parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

itinerario verbale


pensieri verbali


Bibliografia dei giornali lombardi satirici e umoristici

13. ANTONIO RIOBA
Dal 15 luglio 1848 (a. I, n. 2): SIOR ANTONIO RIOBA.
sottotitolo
Giornale buffo, politico e pittoresco; poi: Giornale buffo (a suo tempo), politico e pittoresco; poi: Giornale buffo (a suo tempo), politico ed illustrato.
luogo
Venezia; poi (dal 13 luglio 1848): Milano-Venezia.
durata
Il giornale uscì in tre periodi:
13 luglio 1848 (a. I, n. 1) - 28 dicembre 1848 (a. I, n. 152*);
22 marzo 1849 (a. II, n. 1) - 29 marzo 1849 (a. II, n. 3*);
8 marzo 1860 (a. III, n. 1) - 26 settembre 1860 (a. III, n. 30*).
periodicità
Quotidiano; poi: bisettimanale; poi: settimanale.
direttore
Augusto Giustinian, per la redazione; poi: Francesco Berlan, A. G., redattori; poi: A. G. redattore; poi: Francesco Berlan, per la redazione; poi: F. B. direttore.
gerente
Nessuno; poi: A. Balbiani; poi: L. Porro; poi: Francesco Berlan, proprietario e gerente responsabile.
stampatore
Nessuno; poi: Tipografia Ronchetti; poi: Tipografia del giornale.
pagine
4.
formato
23x16 cm; poi: 31x23 cm; poi: 36x26 cm.
prezzo
5 centesimi; poi: 8 centesimi italiani; poi: 10 centesimi italiani.
abbonamento
1,50 lire al mese; poi: 1,25 lire al mese; poi: nessuno; poi: 6 lire italiane per Milano, 8 lire italiane per le province libere d'Italia; poi: 4,50 lire italiane per Milano, 5,50 lire italiane per le province libere d'Italia.

Giornale satirico strettamente legato alle vicende dell'indipendenza nazionale. Uscì inizialmente a Venezia da dove si trasferì a Milano, pur cercando di conservare un legame con il luogo di origine. Sull'ultimo numero reperito (26 settembre 1860), del resto, progettava un ritorno a Venezia, non appena le vicende politico-militari della guerra lo avessero consentito:

Il Sior Antonio Rioba è lì lì per diventare giornale serio e seriamente quotidiano, dando alla parte buffa due strepitosi, stragrandi, immensi, inarrivabili Supplementi per settimana [...]
Dico che Sior Antonio Rioba assumerà [...] il titolo Gazzetta del popolo della Venezia.


L'approdo milanese era stato consentito da una provvidenziale fusione della vecchia testata veneziana con un foglio milanese di cui non si è trovata traccia:

Dopo quattro numeri di felice esistenza il Me n'impipo incontrò sul suo cammino Sior Antonio Rioba [...]. I suoi cortesi associati applaudiranno alla loro fusione ed alleanza.

Il giornale pubblicava grandi litografie nelle pagine interne con le firma di Japhet e Ghiribizzo.

raccolte
Biblioteca comunale centrale - Milano: 1860 (15 agosto; 29 agosto; 16 settembre; 26 settembre). Biblioteca nazionale Braidense - Milano: fino al 1° agosto 1860 (a. III, n. 22).