parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

itinerario verbale


pensieri verbali


Bibliografia dei giornali lombardi satirici e umoristici

398. IL «ROMPISCATOLE»
Dall'8 agosto 1925 (n. 35): IL ROMPISCATOLE.
sottotitolo
Giornale satirico-umoristico, organetto di tutte le persone di spirito; poi: Giornale di tutti i colori politici!!; poi: Giornale di tutti i colori politici; poi: nessuno.
luogo
Brescia.
durata
13 ottobre 1922 (a. I, n. *2) - 1° gennaio 1926 (a. VI, n. 52*).
periodicità
Settimanale.
direttore
Nessuno; poi: Luigi Vecchi.
gerente
Annibale Nascimbeni; poi: Angelo Fenzi; poi: Vincenzo Mancino;poi: Vittorio Moreni; poi: Luigi Vecchi; poi: Ferruccio Migliorati; poi: nessuno.
stampatore
Brescia, Cooperativa tipografica bresciana; poi: Tipografia della «Provincia»; poi: Tipografia de «La Sentinella»; poi: Stamperia Geroldi; poi: Tipografia Apollonio e C.; poi: Tipografia Lenghi e Apollonio; poi: Tipografia del «Rompiscatole».
pagine
Da 4 a 8.
formato
49x35 cm; poi: 56x42 cm; poi: 42x32 cm.
prezzo
30 ghèi; poi: 30 centesimi.
abbonamento
Nessuno; poi: 12 lire.

Giornale filofascista assai ben fatto, composto da una grande quantità di gustose rubriche: Si dice che... (pettegolezzi), Oggetti da donarsi al museo (persone e cose di cui fare volentieri a meno); Bollettino metereologico (umori respirati in varie sedi); La parola alla scienza; La predica di don Gatola; Lettere di Lauretta (osservatorio politico romano) e altre ancora. Va segnalato, tuttavia, che dopo l'uscita dei primi due numeri il giornale subì una secessione dalla quale ebbe origine l'effimero «Brescia che ride» (n. 69).
La considerazione verso il duce era talmente smisurata da spingersi a pubblicare una Lettera aperta a S. E. il Padre Eterno (vice sottosegretario del Presidente del Consiglio) (3 marzo 1923):

Or dimmi, o Padreterno benedetto:
Tu che accanto a Benito il campo avesti
Di studiare il sistema spiccio e netto
Di liquidar chiunque i calli pesti,
Rompendogli la testa col bastone
Senza fare eccessiva discussione,

Perché non intervieni sulle genti?
Perché non pesti nello stesso modo
Ministri generali e presidenti,
Onorevoli, capi teste a chiodo,
Marianne, albioni, Bulli e compagnia?
De' fallo o Eterno Padre... e... così sia.


Le vignette e i pupazzetti erano firmati Vasco.

bibliografia
Mario Paini (a cura di), I macc de le ure. Vita popolare e satira politica tra '800 e '900 a Brescia.
raccolte
Biblioteca civica Queriniana - Brescia: 13 ottobre 1922 (a. I, n. *2) - 25 dicembre 1925 (a. VI, n. 51). Biblioteca nazionale centrale - Firenze.