parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «voce»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
Sì, signore... ¶ – Ripetilo a voce alta, è un sistema
2
1991
mise a correre la voce Sta per tornare il
3
1991
dove si sentì una voce urlare Sta per tornare
4
1991
ovviamente ad alzare la voce per farsi sentire, Cosa
5
1991
crescendo generale culminante nella voce che alla fine riuscì
6
1991
fango mormorare – a bassa voce, come se la notizia
7
1991
subito, filtrò la sua voce, attraverso lo smarrimento di
8
1991
e infine la sua voce che era bassa e
9
1991
continuò a leggere, con voce monocorde, quasi impersonale, un
10
1991
fiato e mise nella voce una venatura di stanchezza
11
1991
la beve tutta quella voce?... Ci deve essere un
12
1991
la propria stessa medesima voce... uno prende un tubo
13
1991
ascoltare, e... e la voce sale, sale poi si
14
1991
la sente... la sua voce... sarebbe straordinario... potersi sentire
15
1991
nel tubo e la voce se n’è andata
16
1991
da lì tutta quella voce... sparita nell’aria... ¶ Pehnt
17
1991
a cercare tutta quella voce perduta, che se uno
18
1991
tutta la potenza della voce. Quanto alla Sua ipotesi
19
1991
capace di “portare qualunque voce fino all’altro capo
20
1991
di dubbio che una voce molto bassa può essere
21
1991
ragionevolmente concludere che una voce più forte riuscirebbe ad
22
1991
calcolo sulla dispersione della voce nell’aria; se ne
23
1991
assoluta certezza, che una voce costretta in un tubo
24
1991
po’ come per la voce nei tubi. Se il
25
1991
fa delle curve la voce fa più fatica a
26
1991
non sarebbe passata una voce nemmeno a sparargliela dentro
27
1991
quando sono belle. ¶ La voce del signor Rail le
28
1991
filo di scetticismo nella voce. ¶ – Destinazione? ¶ – La città in
29
1991
poi parlò, con una voce piena di comprensiva pazienza
30
1991
poteva saperlo. ¶ – Mormy!... ¶ La voce di Jun gli arrivò
31
1991
in un filo di voce. ¶ – Amami, Jun. ¶ E basta
32
1991
con un filo di voce, il vecchio Andersson. ¶ – Lo
33
1991
faceva pensare a una voce che si fosse accartocciata
34
1991
più nulla quando la voce di Andersson disse ¶ – Addio
35
1991
di dire, con una voce che sembra lontana ¶ – Cerco
36
1991
sarebbe detto a bassa voce, un evento effettivamente non
37
1991
da dirsi. ¶ Quando la voce del tentato suicidio di
38
1991
l’Egitto. ¶ Raccontava con voce lenta. Infinita. Ma a
39
1991
provare, disse a bassa voce ‘questa musica è mia
40
1991
inizia a scivolare, la voce di Hector Horeau. ¶ – Credevano
41
1991
sulla cinquantina, con una voce stridula e grandi baffi
42
1991
il Crystal Palace, dalla voce di quella donna che
43
1991
è un rumore, una voce, niente. Passa un tempo
44
1991
terra a sentire la voce nei tubi, come se
45
1991
imprevedibile limpidezza di una voce femminile che risuonò con
46
1991
Sapeva però che quella voce non l’avrebbe dimenticata
47
1991
dalla bocca, a mezza voce. Era una cantilena fatta
48
1991
quasi impercettibilmente, la sua voce iniziò a scivolare tra
49
1991
cantare. Ho una bella voce, io. Avrei potuto cantare