parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

itinerario verbale


pensieri verbali


Bibliografia dei giornali lombardi satirici e umoristici

219. LA LANTERNA MAGICA
sottotitolo
Giornale comico-politico-illustrato.
luogo
Milano.
durata
2 aprile 1862 (a. I, n. 1) - 27 e 31 dicembre 1862 (a. I, n. 78 e 79*).
Sull'ultimo numero reperito vi è la notizia che il giornale avrebbe proseguito nelle pubblicazioni con un formato più grande. Di tale prosecuzione non si è trovata traccia, sebbene una «Strenna della Lanterna magica per il 1864» sia stata realmente pubblicata da Edoardo Sonzogno nel 1863.
periodicità
Bisettimanale.
gerente
A. Lombardi.
stampatore
Tipografia Lombardi.
pagine
4.
formato
31x22 cm.
prezzo
5 centesimi.
abbonamento
1,25 lire all'ufficio di Milano; 1,50 lire franco tutto il regno (per tre mesi); poi: 5 lire; poi: 1,5 lire (per tre mesi).

Giornale di moderata intonazione satirica, compilato spesso con prestiti dello «Spirito Folletto» (n. 433). S'incolleriva soprattutto contro il papa e Napoleone III, colpevoli di voler sabotare la recente unificazione nazionale. La linea del giornale era felicemente sintetizzata nelle strofe di un inno indirizzato a Pio IX (30 agosto 1862) nel quale, fermamente, ma con filiale rispetto, si chiedeva la "rinunzia al temporale":

Ascolta o Beatissimo,
Ascolta un buon consiglio,
Di chi la Chiesa venera
Come la madre un figlio,
Non ira o sprezzo movemi
Ma carità, pavento
Che tu di Pier la gondola
Conduca a perdimento,
Fidandoti alle chiacchiere
Di qualche cardinale;
Accetta un buon consiglio;
Rinunzia al temporale.[...]

Non ti fidar di Francia,
O se fidar ti vuoi,
In prima bene esamina
Come trattò con noi.
Finché trovovvi l'utile
Fu amica sviscerata,
Ora che teme un'emula
Voltata ha la frittata.
La protezion di Francia
Saper dèi quanto vale,
Abbada a un buon consiglio:
Rinunzia al temporale.

Capisco che t'incomoda,
Sì dolce è il comandare!
Ma contro tutto un popolo
Che cosa vuoi tu fare?
Vuoi esser di continuo
Fra il boia e l'aguzzino?
Vuoi sempre in ogni suddito
Vedere un assassino?
Non mai trovar di requie
O sonno sul guanciale?
Abbada a un buon consiglio:
Rinunzia al temporale.

Né più si dica a scapito
Di nostra religione
Che di Cristo il Vicario
È socio di Chiavone;
Che del potere il fascino
Ti pose agli occhi un velo,
Scordandoti per l'utile
Mondano quel del Cielo.
Attienti alla pantofola
E lascia lo stivale,
Abbada a un buon consiglio:
Rinunzia al temporale.

E allor disciolto e libero
D'ogni lazzo mondano
Più sacro e venerabile
Starai sul Vaticano.
Sarai qual astro fulgido
Che i suoi tesor disserra,
E i sozzi a lui non giungono
Vapor di questa terra.
Dai rospi e dalle nottole
Pulisci il Quirinale
E abbada un buon consiglio:
Rinunzia al temporale.

Contro il voler di un popolo
Mal tu t'ostini e invano:
Pensa che questo popolo
È il popolo Romano;
Che se un dì sorge, inutile
Speme sarà il fermarlo;
Tutta l'Europa è dubbio
Se giungerebbe a farlo.
Contender più all'Italia
Non puoi la Capitale,
Abbada a un buon consiglio:
Rinunzia al temporale.


Fra le rubriche vanno segnalate le Vedutine (brevi scorci di cronaca) e i Profili fotografici parlamentari, ritratti di personaggi politici (Angelo Brofferio, Francesco Crispi, Francesco Domenico Guerrazzi, Giuseppe Massari e altri), corredati da spiritose epigrafi.
Le illustrazioni erano costituite da incisioni in legno firmate da Rapp, Pouff, Teia.

bibliografia
Francesco Cazzamini Mussi, Il giornalismo a Milano dal 1848 al 1900, Como, 1935; Enrico Gianeri (Gec), Storia della caricatura, Milano, 1959; Carlo Alberto Ferrucci, La caricatura italiana dell'Ottocento, Roma, 1954.
raccolte
Biblioteca nazionale Braidense - Milano.