta pareva invasa dalla sua stessa
189
1952
notte, l’appartamento affocato pareva cosa remota, remoti i
190
1952
occhi spalancati e pensosi, pareva osservare tutte le nuove
191
1952
o mai più," gli pareva che scandissero le ruote
192
1952
di pietra, quasi gli pareva di essere un’ombra
193
1952
salottino. Il Mancuso, che pareva di malumore, presentò con
194
1952
e pretenziose, l’Amelia pareva trasognata. Ma alle parole
195
1952
Mancuso non si scompose, pareva abituato a questo disprezzo
196
1952
e le labbra tremule, pareva che si trattenesse a
197
1952
che tanto, né gli pareva molto più vero di
198
1952
questi accorgimenti, non gli pareva di essere del tutto
199
1952
di una settimana, gli pareva di compiere una fatica
200
1952
fatto," pensava Silvio. Gli pareva chiaro che le sue
201
1952
una intonazione particolare che pareva prender di mira proprio
202
1952
mordicchiava le labbra sottili, pareva impaziente: "Finalmente," disse; e
203
1952
minuti l’Amelia, che pareva avere un piano prestabilito
204
1952
talvolta nei sogni, gli pareva che le persone si
205
1952
di diciassette anni, mi pareva di essere infinitamente meglio
206
1952
veniva da piangere... mi pareva che mia madre mi
207
1952
curioso è che Gino pareva convinto di aver commesso
208
1952
diventammo amanti, subito dopo pareva disperato, bestemmiava, si mordeva
209
1952
ragazza, l’intera faccenda pareva a Silvio più che
210
1952
e ignobile, l’Amelia pareva davvero condannata a non
211
1952
e i sospiri, non pareva vederne. E forse, in
212
1952
gli dispiaceva e gli pareva futile e indegna: una
213
1952
A Silvio, questa infelicità pareva la peggiore di tutte
214
1952
affatto e cambiava discorso. Pareva esserci, in cuor suo
215
1952
loro due corpi, gli pareva meraviglioso e non ne
216
1952
e l’inquietudine. Ella pareva veramente in preda ad
217
1952
Silvio si scandalizzava, più pareva contenta e raddoppiava le
218
1952
più, ora che gli pareva di conoscerla meglio, era
219
1952
cambiar vita..." Vile gli pareva in questi momenti, senza
220
1952
e di impotenza. Gli pareva di compiere azioni audaci
221
1952
cercava di rialzarsi, gli pareva che qualcuno gli sedesse
222
1952
le gambe leggere, gli pareva di essere tirato in
223
1952
rannicchiato sopra se stesso, pareva un gufo. Invece la
224
1952
d’esser trovata così, pareva imbarazzata, se non vergognosa
225
1952
Ella lo guardava, non pareva convinta. "Perché dovrei liberarmi
226
1952
per tenerselo vicino...?" ¶ Ella pareva annoiata che Silvio ricordasse
227
1952
bello eh!" ¶ A Silvio pareva di sognare. Non aveva
228
1952
Silvio ammirato e invaghito pareva di vedere al posto
229
1952
senso di sollievo non pareva esserci contraddizione. Intanto la
230
1952
turchina; in modo che pareva riscaldata mentre in realtà
231
1952
alcuno di loro e pareva anzi volerli tenere lontani
232
1952
piuttosto bella, almeno così pareva a Gianmaria, che la
233
1952
che mangiava solo, ma pareva essere legato da rapporti
234
1952
rinfrancò, perché, prendendola, gli pareva di essere già uscito
235
1952
e pur rispondendo, come pareva, ai discorsi della madre
236
1952
piccolo sul quale non pareva esserci che un solo
237
1952
difficoltà, perché il formaggio pareva duro e secco, egli
238
1952
e tuttavia non gli pareva possibile di credere alla
239
1952
tanto furiosa, che gli pareva di non poter resistere
240
1952
andrò a pagarlo." Gli pareva che se avesse trovato
241
1952
grande, insperata, meravigliosa, le pareva di rivivere, quasi le
242
1952
dello spirito esisteva e pareva davvero in lui sopraffare
243
1952
scalini così bassi che pareva di ascendere sopra un
244
1952
quei ricevimenti ai quali pareva destinato. Ogni tanto Tullio
245
1952
livido. Per il resto pareva che fosse precocemente invecchiata
246
1952
serviva e, a quanto pareva, lo ammirava profondamente, cosa
247
1952
nella vita sentimentale gli pareva continuamente di annaspare e
248
1952
riempivano di lagrime, gli pareva di essere l’uomo
249
1952
un’aria singolare che pareva emanare così dalle pieghe
250
1952
Locascio, un piccolino che pareva un prete spretato, nero
251
1952
gli occhi di dosso, pareva che ella si vergognasse
252
1952
del marito, il Varini pareva il meno plebeo. Ma
253
1952
era anche quello che pareva più dominato dalla passione
254
1952
stata che una bisca pareva soprattutto desideroso di abbreviare
255
1952
di questa sua sfortuna pareva nutrire la sua superficiale
256
1952
contadino inurbato. Non gli pareva vero di giuocare con
257
1952
il suo profumo. Egli pareva ammirare molto la facondia
258
1952
Tullio, ora che gli pareva di conoscere meglio la
259
1952
quello che era. Gli pareva che ella dovesse essere
260
1952
angustia in cui gli pareva che ella si dibattesse
261
1952
pericoli di cui gli pareva circondata, Tullio arrivò quasi
262
1952
suo riserbo e non pareva disposta a lasciarsi consolare
263
1952
che la De Gasperis pareva aspettarsi da lui. Così
264
1952
quella parte che le pareva più adatta ad ispirare
265
1952
tre guardarla stupiti, come pareva, da quel viso tutto
266
1952
a Tullio. Il giardino pareva avere la forma di
267
1952
dal collo decapitato e pareva un getto di sangue
268
1952
piuttosto che il desiderio pareva esprimere una voglia cieca
269
1952
Tullio, invece che abbracciato, pareva di essere sbatacchiato nelle
270
1952
e più che mai pareva, così sconcertato, una pecora
271
1952
sarcasmi, ingiurie, minacce, nulla pareva toccare la De Gasperis
272
1952
capelli bianchi e folti, pareva inferocito, "parola di Parodi
273
1952
aiutato dal Locascio che pareva molto più calmo, si
274
1952
rivestirsi. Pecorile, mite, falso, pareva che aspettasse una frase
275
1952
rasa la barba e pareva stanco. Al vederlo, tornarono
276
1952
Il De Gasperis non pareva tanto intimidito quanto più
277
1952
Il De Gasperis non pareva neppure ascoltarlo. Come chi
278
1952
L’abbraccio del corridoio pareva averla resa meno altera
279
1952
era oscurato, a momenti pareva che l’obelisco ritto
280
1952
il soggiorno nella capitale pareva troppo dispendioso; inoltre non
281
1952
sua brutta smorfia che pareva di disgusto: "Anzi, più
282
1952
riusciva improvvisa e straordinaria, pareva di sognare. Prese tuttavia
283
1952
di ciò che desiderava. Pareva che tutto quel che
284
1952
del Mancuso. Egli non pareva affatto persuaso della necessità
285
1952
della pompa, la casa pareva disabitata. Dai fiori folti
286
1952
ma sua figlia, gli pareva molto più naturale, data
287
1952
nei passi stranamente leggeri, pareva una di quelle belve
288
1952
si intravvedeva appena, né pareva modificare la prima impressione
289
1952
gatti?" Questa domanda gli pareva assurda ma nello stesso
290
1952
completamente massaia né bigotta, pareva piuttosto che si fosse
291
1952
ridente della gioventù, ella pareva cambiata, con mezze parole
292
1952
sociale. Quelle soddisfazioni, ella pareva sottintendere, che erano negate
293
1952
aria di rammarico e pareva che volesse dire: "Anch
294
1952
sole ardeva forte e pareva far tutt’uno con
295
1952
e piena di moscerini pareva anche più afosa, ma
296
1952
allora insospettata che le pareva le si fosse ad
297
1952
amica delle sorelle. Gli pareva che Gemma, per le
298
1952
ornata di roselline rosse: pareva languida e amorosa come
299
1952
stesse passioni della figlia, pareva intuire l’amarezza di
300
1952
stanza. La madre non pareva altrettanto convinta, ma, vedendo
301
1952
decideva a indovinare; anzi pareva mettere una specie di
302
1952
nessuno di questi sentimenti pareva rassomigliare di preciso a
303
1952
giovane fossero serie: le pareva un leggerone, Gemma stesse
304
1952
non si lasciò persuadere, pareva esserci in lei una
305
1952
di ferro smaltato che pareva una catinella, un grosso
306
1952
del Vagnuzzi, e le pareva che tutti questi rumori
307
1952
incapace di star fermo, pareva che avesse la febbre
308
1952
che lo considerava e pareva sovrappensiero, "la mia figliuola
309
1952
esperta. E che le pareva poco meno che insuperabile
310
1952
nello stesso tempo le pareva che la proposta non
311
1952
bella pianura coltivata, le pareva che la fortuna le
312
1952
madre, nonché comprenderla, non pareva neppure ascoltarla. La guardava
313
1952
sotto in su e pareva dubitosa. Ma le ultime
314
1952
di non meritarla, gli pareva incredibile che loro due
315
1952
tanto più ingiusta le pareva la esclusione dal mondo
316
1952
da Gemma. Ella gli pareva molto cambiata e quasi
317
1952
gli fosse piaciuta, gli pareva che ora gli piacesse
318
1952
quello di Gemma, e pareva, tanta cordialità era già
319
1952
la turbava e le pareva piena di significato. Ma
320
1952
era riluttante, oscuramente le pareva di essere in pericolo
321
1952
fatto bere. Ormai le pareva di essere sommersa in
322
1952
grave e pericolosa non pareva portare a conseguenze. E
323
1952
lucidamente la prima ma pareva affatto impotente ad agire
324
1952
di pedante come le pareva fosse il caso per
325
1952
un vizio proficuo le pareva talvolta quasi una virtù
326
1952
una voce remota che pareva stancarsi e perdersi in
327
1952
ogni più arrischiata arditezza pareva lecita, anzi addirittura ovvia
328
1952
tutta nuova e che pareva comprata allora. Poi le
329
1952
fronte al plenilunio, le pareva di non poter dare
330
1952
gutturale e secca che pareva quella di un pappagallo
331
1952
la pioggia abbondante e pareva tiepida. Ella guardava la
332
1952
Con ripugnanza estrema le pareva di vedere in quella
333
1952
la porta. Ancora, le pareva di vedere la Coceanu
334
1952
torceva in lei, le pareva di essere vicina a
335
1952
viva ripugnanza, e le pareva di vederla, bianca e
336
1952
della Coceanu che le pareva tutto un discorso ricattatorio
337
1952
che importano gli anni, pareva significare quella sua noncurante
338
1952
qualcosa..." ¶ Ora sorrideva e pareva contenta, era lo stesso
339
1952
un tale rimpianto gli pareva mostruoso, tutta una vita
340
1952
cucinare. La cucina non pareva essere mai stata adoperata
341
1952
e losanghe e gli pareva di aver perduto sopra
342
1952
le dita incerte; e pareva stanca. ¶ "È molto ricco
343
1952
giovane la guardava, gli pareva di dover essere commosso
344
1952
capelli della nuca. Gli pareva, di fronte a questa
345
1952
La guardava e gli pareva di vedere la faccia
346
1952
Ripandelli, palpitante, la principessa pareva rapita in estasi. Ripandelli
347
1952
petto: il dorso magro pareva quello di una donna
348
1952
dell’infermiere, ma gli pareva, con questa commedia della
349
1952
popolato di sogni, gli pareva talvolta di piangere, di
350
1952
finiva per ingannarsi e pareva che quel monotono turbinìo
351
1952
una sincerità che gli pareva disonorevole, e gli ispirarono
352
1952
questo mondo, e non pareva convinto: ¶ "Ma neppure quella
353
1952
donna così piccola che pareva impossibile che Girolamo fosse
354
1952
Brambilla ostentava per Girolamo pareva soprattutto fondato sopra una
355
1952
cuor dell’inverno, tutto pareva prestarsi a facilitare questo
356
1952
essere molto malvagio, gli pareva d’essere decaduto completamente
357
1952
Brambilla, a cui non pareva vero di trovare una
358
1952
di Girolamo, la malattia pareva averla intorpidita e quasi
359
1952
inetto ogni sentimentalismo, gli pareva che incominciare con un
360
1952
oscurità in cui gli pareva di vivere, sforzandosi di
361
1952
egli ci metteva, gli pareva di una perversità tutta
362
1952
autorità gli pesava, gli pareva di usarla male; una
363
1952
evidenti di miglioramento, ora pareva essersi di nuovo aggravato
364
1952
il paesaggio nevoso. Gli pareva di vedere questo paesaggio
365
1952
specie di interesse gli pareva mille volte preferibile a
366
1952
il Brambilla che non pareva voler sapere più di
367
1952
più severa condanna le pareva troppo mite. ¶ "Che vuol
368
1952
pensieri erano confusi, gli pareva di essere perduto; "mandarmi
369
1952
dava la febbre gli pareva di vedere, momento per
370
1952
fare sogni imbrogliatissimi; gli pareva di stare, disteso sul
371
1952
sogno era restato e pareva anzi crescere d’intensità
372
1952
aspettare la morte..." Gli pareva che questa morte sarebbe
373
1952
di aver offeso, gli pareva il segno più chiaro
374
1952
sua evidente assurdità. Gli pareva di essere l’ultimo
375
1952
Girolamo, il professore non pareva invece avere alcuna fretta
376
1952
fosse possibile pensare; gli pareva di essere annientato e
377
1952
lo guardava, e gli pareva di non essere più
378
1952
a una toletta che pareva diventare sempre più raffinata
379
1952
di cui parlava Lorenzo, pareva che la donna provasse
380
1952
raccoglierli," pensava; e gli pareva che per l’amante
381
1952
in aria; e gli pareva di aver punito piuttosto
382
1952
perché, mentre ella non pareva provare vergogna né umiliazione
383
1952
in questi pensieri, gli pareva di vedere molto lontana
384
1952
inerte e non gli pareva di esistere che attraverso
385
1952
quella stanzetta che non pareva riscaldata e gli sembrava
386
1952
In piedi, in pianelle, pareva troppo larga di fianchi
387
1952
delle lampade ad acetilene pareva smontare quella sua avvenenza
388
1952
più che i prezzi pareva che fosse crollata sul
389
1952
quegli squallidi clienti; e pareva cercare qualcosa o qualcuno
390
1952
viso un’aria virile. Pareva grande, con le spalle
391
1952
dire il vero, non pareva molto desiderosa di possedere
392
1952
in silenzio. Luciano non pareva rendersi conto della bellezza
393
1952
finestra bassa e lunga pareva aprirsi sotto un cornicione
394
1952
una sua predica materna. Pareva che ella dicesse con
395
1952
modo che la gonna pareva sospesa nel vuoto e
396
1952
scompariva inghiottito. Quel ventre pareva promettere una sensualità forte
397
1952
del tutto dimentica, come pareva, del compagno. Finalmente tornò
398
1952
lasciato innumerevoli gocciole e pareva che il ventre sudasse
399
1952
il pacco della colazione. Pareva affamata e prese subito
400
1952
asciutta e bruna che pareva di bronzo, con tutti
401
1952
e dalla nuca diritta pareva minuscola. Cosimo pensò che
402
1952
Accanto a lui, Cora pareva piccola e perfino quei
403
1952
ma non più, come pareva, per tenerle ferma, bensì
404
1952
fronte al negro, e pareva molto piccolo. Poi qualche
405
1952
oratorio che minaccioso e pareva che il negro ascoltasse
406
1952
tutto mescolato, come gli pareva, di ripugnanza fisica, non
407
1952
l’aria morta, gli pareva che fosse sospesa e
408
1952
una mollezza muliebre che pareva anticipare l’abbandono completo
409
1952
del partito, come gli pareva di capire dal solito
410
1952
fine del sentiero che pareva anche la fine di
411
1952
e a momenti, gli pareva fare una sola cosa
412
1952
la ferocia del compagno pareva essere dispiaciuta a Simona
413
1952
le nuvole, spinte, come pareva, da un vento molto
414
1952
aveva fretta e gli pareva che con la sua
415
1952
ma il suo respiro pareva farsi ogni momento più