parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «cosa»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
Pit... è leggero... leggero... cosa dici Stitt, non ha
2
1991
più di ogni altra cosa – sia che ridesse o
3
1991
stupidi è la stessa cosa diceva lui. Nessuno potrebbe
4
1991
tornare il signor Rail, cosa che rapidamente finì sulla
5
1991
voce per farsi sentire, Cosa hai detto?, Sta per
6
1991
era partito. La qual cosa testimonia l’ordine interiore
7
1991
che stava facendo la cosa più normale del mondo
8
1991
via dei mesi. La cosa non spostava di un
9
1991
fosse là rimaneva una cosa vaga, ma almeno era
10
1991
della sedia. ¶ – Sai una cosa, Andersson? Ho trovato un
11
1991
gli chiese, il vecchio: cosa ci facciamo, gli chiese
12
1991
stupidi è la stessa cosa diceva lui. Nella sua
13
1991
e non sapeva bene cosa gli stava succedendo. Però
14
1991
e anni. L’unica cosa che spesso risultava evidente
15
1991
forse sempre, l’unica cosa era che in quel
16
1991
ragioni per spiegare una cosa del genere, a cominciare
17
1991
mai quello. Ma una cosa era chiara: non era
18
1991
Pekisch. ¶ – Ciao, Pekisch. ¶ – Ciao cosa? ¶ – Ciao. ¶ Non avesse il
19
1991
Di’ qualcosa, Pehnt. Dimmi cosa accidenti hai sentito in
20
1991
assorbe... è sicuramente una cosa del genere... che a
21
1991
è geniale, lo capisci cosa può significare?... praticamente la
22
1991
perfetta e irresistibile. Una cosa da non crederci. Perfino
23
1991
e sorride. ¶ – Be’, sai cosa ti dico? lo troveremo
24
1991
lontano potrebbe ben chiedersi cosa diavolo fanno quei due
25
1991
questo buco... ¶ – Solo una cosa, Pekisch... ¶ – Cosa? ¶ – Che storia
26
1991
Solo una cosa, Pekisch... ¶ – Cosa? ¶ – Che storia era? ¶ – Era
27
1991
come la sua bocca, cosa che di norma permette
28
1991
sufficientemente sensato. ¶ – Schifezze – rispose. ¶ – Cosa sono le schifezze? ¶ – Sono
29
1991
mente neppure una. ¶ La cosa si complicava. Pekisch se
30
1991
decide di farla quella cosa di cui ha tanta
31
1991
I desideri sono la cosa più importante che abbiamo
32
1991
lo si può fare? ¶ – Cosa? ¶ – Fare schifezze. ¶ – Non troppe
33
1991
l’interno della casa ¶ – Cosa c’è dopo due
34
1991
Intuì che scrivere una cosa significa possederla – illusione verso
35
1991
principali. Potresti scegliere una cosa al giorno, ecco. Bisogna
36
1991
questa. Ogni giorno una cosa. Dovrebbe funzionare... Diciamo che
37
1991
per la soluzione “Una cosa al giorno”. In occasione
38
1991
aveva scritte. Ma la cosa, per la vedova Abegg
39
1991
e non poteva immaginare cosa precisamente stava inseguendo. Ma
40
1991
Jun, non puoi immaginare cosa ho comprato questa volta
41
1991
a là era una cosa talmente lenta, e sgangherata
42
1991
non sarebbe stata gran cosa, non era poi che
43
1991
generale febbrile impaurita curiosità – cosa sarà il mondo, visto
44
1991
questo mondo di fuori, cosa sarà mai, possibile che
45
1991
il viaggio intero, chissà cosa, chissà se avrà realizzato
46
1991
E non fu una cosa da nulla ma una
47
1991
da nulla ma una cosa immensa – immensa – tanto che
48
1991
capaci a pensarla, quella cosa immensa, a sentire il
49
1991
a me sembra una cosa incredibile, eppure... ¶ Pekisch frugò
50
1991
adesso silenzio... ¶ – Scusa, Pekisch... ¶ – Cosa c’è, Brath? ¶ – Volevo
51
1991
nota. Non è una cosa da niente: è una
52
1991
da niente: è una cosa bellissima. Avere una nota
53
1991
quella appena defunta. La cosa suscitò viva commozione. ¶ Così
54
1991
commozione. ¶ Così. ¶ – Scusa, Pekisch... ¶ – Cosa c’è, Brath? ¶ – Volevo
55
1991
non è la stessa cosa di sentirlo, sapeva di
56
1991
vita di Pekisch. Una cosa che non è facile
57
1991
l’orologio del panciotto, cosa che lo faceva sembrare
58
1991
nessun’altra persona o cosa è in grado di
59
1991
avesse mai vista prima, cosa che peraltro era assolutamente
60
1991
di queste cose... sa cosa diceva il mio caro
61
1991
era sconveniente fare una cosa del genere... so che
62
1991
per il corridoio’, una cosa così... e io gli
63
1991
sapere sì o no cosa vuol dire andare veloci
64
1991
anche lui, puoi scommetterci”, “Cosa c’entra adesso la
65
1991
treno non è una cosa da signore”, “Vorrà scherzare
66
1991
caduto giù dalla scarpata”, “Cosa vuol dire, anche Pritz
67
1991
ha parlato il teologo, cosa credi, non è mica
68
1991
Stupidi, è la stessa cosa”, “Secondo me è come
69
1991
come andare a teatro”, “Cosa?”, “Secondo me il treno
70
1991
salgo su quel treno”, “Cosa pensavi, che ti pagavano
71
1991
per salirci?”, “È una cosa da ricchi, ascoltate me
72
1991
ascoltate me, è una cosa da ricchi il treno
73
1991
cose che fanno paura”, “Cosa dici?”, E in effetti
74
1991
sapere dove scappare – da cosa, questo non lo capirà
75
1991
solo quel rombare illeggibile, cosa sta per succedere?, possibile
76
1991
fare: quella è una cosa che non guarda in
77
1991
Jun. ¶ E basta. ¶ Una cosa che vista da lontano
78
1991
come vedono tutti. Una cosa dopo l’altra. Come
79
1991
era in fondo una cosa come le altre, ordinatamente
80
1991
ne debba andare così, cosa credi, che solo perché
81
1991
la domanda: perché quattro? Cosa se ne faceva uno
82
1991
fai tutto quello... e cosa succederà dopo... ¶ –Dopo cosa
83
1991
cosa succederà dopo... ¶ –Dopo cosa? ¶ Richiuse gli occhi, il
84
1991
una stanchezza. ¶ – Sai una cosa, Dann?, alla fine quando
85
1991
nemmeno te l’immagini... ¶ – Cosa dici, Andersson? ¶ – Dico... vorrei
86
1991
che devi stravincerla... una cosa del genere. Una roba
87
1991
quella roba... è una cosa che ti mette l
88
1991
qualcosa che non sapeva cosa fosse. Fu un lungo
89
1991
Senta, posso chiederle una cosa? ¶ – Dica. ¶ – Ma quella banda
90
1991
e regolamentare. Solo una cosa, per un attimo, lo
91
1991
Dev’essere così, questa cosa dei figli, pensò Horeau
92
1991
Avrebbe potuto farci qualsiasi cosa... avrebbe potuto farci anche
93
1991
sul disegno. ¶ – Sa una cosa... ogni tanto penso a
94
1991
andare. Poi però una cosa la disse. ¶ – È un
95
1991
se lei vuole una cosa e però ne ha
96
1991
tra lei e quella cosa... potrà andarle vicinissimo eppure
97
1991
più semplicemente ¶ – Sa una cosa, signor Horeau? Io sono
98
1991
Horeau, posso chiederle una cosa? ¶ – Certo. ¶ – Quante probabilità abbiamo
99
1991
chiedergliela anch’io una cosa? ¶ – Certo che può – rispose
100
1991
è il caso’, ma cosa vuol dire? vuol dir
101
1991
il destino, è una cosa diversa... e anche Pehnt
102
1991
una giacca è una cosa da niente ed è
103
1991
tua misura... ma una cosa vale l’altra, una
104
1991
giacca diventa perfetta, chissà cosa decide quando un quadro
105
1991
e allora inventò una cosa bellissima... io lo so
106
1991
quel giorno... inventò una cosa bellissima... sai, lui non
107
1991
altra e viceversa... una cosa complicata... uno spettacolo... tanto
108
1991
tutto questo. Non sa cosa. / ... il signor Rail faceva
109
1991
proprio Mary... ora dimmi cosa c’entra il caso
110
1991
c’entra il caso... cosa mai ci sarebbe di
111
1991
di casuale in una cosa del genere... era tutto
112
1991
ci saremmo raccontati qualche cosa... magari si andava a
113
1991
ad aspettarti... anche tu, cosa credi? e questa schifosa
114
1991
sa di preciso neanche cosa deve ascoltare – la gente
115
1991
al momento buono saprà cosa fare, questa è la
116
1991
lo capì subito, Ort, cosa stava succedendo, solo sentì
117
1991
suonare, non è una cosa da niente – gli si
118
1991
spasimo di tutti – una cosa da soffocare se non
119
1991
una addosso all’altra – cosa mai potrà essere vederle
120
1991
nell’altra – e ascoltarle? / cosa avrà portato con sé
121
1991
è sparito il mondo? – cosa mai sta succedendo perché
122
1991
senza direzione? / no, qualsiasi cosa ma piangere no, proprio
123
1991
proprio adesso no, qualsiasi cosa, Pehnt, ma quella no
124
1991
forse, è poi la cosa più commovente di tutte
125
1991
Rail, c’è una cosa... ¶ – Parla, Brath. ¶ – Mormy... ¶ – Cosa
126
1991
cosa... ¶ – Parla, Brath. ¶ – Mormy... ¶ – Cosa c’è, Brath? ¶ – Mormy
127
1991
Mormy... Mormy è morto... ¶ – Cosa dici? ¶ – Hanno ucciso Mormy
128
1991
dici? ¶ – Hanno ucciso Mormy. ¶ – Cosa dici? ¶ – L’hanno ucciso
129
1991
sacco. Non respirava più. ¶ – Cosa dici? ¶ – C’erano quelli
130
1991
tutta... era morto, insomma. ¶ – Cosa dici? ¶ – Volevano smontare la
131
1991
venuto via con noi... ¶ – Cosa dici? ¶ – Erano inferociti, quelli
132
1991
silenzio orrendo, non sapevamo cosa fare, e Mormy era
133
1991
niente, non sapevi a cosa parlare, e allora io
134
1991
non è scappato, eh? cosa aveva visto per rimanere
135
1991
immobile, a farsi ammazzare, cosa avrà mai visto, io
136
1991
il signor Rail. ¶ – Jun, cosa fai qui? ¶ Lei si
137
1991
Ma dovevo chiederti una cosa. ¶ Brath se ne stava
138
1991
indispettito. ¶ – E un’altra cosa. C’era una quarantina
139
1991
da lontano, che una cosa del genere nessuno l
140
1991
parola. Non sapevano bene cosa fare. Sembrava una cosa
141
1991
cosa fare. Sembrava una cosa da nulla. Due sorveglianti
142
1991
impazzata contro ogni altra cosa, in un contagio fulmineo
143
1991
andare a fuoco una cosa di ferro e di
144
1991
è mai possibile una cosa del genere, non brucia
145
1991
volava vetro dappertutto, una cosa incantevole, un’emozione che
146
1991
torna a dormire, Ma cosa è stato? Non lo
147
1991
bisogna partire? Di’, Pekisch, cosa bisogna raccontargli, la prima
148
1991
qualcosa? Proprio la prima cosa: di tutte le storie
149
1991
al mondo un bambino, cosa che ineluttabilmente ti porterà
150
1991
se ci faceste capire cosa diavolo è successo di
151
1991
definitiva, è l’unica cosa che veramente posseggo: le
152
1991
il destro. Vedete voi cosa è possibile fare. Vogliate
153
1991
e trovarla lì, qualsiasi cosa sia successa nel mondo
154
1991
E non è una cosa spregevole. È bello. E
155
1991
Io non parto. ¶ – E cosa fai qui? ¶ – Sono venuto
156
1991
scritto tu? ¶ – No. ¶ – E cosa dice? ¶ – Non lo so
157
1991
semplice. Dev’essere una cosa che ti rende speciale
158
1991
con te. È una cosa che non riuscirò a
159
1991
di assistere personalmente alla cosa. Non aveva mai visto
160
1991
sola parola. ¶ – Aiuto. ¶ La cosa succedeva due, tre volte
161
1991
aulenti. In sé la cosa potrà non sembrare significativa
162
1991
le devo dire una cosa. ¶ E le raccontò tutto
163
1991
suo letto, senza saper cosa fare. Passavano, un po
164
1991
trovarlo, ma nessuno sapeva cosa dire. Ce ne sono
165
1991
ha insegnata Tool questa cosa. Andare a Quinnipak, dormire
166
1991
faccia l’infinito. Qualsiasi cosa ci fosse, laggiù, era
167
1991
per le ferrovie. Una cosa strana. Io lavoravo all