parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

itinerario verbale


pensieri verbali


Bibliografia dei giornali lombardi satirici e umoristici

354. PICCIONE VIAGGIATORE
sottotitolo
Periodico umoristico dialettale; poi: Periodico letterario-umoristico-dialettale.
luogo
Milano.
durata
15 ottobre 1894 (a. I, n. 1) - 17 febbraio 1895 (a. I, n. 19*).
periodicità
Settimanale.
direttore
G. Navaretti, direttore-proprietario.
gerente
Pasquale Curti.
stampatore
Milano, Tipografia Pietro Faverio.
pagine
4.
formato
43x30 cm.
prezzo
10 centesimi; poi: 5 centesimi.
abbonamento
4 lire.

Il giornale ambiva a divenire una palestra della produzione letteraria dialettale, aiutato in questo proprio dai piccioni viaggiatori, eletti idealmente a corrispondenti "de tutt i cittaa d'Italia". Numerosi nomi erano dichiarati nella testata del periodico quali collaboratori, sebbene non tutti firmarono poi dei contributi precisi. Essi erano: Carlo Bertolazzi, Federico Bruni, Gaetano Crespi, Salvatore Di Giacomo, Oreste Fascio, Giuseppe Martelletti, Rosa Massara De Capitani, Dino Moglia, Giovanni Panizza, Oreste Poggio, C. F. Risi, Francesco Rocchini, Teodoro Rovito, Enrico Usigli. Nel complesso i testi presentati erano alquanto mediocri, come ben esemplifica questo sonetto in romanesco (firmato Aldo) che cercava di rinverdire la gloriosa tradizione belliana:

Se dice che l'Itaja è la nazione
andove non ce so che canti e soni,
e andove vai a guardà' lo stivalone
trovo per tutto vino e maccheroni.

Se dice, sì, verissimo... verone!!
er mare sta per tutti li cantoni,
c'è un sole scicche, propio a quel mifone,
tanto bello che roppe li minchioni.

Ma c'è na fame, fio, che te fa piagne,
c'è na micragna tanto ribattuta,
che è propio ucello raro chi se sfama.

Che giova avecce belle le montagne,
belli li mari, bella la veduta?
Non c'è pane, che magni? Er pane... rama?


Il giornale pubblicava anche una rivista di teatri. Senza illustrazioni.

raccolte
Biblioteca nazionale centrale - Firenze. Biblioteca nazionale Braidense - Milano.