parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «erano»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
e insondato fenomeno che erano i viaggi del signor
2
1991
un unico lago, si erano dispersi nella limpida verità
3
1991
volto di Jun. Gli erano entrate negli occhi, quelle
4
1991
e incredibile – non c’erano labbra più belle – e
5
1991
come vivevano, e com’erano. Ci si sarebbe potuti
6
1991
e in quello che erano c’era qualcosa – per
7
1991
Che era bello. ¶ Così erano il signore e la
8
1991
è una storia bellissima. ¶ Erano le tre del mattino
9
1991
incognite dell’esistenza (che erano, appunto, tali): guardava il
10
1991
il suo, se qui erano le 14 e 25 là potevano
11
1991
per centinaia di giorni”. ¶ Erano i tempi in cui
12
1991
stazione di Buffalo c’erano tre orologi, ognuno con
13
1991
e sei ce n’erano nella stazione di Pittsburgh
14
1991
tramonto – tutto il resto erano attimi confusi in un
15
1991
non perdonava. Se c’erano sette minuti di differenza
16
1991
viaggi in carrozza non erano mai riusciti a scoprirli
17
1991
Rainhill. In gara c’erano altre tre locomotive, ciascuna
18
1991
di quando i treni erano per la prima volta
19
1991
posto delle canne c’erano delle persone. Ogni persona
20
1991
d’ottone, e invece erano uomini. In effetti se
21
1991
sapeva di che colore erano i rumori, uno per
22
1991
sarebbe potuto pensare che erano riusciti a fregargli un
23
1991
nel marcio della notte. ¶ Erano undici rintocchi, schioccati nel
24
1991
era allontanato da lui. Erano soli, meravigliosamente soli, lui
25
1991
meravigliato entusiasmo – d’altronde erano lacrime o gocce di
26
1991
lungo il corridoio c’erano ormai sul pavimento abbastanza
27
1991
le domestiche che ancora erano bambine, e il signor
28
1991
E dire che invece erano poi solo uomini, uomini
29
1991
duecento metri di binari: erano venuti a montarli, qualche
30
1991
vicino e dire poi, erano trenta centimetri, anche meno
31
1991
contro la meraviglia. C’erano cose che uno qualunque
32
1991
Mormy, quelle stesse cose erano prodigi, esplodevano come incantesimi
33
1991
Lui collezionava immagini che erano e basta. ¶ – È matto
34
1991
nei suoi silenzi, che erano ammutolita emozione, riposavano i
35
1991
la vita. Chissà com’erano le ali dell’angelo
36
1991
a raccontare. Raccontava come erano morti. La vedova di
37
1991
Chrinnemy. E così via. Erano passati sei anni da
38
1991
cristallo che avrai rotto erano solo vita... non sono
39
1991
mise a leggere. Non erano che poche righe. Dicevano
40
1991
diligente architetto dublinese c’erano talmente tante assurdità che
41
1991
Vetrerie Rail – scoprì – c’erano ancora. Distavano un paio
42
1991
occhi di suo padre: erano occhi meravigliati. Nello stupore
43
1991
sorrise. ¶ – Chi lo sa... ¶ Erano giù, alla vetreria, a
44
1991
e tutto il resto. Erano lì quando Hector Horeau
45
1991
i finestrini dei treni erano di vetro. Si chiedeva
46
1991
testa e basta. C’erano. Tutto lì. E però
47
1991
ma era solo che erano amici... non c’era
48
1991
cambiava, cose così, ma... erano sempre musiche di qualcun
49
1991
mezzo alla gente... sola... erano anni che non la
50
1991
vedrebbe anche un cieco... erano le mie rotaie... mi
51
1991
non ne sbagliava una, erano loro che lo tradivano
52
1991
più. ¶ – Cosa dici? ¶ – C’erano quelli della ferrovia, gli
53
1991
della ferrovia, gli operai, erano inferociti, gridavano contro di
54
1991
gridavano contro di noi, erano in quaranta, forse di
55
1991
cercato di fermarli ma erano in troppi, e allora
56
1991
con noi... ¶ – Cosa dici? ¶ – Erano inferociti, quelli della ferrovia
57
1991
tutti di scappare, perché erano troppi, ed è gente
58
1991
fatta, ma non c’erano più, gli occhi, non
59
1991
deserto. Tutti spariti. C’erano nove chilometri e quattrocentosette
60
1991
guardarsi intorno non c’erano che prati e colline
61
1991
casa: silenziosa. Non si erano mai più visti. Anni
62
1991
dietro ai vetri che erano stati già montati. Non
63
1991
parlava di fontane. C’erano anche i disegni. E
64
1991
con dolce imperturbabilità. ¶ – C’erano otto musicisti che provavano
65
1991
sera tardi, e c’erano solo loro, nel Crystal
66
1991
da nulla. Due sorveglianti erano corsi immediatamente e si
67
1991
tutto. Ma alcune cose erano vere. E bellissime. Jun
68
1991
Quinnipak non se n’erano mai viste. È per
69
1991
gente lo sapeva – c’erano i matti. Con le
70
1991
di legno. Ma c’erano anche quelli che giravano
71
1991
suo comodino non c’erano libri, non c’erano
72
1991
erano libri, non c’erano ritratti. Nessuno mai lo
73
1991
bianco con cui tutti erano abituati a vederlo girare
74
1991
clarinetto, ma a sostituirlo erano sopraggiunti un paio di
75
1991
dal libro. Davanti c’erano chilometri di colline e