parole scritte
interroga:  scripta  ·  bsu  ·  civita

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

concordanze di «istante»

nautoretestoannoconcordanza
1
1991
sguardo, chiuse per un istante gli occhi, li riaprì
2
1991
lei lasciava scivolare qualche istante di nulla, poi chiudeva
3
1991
pur tuttavia resistette un istante, giusto un istante, prima
4
1991
un istante, giusto un istante, prima di cedere, in
5
1991
gambe e in un istante, un po’ con rabbia
6
1991
rimanere immobile per qualche istante. Così, benché indubbiamente fosse
7
1991
prof. Dallet. ¶ Passò qualche istante e poi, finalmente, Pekisch
8
1991
e dovette aspettare qualche istante prima di dirigersi verso
9
1991
Pehnt capì, in un istante di noumenica illuminazione, che
10
1991
gemma intatta, affinché ogni istante potesse sapere se era
11
1991
sapere se era un istante di ritardo o di
12
1991
di anticipo, affinché ogni istante potesse conoscere se stesso
13
1991
né di sapere. L’istante in cui si vedevano
14
1991
una volta, lo stesso istante.) ¶ ... prezioso come un segreto
15
1991
di immagini lunghe un istante, strappato via da una
16
1991
ragnatela era a un istante dal cedere per sempre
17
1991
a immaginarla per un istante allora forse si potrebbe
18
1991
sparire lontano. Nel preciso istante in cui tornò il
19
1991
in un unico nitido istante. ¶ Uno dei signori venuto
20
1991
e solo dopo qualche istante disse qualcosa, ma molto
21
1991
quell’immagine, in un istante, sparita per sempre. Nella
22
1991
guardava partire: vedeva l’istante in cui la massa
23
1991
totale tutt’intorno, un istante di esasperante nulla prima
24
1991
rimaneva lì: in quell’istante che era prima di
25
1991
lui aveva ancora quell’istante là. Continuava a vedere
26
1991
risvegliava, improvvisamente, e quell’istante di partenza gli si
27
1991
si potesse nello stesso istante, proprio nello stesso istante
28
1991
istante, proprio nello stesso istante, contemporaneamente – se si potesse
29
1991
capì, incrociandone per un istante gli occhi, cos’avevano
30
1991
Abegg, la alza un istante per gridare a Pehnt
31
1991
Non manca che un istante all’inizio di tutto
32
1991
fare, ancora per un istante, che essere se stessi
33
1991
dire nemmeno all’ultimo istante dove diavolo li aveva
34
1991
ricordo. Il ricordo. ¶ Un istante. ¶ Poi Pekisch fa un
35
1991
subito, anche prima dell’istante lungo di silenzio, anche
36
1991
in fondo, in quell’istante, percossi dal bagliore di
37
1991
dolcezza che fila l’istante del commiato / È una
38
1991
notte, lasciò scivolare qualche istante di nulla, poi chiuse
39
1991
che, pure, in quell’istante sembrarono vedere per la