parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

itinerario verbale


pensieri verbali


Bibliografia dei giornali lombardi satirici e umoristici

414. SE SA MINGA!
sottotitolo
(Non si sa!). Giornale misterioso antidiplomatico.
luogo
Milano.
durata
7 agosto 1866 (n. 1) - 25 agosto 1866 (n. 18).
periodicità
Quotidiano.
gerente
F. Siola.
stampatore
Milano, Tipografia Aut.-Edit.
pagine
4.
formato
28x19 cm.
prezzo
5 centesimi.
abbonamento
20 lire per i non associati alla Cronaca grigia.

Foglietto compilato da Cletto Arrighi per denunciare i misteri e le omissioni sugli avvenimenti relativi alla terza guerra d'indipendenza. Dopo la pubblicazione di diciotto numeri il giornale confluì nella «Cronaca grigia», anche questa diretta dall'Arrighi.
Da segnalare un caustico quanto immaginario verbale dell'interrogatorio all'ammiraglio Persano, ritenuto colpevole della pessima prestazione militare offerta dall'Italia (19 agosto).

LA CORTE D'ASSISIE DELLA PUBBLICA OPINIONE

Accusato - Ammiraglio Pellion di Persane
Delitto - II troppo coraggio
Proc. d'Italia - Il giornale se sa minga
Avv. dif. - L'ombra di Boggio

Acc. Protesto contro la calunnia. La battaglia di Lissa non fu persa...
Pres. (riscaldandosi) Fu persa sì, corpo d'un vascello!
Acc. Io le dico sul mio nome che fu persa no, signor presidente.
Pres. (i giudici ridono). Si persuada che non è coi giuochi di parole che l'opinione pubblica può acquietarsi a di lei riguardo; l'opinione pubblica è una matrona degna di rispetto.
Acc. Io conosco delle donne pubbliche, tutt'altro degne di rispetto; di opinioni pubbliche non ne ho mai conosciute...
Pres. Aveste altre volte a che fare col tribunale della pubblica opinione?
Acc. No.
Pres. Vi sbagliate. Dalle nostre informazioni risulta che la voce pubblica più volte ebbe sospetto che voi, sia come cittadino che come uomo di mare non foste all'altezza della vostra posizione. Sa ella di che cosa è incolpato?
Acc. D'esser disceso sull'Affondatore e d'aver scambiata la poppa colla prora.
Pres. Ci racconti perché invece di stare sul Re d'Italia ella è andata a mettersi al sicuro in quella scatola di ferro? Non le passò per la mente che l'opinion pubblica avrebbe detto ch'Ella aveva paura?
Acc. No; perché io sapeva in quali tasche erano andati i milioni che si diceva costasse l'Affondatore, costrutto per economia in modo che scendendo su di esso sapeva di fare un atto di eroismo non di paura.

raccolte
Biblioteca del Museo del Risorgimento - Milano.