parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alberto Moravia, L'attenzione, 1965

concordanze di «sei»

nautoretestoannoconcordanza
1
1965
Vediamo un poco, tu sei ormai un uomo normale
2
1965
in poco più di sei mesi, e adesso mi
3
1965
non mi dirai che sei diventato impotente.” ¶ Dissi: “Chissà
4
1965
magra. Ma come mai sei così magra?” ¶ Rispose con
5
1965
avevo menato finora. Viaggiavo sei e anche otto mesi
6
1965
studiata che canzonatoria: “Sì, sei Francesco, ti riconosco, non
7
1965
di me. E così sei entrato per dire a
8
1965
tempo?” ¶ “Diciamo: da almeno sei anni.” ¶ “Sei anni?” ¶ “Sì
9
1965
da almeno sei anni.” ¶ “Sei anni?” ¶ “Sì, sei anni
10
1965
anni.” ¶ “Sei anni?” ¶ “Sì, sei anni.” ¶ “Ma come lo
11
1965
è mia moglie, tu sei la mia figliastra, questa
12
1965
la mia casa.” ¶ “Ne sei proprio sicuro?” ¶ “Di che
13
1965
allora?” ¶ “Allora, ecco: Cora, sei anni fa, mi ha
14
1965
clienti.” ¶ “E tu ti sei lasciata portare?” ¶ “Sì.” ¶ “Senza
15
1965
ragazza e non ci sei riuscito perché la ragazza
16
1965
diciamo altre cinque o sei volte.” ¶ “E che cosa
17
1965
posizione.” ¶ “Perché ridi?” ¶ “Perché sei curioso di sapere tutto
18
1965
Sì.” ¶ “Molto?” ¶ “Sì, molto.” ¶ “Sei sincera?” ¶ “Sì, sono sincera
19
1965
Perché credi che Cora sei anni or sono ha
20
1965
come tu stessa ti sei espressa, si è ricreduta
21
1965
non sono quella di sei anni fa, proprio per
22
1965
fa, prima che tu sei entrato qui dentro. Non
23
1965
ricordarmi certe cose di sei anni fa, ho dovuto
24
1965
adesso, dopo che tu sei entrato e le hai
25
1965
le era stata confermata sei anni prima da Cora
26
1965
essere più quella di sei anni prima, cioè di
27
1965
dirtelo dal momento che sei mio padre. Esco con
28
1965
alta voce: “Ma tu sei mia figlia”; e allora
29
1965
bensì la Baba di sei anni fa. La ragazzina
30
1965
attenzione. ¶ Mercoledì 14 ottobre ¶ “Quando sei arrivato?” ¶ “Ieri pomeriggio.” ¶ “Dove
31
1965
arrivato?” ¶ “Ieri pomeriggio.” ¶ “Dove sei stato?” ¶ “In Iran.” ¶ “Iran
32
1965
come vuoi. Dopo tutto sei tu il padrone qui
33
1965
con Baba.” ¶ “Allora oggi sei a colazione?” ¶ “Sì, sono
34
1965
Vedo che tossi. Poi sei... sei molto dimagrita.” ¶ “Non
35
1965
che tossi. Poi sei... sei molto dimagrita.” ¶ “Non è
36
1965
attenzione.” ¶ “Proprio tu che sei l’uomo più disattento
37
1965
questo modo: “Ipocrita, tu sei indulgente verso la sola
38
1965
popolana, dunque...” ¶ “Dunque ti sei innamorato di me e
39
1965
c’entrava?” ¶ “Non ti sei vantato, hai detto che
40
1965
mi piace che tu sei nata e vissuta in
41
1965
dici le parolacce, che sei ignorante, che hai una
42
1965
Se sapessi che tu sei anche ladra, mi piaceresti
43
1965
mia. Ho esclamato: “Ah, sei stata tu a mandarmi
44
1965
stesso porco.” ¶ “Grazie.” ¶ “Non sei mica offeso, no?” ¶ “No
45
1965
più amato nessuno.” ¶ “Ne sei sicura?” ¶ “E come no
46
1965
Peccato, perché?” ¶ “Perché tu sei rimasta con le tue
47
1965
aveva messa in vendita sei anni prima e adesso
48
1965
solo momento dimenticare che sei sua madre.” ¶ “Questo sì
49
1965
abbiamo detto che non sei niente per lei. Che
50
1965
quattordici.” ¶ “Lo sai che sei curioso?” ¶ “Perché?” ¶ “Perché vuoi
51
1965
quello che era avvenuto sei anni prima; aveva subito
52
1965
di Roma. ¶ Giovedì 29 ottobre ¶ “Sei sicuro che hai riportato
53
1965
rapimento; perché tu non sei niente di tutto questo
54
1965
sai benissimo che non sei stato fedele, sai dove
55
1965
sai dove non lo sei stato e sai pure
56
1965
pure perché non lo sei stato.” ¶ “Effettivamente non sono
57
1965
simile offerta.” ¶ “Sì, non sei tu a fare la
58
1965
fare la proposta, non sei tu a tirare in
59
1965
provi orrore. Ma, ipocrita, sei pur tu a immaginare
60
1965
ti faccia la proposta, sei tu ad aggiungere questa
61
1965
buona ragione che tu sei innamorato di Baba in
62
1965
vende e tu compri.” ¶ “Sei sicuro che questa è
63
1965
la ruffiana e che sei anni fa ha messo
64
1965
tuoi occhi e ci sei entrato. Tu sai benissimo
65
1965
esiste. Il tuo romanzo, sei tu stesso. Dipende dunque
66
1965
ho avuto uno. Precisamente sei anni fa. È andato
67
1965
al gas, erano già sei giorni che era qui
68
1965
sempre io che Cora sei anni fa ha portato
69
1965
novembre ¶ “Ma tu ti sei mai interessata alla professione
70
1965
di Cora perché Cora, sei anni prima, aveva portato
71
1965
visto, non so chi sei eppure mi dispiace lasciarti
72
1965
interessa.” ¶ “Beh, dicevano che sei... vuoi proprio sapere la
73
1965
esatta?” ¶ “Sì.” ¶ “Dicevano che sei un cialtrone. Adesso l
74
1965
Rispondo impulsivamente: “Tu non sei mia figlia.” ¶ “Comunque, figliastra
75
1965
di schiava. Ma tu sei l’oggetto di questo
76
1965
oggetto di questo oggetto, sei lo schiavo di questa
77
1965
scriveresti più tardi, tu sei in grado di modificare
78
1965
forse tua figlia, non sei forse mio padre? È
79
1965
po’ di riposo.” ¶ “Tu sei matto.” ¶ “Perché matto?” ¶ “Ma
80
1965
in pace.” ¶ “M’importa, sei mia moglie, dopo tutto
81
1965
dieci anni non ti sei neppure accorto della mia
82
1965
da Roma. E tu sei d’accordo con lei
83
1965
ha detto alla figlia: “Sei furba tu,” frase ambigua
84
1965
sono ricordato che Cora sei anni fa ti ha
85
1965
detto che non ci sei andata più di sette
86
1965
un altro sguardo.” ¶ “Ne sei proprio sicuro?” ¶ “Direi di
87
1965
altro cane.” ¶ “Come tu sei un’altra Baba.” ¶ “Già
88
1965
della ragazzina stupida che sei anni fa si è
89
1965
alla casa in cui sei anni fa era stata
90
1965
ha detto: “Perché ti sei fermato? Che cosa vuoi
91
1965
Non pensava niente.” ¶ “Ne sei sicura?” ¶ “Sì.” ¶ “E perché
92
1965
dalla cui finestra Baba, sei anni fa, aveva guardato
93
1965
e la più bella, sei una stupida, tu queste
94
1965
ha detto che ti sei decisa finalmente a farti
95
1965
siano trascorsi alcuni anni.” ¶ “Sei anni.” ¶ “Sei anni. Come
96
1965
alcuni anni.” ¶ “Sei anni.” ¶ “Sei anni. Come il tempo
97
1965
lo sai che non sei affatto cambiata?” ¶ “Davvero?” ¶ “Sì
98
1965
Davvero?” ¶ “Sì, davvero. Ti sei fatta più donna, naturalmente
99
1965
più donna, naturalmente; ma sei rimasta la stessa. Però
100
1965
rimasta la stessa. Però sei più bella.” ¶ “Grazie.” ¶ “Senti
101
1965
a Baba per primo, sei anni fa.” ¶ Domenica 22 novembre
102
1965
esempio, era ortolano.” ¶ “Allora sei entrato nel bar.” ¶ “Sì
103
1965
è stato che ti sei accorto di non amare
104
1965
mi ha chiesto: “Non sei mai venuto qui?” ¶ “No
105
1965
al marito: “Se non sei Antonio, allora dimmi chi
106
1965
Antonio, allora dimmi chi sei?” ¶ “Sono chi sono, che
107
1965
stesso: ‘Ma tu chi sei? Chi ti conosce, pussa
108
1965
rientrare alle otto. Dove sei stata stanotte?” ¶ “Dove mi
109
1965
manesco e intollerante. Però sei sulla buona strada. Continua
110
1965
Mi fa piacere che sei venuto. Fatti vedere, non
111
1965
venuto. Fatti vedere, non sei cambiato affatto;” e poi
112
1965
ho risposto: “Anche tu sei rimasto lo stesso;” quindi
113
1965
queste demolizioni.” ¶ “Non ti sei mai fatto vivo. Ci
114
1965
Che c’entro io?” ¶ “Sei mia nipote, sono tuo
115
1965
mi ha detto che sei stato in tanti paesi
116
1965
anche tu, dopo tutto, sei rimasto molti anni con
117
1965
denti e ha insistito: “Sei fatta come un ragazzino
118
1965
amici: ragazze e ragazzi.” ¶ “Sei fidanzata?” ¶ “No.” ¶ “Vorresti fidanzarti
119
1965
dei figli?” ¶ “Certo.” ¶ “Quanti?” ¶ “Sei, otto, magari dieci.” ¶ “Salute
120
1965
le prove.” ¶ “Non ti sei mai vendicata dei suoi
121
1965
la madre.” ¶ “Sì.” ¶ “Ne sei proprio sicura?” ¶ “Sono sicura
122
1965
tua madre e tu sei sua figlia. Ma bisogna
123
1965
a mio fratello che sei fidanzata a Santoro?” ¶ “Già
124
1965
con una leggera irritazione: “Sei una cattiva attrice che
125
1965
che ti guardi, no, sei sempre lo stesso.” ¶ Ho
126
1965
cosa.” ¶ “Quale?” ¶ “Questa: tu sei in questo momento uno
127
1965
giornalismo e ripeto: tu sei uno dei migliori giornalisti
128
1965
riguarda il giornalismo, tu sei uno di questi uomini
129
1965
detto: “Vedo che non sei d’accordo.” ¶ Ho risposto
130
1965
e so che tu sei o meglio vuoi essere
131
1965
fare un viaggio di sei mesi; subito dopo mi
132
1965
nascosta nel portone, mi sei passato davanti senza vedermi
133
1965
Si capisce, sono romana.” ¶ “Sei romana?” ¶ “Sì.” ¶ “La tua
134
1965
No.” ¶ “Non vuoi perché sei amico di Rosario?” ¶ “No
135
1965
Baba ha detto: “Sono sei piani. Ma l’ascensore
136
1965
ti va di fare sei piani oppure vuoi che
137
1965
Esattamente come aveva fatto sei anni prima con Baba
138
1965
bel nulla. Tu invece sei una donna che lavora
139
1965
questo quaderno.” ¶ “Ma che sei matto?” ¶ “Non sono matto
140
1965
donna di affari, quale sei tu.” ¶ “Se vuoi metterla
141
1965
e ti dirò chi sei. Per te tutti pensano
142
1965
conto che tu non sei solo la fornitrice di
143
1965
Questo, in breve: tu sei malata, Cora, più malata
144
1965
a curarti.” ¶ “Ma tu sei matto.” ¶ “Non sono matto
145
1965
hai continuamente la febbre, sei costretta a metterti a
146
1965
no, in una parola: sei malata e devi curarti
147
1965
la massima enfasi: tu sei malata Cora.” Ho taciuto
148
1965
so perché, ho ribadito: “Sei gravemente malata.” ¶ “Ma chi
149
1965
lei, ecco la verità.” ¶ “Sei matta.” ¶ “No, non sono
150
1965
mestiere? Perché, insomma, non sei capace di affrontare francamente
151
1965
Così mi ha domandato: “Sei soddisfatto?” ¶ “In che senso
152
1965
a se stessi.” ¶ “Tu sei l’ultima persona alla
153
1965
mi ha riconosciuto.” ¶ “Ne sei proprio sicuro?” ¶ “Sicurissimo. Baba
154
1965
scappato.” ¶ “A proposito, perché sei scappato?” ¶ “Sono scappato perché
155
1965
il fatto che ti sei innamorato di Baba e
156
1965
l’altro fatto che sei scappato invece di intervenire
157
1965
poi?” ¶ “E poi per sei anni ho continuato ad
158
1965
Perché hai deciso, dopo sei anni di silenzio, di
159
1965
fare allora ciò che sei anni prima non avevo
160
1965
questo amore durava da sei mesi o da sei
161
1965
sei mesi o da sei anni. ¶ Il solo problema
162
1965
il silenzio mantenuto per sei anni su visita e
163
1965
dato a Cora da sei mesi a un anno
164
1965
due settimane.” ¶ Gli domandai: “Sei contenta?” ¶ Rispose: “Sì, era