parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Dante Alighieri, Divina Commedia, 1321

concordanze di «te»

nautoretestoannoconcordanza
1
1321
e i polsi». ¶ «A te convien tenere altro vïaggio
2
1321
primo punto che di te mi dolve. ¶ Io era
3
1321
al segnor mio, ¶ di te mi loderò sovente a
4
1321
il tuo fedele ¶ di te, e io a te
5
1321
te, e io a te lo raccomando -. ¶ Lucia, nimica
6
1321
tanto, ¶ ch'uscì per te de la volgare schiera
7
1321
parlare onesto, ¶ ch'onora te e quei ch'udito
8
1321
presto. ¶ E venni a te così com' ella volse
9
1321
donne benedette ¶ curan di te ne la corte del
10
1321
che mi soccorse! ¶ e te cortese ch'ubidisti tosto
11
1321
però, se Caron di te si lagna, ¶ ben puoi
12
1321
maladetto lupo! ¶ consuma dentro te con la tua rabbia
13
1321
benedetta colei che 'n te s'incinse! ¶ Quei fu
14
1321
volvi», cominciai, «com' a te piace, ¶ parlami, e sodisfammi
15
1321
non tegno riposto ¶ a te mio cuor se non
16
1321
ch'udito ¶ hai contra te», mi comandò quel saggio
17
1321
rima, ¶ non averebbe in te la man distesa; ¶ ma
18
1321
veggendo il cielo a te così benigno, ¶ dato t
19
1321
altra avranno fame ¶ di te; ma lungi fia dal
20
1321
che meglio stesse a te che a lor la
21
1321
la fama tua dopo te luca, ¶ cortesia e valor
22
1321
han generata, ¶ Fiorenza, in te, sì che tu già
23
1321
il satisfare altrui, ¶ felice te se sì parli a
24
1321
in questa fossa? ¶ Or te ne va; e perché
25
1321
feggia ¶ lo viso in te di quest' altri mal
26
1321
io grazie ¶ grandi apo te?": "Anzi maravigliose!". ¶ E quinci
27
1321
è bel, quanto a te piace: ¶ tu se' segnore
28
1321
quella dote ¶ che da te prese il primo ricco
29
1321
lezione, or pensa per te stesso ¶ com' io potea
30
1321
Maestro, se non celi ¶ te e me tostamente, i
31
1321
Togli, Dio, ch'a te le squadro!». ¶ Da indi
32
1321
i' porti sù di te novella, ¶ chi è colui
33
1321
con l'alchìmia; ¶ e te dee ricordar, se ben
34
1321
il mondo sallo!». ¶ «E te sia rea la sete
35
1321
lontano; ¶ però alquanto più te stesso pungi». ¶ Poi caramente
36
1321
onta ¶ io porterò di te vere novelle». ¶ «Va via
37
1321
mondo suso ancora io te ne cangi, ¶ se quella
38
1321
che i vicini a te punir son lenti, ¶ muovasi
39
1321
ch'elli annieghi in te ogne persona! ¶ Che se
40
1321
voce ¶ d'aver tradita te de le castella, ¶ non
41
1321
vivo; ¶ pensa oggimai per te, s'hai fior d
42
1321
il mio che a te si nieghi. ¶ Questi non
43
1321
regni; ¶ grazie riporterò di te a lei, ¶ se d
44
1321
diss' io; «ma a te com' è tanta ora
45
1321
consiglio, ¶ se tu da te medesmo aver nol puoi
46
1321
parte. ¶ Ma se a te piace, volontier saprei ¶ quanto
47
1321
me non dole ¶ di te omai; ma dimmi: perché
48
1321
perché mi privi? ¶ Tu te ne porti di costui
49
1321
festa; ¶ e ora in te non stanno sanza guerra
50
1321
s'alcuna parte in te di pace gode. ¶ Che
51
1321
picciol cenno ¶ verso di te, che fai tanto sottili
52
1321
e vedi lume, ¶ vedrai te somigliante a quella inferma
53
1321
D'altro non calme'. ¶ 'Te lucis ante' sì devotamente
54
1321
al primo tuono, ¶ e 'Te Deum laudamus' mi parea
55
1321
L'altrui bene ¶ a te che fia, se 'l
56
1321
tuoi ¶ fan sacrificio a te, cantando osanna, ¶ così facciano
57
1321
se vecchia scindi ¶ da te la carne, che se
58
1321
occhi dolenti ¶ vedea io te segnata in su la
59
1321
Aragne, sì vedea io te ¶ già mezza ragna, trista
60
1321
opera che mal per te si fé. ¶ O Roboàm
61
1321
caverne; ¶ o Ilïón, come te basso e vile ¶ mostrava
62
1321
mova ¶ di là per te ancor li mortai piedi
63
1321
deduca ¶ nel fare a te ciò che tu far
64
1321
da che Dio in te vuol che traluca ¶ tanto
65
1321
ogne scïenza disfavilla, ¶ vendica te di quelle braccia ardite
66
1321
si cheggia; ¶ e io te ne sarò or vera
67
1321
mille tube, ¶ chi move te, se 'l senso non
68
1321
acciò che tu per te ne cerchi». ¶ CANTO XVIII
69
1321
perché tanta ¶ grazia in te luce prima che sie
70
1321
il mio sangue a te sì tratto, ¶ che non
71
1321
l'amor ch'a te mi scalda, ¶ quand' io
72
1321
palese, ¶ mia benvoglienza inverso te fu quale ¶ più strinse
73
1321
da ciel nova'. ¶ Per te poeta fui, per te
74
1321
te poeta fui, per te cristiano: ¶ ma perché veggi
75
1321
dimmi il ver di te, dì chi son quelle
76
1321
fu la possa in te finita ¶ di peccar più
77
1321
io t'intenda, ¶ e te e me col tuo
78
1321
om la riprenda. ¶ Tu te n'andrai con questo
79
1321
non fora», disse, «a te questo sì agro; ¶ e
80
1321
che più savio di te fé già errante, ¶ sì
81
1321
è che fai di te parete ¶ al sol, pur
82
1321
tosto s'attuta, ¶ «Beato te, che de le nostre
83
1321
figlio: ¶ tra Bëatrice e te è questo muro». ¶ Come
84
1321
belli ¶ che, lagrimando, a te venir mi fenno, ¶ seder
85
1321
senno: ¶ per ch'io te sovra te corono e
86
1321
ch'io te sovra te corono e mitrio». ¶ CANTO
87
1321
cantaro ¶ di sùbito 'In te, Domine, speravi'; ¶ ma oltre
88
1321
le memorie triste ¶ in te non sono ancor da
89
1321
mortale ¶ dovea poi trarre te nel suo disio? ¶ Ben
90
1321
ingombra, ¶ tentando a render te qual tu paresti ¶ là
91
1321
Ma perch' io veggio te ne lo 'ntelletto ¶ fatto
92
1321
almen dipinto, ¶ che 'l te ne porti dentro a
93
1321
ne porti dentro a te per quello ¶ che si
94
1321
se tu ricordar non te ne puoi», ¶ sorridendo rispuose
95
1321
imo. ¶ Maraviglia sarebbe in te se, privo ¶ d'impedimento
96
1321
quel che tu da te ne pensi». ¶ E io
97
1321
i due rimovi ¶ da te d'un modo, e
98
1321
accenda ¶ e torni a te da tutti ripercosso. ¶ Ben
99
1321
freddo primai, ¶ così rimaso te ne l'intelletto ¶ voglio
100
1321
piè non fida, ¶ ma te rivolve, come suole, a
101
1321
occhi, tal che per te stesso ¶ non usciresti: pria
102
1321
angosciosa carizia; ¶ e per te vederai come da questi
103
1321
e s'inizia, ¶ per te si veggia come la
104
1321
perché sappi che di te mi giova, ¶ un corollario
105
1321
ch'i' possa in te refletter quel ch'io
106
1321
voglia di sé a te puot' esser fuia. ¶ Dunque
107
1321
ho innanzi: omai per te ti ciba; ¶ ché a
108
1321
cresce amando, ¶ multiplicato in te tanto resplende, ¶ che ti
109
1321
paia ¶ più gaudïoso a te, non mi domandi, ¶ che
110
1321
Ben supplico io a te, vivo topazio ¶ che questa
111
1321
sangue, ¶ se glorïar di te la gente fai ¶ qua
112
1321
si farà contr' a te; ma, poco appresso, ¶ ella
113
1321
prova; sì ch'a te fia bello ¶ averti fatta
114
1321
averti fatta parte per te stesso. ¶ Lo primo tuo
115
1321
santo uccello; ¶ ch'in te avrà sì benigno riguardo
116
1321
e ' regni, ¶ illustrami di te, sì ch'io rilevi
117
1321
le mie note a te, che non le 'ntendi
118
1321
giù bene innamora, ¶ in te e in altrui di
119
1321
e dì onde a te venne». ¶ Così seguì 'l
120
1321
sommo duce. ¶ 'Sperino in te', ne la sua tëodia
121
1321
ch'io respiri a te che ti dilette ¶ di
122
1321
este parole, ¶ 'Sperent in te' di sopr' a noi
123
1321
sia ¶ la vista in te smarrita e non defunta
124
1321
divoto quanto posso a te supplìco ¶ perché mi parli
125
1321
Sanz' essermi proferta ¶ da te, la voglia tua discerno
126
1321
le fronde, ¶ omai a te può esser manifesto. ¶ Oh
127
1321
mortali affonde ¶ sì sotto te, che nessuno ha podere
128
1321
Spirito Santo, ¶ e tu te n'avvedrai se bene
129
1321
che tanta sete in te si sazi»: ¶ così mi
130
1321
hai sana, ¶ piacente a te dal corpo si disnodi
131
1321
avesser vere elezïoni. ¶ Ben te ne puoi accorger per
132
1321
vuol grazia e a te non ricorre, ¶ sua disïanza
133
1321
al dimandar precorre. ¶ In te misericordia, in te pietate
134
1321
In te misericordia, in te pietate, ¶ in te magnificenza
135
1321
in te pietate, ¶ in te magnificenza, in te s
136
1321
in te magnificenza, in te s'aduna ¶ quantunque in
137
1321
ad una, ¶ supplica a te, per grazia, di virtute
138
1321
etterna che sola in te sidi, ¶ sola t'intendi
139
1321
t'intendi, e da te intelletta ¶ e intendente te
140
1321
te intelletta ¶ e intendente te ami e arridi! ¶ Quella
141
1321
sì concetta ¶ pareva in te come lume reflesso, ¶ da