parole scritte
interroga:  SCRIPTA  ·  BSU  ·  CIVITA

il corpus SCRIPTA


esplorazioni verbali


invenzioni verbali


Dante Alighieri, Divina Commedia, 1321

concordanze di «lui»

nautoretestoannoconcordanza
1
1321
stelle ¶ ch'eran con lui quando l'amor divino
2
1321
di me», gridai a lui, ¶ «qual che tu sii
3
1321
largo fiume?», ¶ rispuos' io lui con vergognosa fronte. ¶ «O
4
1321
elegge!». ¶ E io a lui: «Poeta, io ti richeggio
5
1321
tre donne che di lui aveano cura ne la
6
1321
ch'uscir dovea di lui, e 'l chi e
7
1321
ch'i' ho di lui nel cielo udito. ¶ Or
8
1321
mi loderò sovente a lui". ¶ Tacette allora, e poi
9
1321
porti». ¶ E 'l duca lui: «Caron, non ti crucciare
10
1321
messa. ¶ Sempre dinanzi a lui ne stanno molte: ¶ vanno
11
1321
l duca mio a lui: «Perché pur gride? ¶ Non
12
1321
l'universo, ¶ noi pregheremmo lui de la tua pace
13
1321
fatto». ¶ E io a lui: «L'angoscia che tu
14
1321
suono. ¶ E io a lui: «Ancor vo' che mi
15
1321
mi fece intrare appresso lui; ¶ e sol quand' io
16
1321
ora?». ¶ E io a lui: «S'i' vegno, non
17
1321
piango». ¶ E io a lui: «Con piangere e con
18
1321
scorta, ¶ tal che per lui ne fia la terra
19
1321
tra le sepulture a lui, ¶ dicendo: «Le parole tue
20
1321
ogne parte», ¶ rispuos' io lui, «l'una e l
21
1321
teco?». ¶ E io a lui: «Da me stesso non
22
1321
legge?». ¶ Ond' io a lui: «Lo strazio e 'l
23
1321
vostra semenza», ¶ prega' io lui, «solvetemi quel nodo ¶ che
24
1321
io «Alcun compenso», ¶ dissi lui, «trova che 'l tempo
25
1321
in colui che 'n lui fida ¶ e in quel
26
1321
Lo savio mio inver' lui gridò: «Forse ¶ tu credi
27
1321
parla, e chiedi a lui, se più ti piace
28
1321
piace». ¶ Ond' ïo a lui: «Domandal tu ancora ¶ di
29
1321
Arno ¶ rimane ancor di lui alcuna vista, ¶ que' cittadin
30
1321
il mio duca di lui, ¶ gridò: «Qual io fui
31
1321
ma, com' io dissi lui, li suoi dispetti ¶ sono
32
1321
conta». ¶ E io a lui: «Se 'l presente rigagno
33
1321
la traccia». ¶ I' dissi lui: «Quanto posso, ven preco
34
1321
per andar par di lui; ma 'l capo chino
35
1321
vita serena», ¶ rispuos' io lui, «mi smarri' in una
36
1321
mio dimando», ¶ rispuos' io lui, «voi non sareste ancora
37
1321
avea comandato, ¶ porsila a lui aggroppata e ravvolta. ¶ Ond
38
1321
l più star crucciasse ¶ lui che di poco star
39
1321
gridando il padre a lui «Mala via tieni!», ¶ che
40
1321
colpa a tal martiro lui condanna; ¶ e anche di
41
1321
si fa vendetta. ¶ Con lui sen va chi da
42
1321
brutti?». ¶ E io a lui: «Perché, se ben ricordo
43
1321
che più giace, ¶ da lui saprai di sé e
44
1321
ch'è fitto, ¶ richiama lui per che la morte
45
1321
piè rossi: ¶ ché dopo lui verrà di più laida
46
1321
tal che convien che lui e me ricuopra. ¶ Nuovo
47
1321
suo re, così fia lui chi Francia regge». ¶ Io
48
1321
ch'i' pur rispuosi lui a questo metro: ¶ «Deh
49
1321
puttaneggiar coi regi a lui fu vista; ¶ quella che
50
1321
ponticello, ¶ e volser contra lui tutt' i runcigli; ¶ ma
51
1321
fermi - ¶ e venne a lui dicendo: «Che li approda
52
1321
mi mossi e a lui venni ratto; ¶ e i
53
1321
più disii ¶ saper da lui, prima ch'altri 'l
54
1321
foss' io ancor con lui coperto, ¶ ch'i' non
55
1321
poco rappaciati fuoro, ¶ a lui, ch'ancor mirava sua
56
1321
li altri, disse a lui: «Se tu ti cali
57
1321
compagno, ¶ e fu con lui sopra 'l fosso ghermito
58
1321
grifagno ¶ ad artigliar ben lui, e amendue ¶ cadder nel
59
1321
arresta, ¶ avendo più di lui che di sé cura
60
1321
corta, ¶ non so di lui, ma io sarei ben
61
1321
uno, e tutto a lui s'appiglia. ¶ Co' piè
62
1321
poi cadde giuso innanzi lui disteso. ¶ Lo trafitto 'l
63
1321
l serpente e quei lui riguardava; ¶ l'un per
64
1321
l'altro dietro a lui parlando sputa. ¶ Poscia li
65
1321
loco, ¶ in questa forma lui parlare audivi: ¶ «O voi
66
1321
voi dica ¶ dove, per lui, perduto a morir gissi
67
1321
Mentre che tutto in lui veder m'attacco, ¶ guardommi
68
1321
tormentarlo; ¶ ma per dar lui esperïenza piena, ¶ a me
69
1321
preco». ¶ E io a lui: «Dimostrami e dichiara, ¶ se
70
1321
rimanga; ¶ ch'io vidi lui a piè del ponticello
71
1321
onta sia consorte, ¶ fece lui disdegnoso; ond' el sen
72
1321
mostrar lo 'nferno a lui intendo». ¶ Allor si ruppe
73
1321
è ch'i' dissi lui, parlando a gioco: ¶ "I
74
1321
conciando». ¶ «Oh», diss' io lui, «se l'altro non
75
1321
a la ventraia, ¶ faceva lui tener le labbra aperte
76
1321
per lo sentiero, ¶ cercando lui tra questa gente sconcia
77
1321
mondiglia». ¶ E io a lui: «Chi son li due
78
1321
men duro, ¶ dicendo a lui: «Ancor che mi sia
79
1321
con ira, ¶ volsimi verso lui con tal vergogna, ¶ ch
80
1321
l duca mio ver' lui: «Anima sciocca, ¶ tienti col
81
1321
anima confusa, ¶ e vedi lui che 'l gran petto
82
1321
ché così è a lui ciascun linguaggio ¶ come 'l
83
1321
e maggio. ¶ A cigner lui qual che fosse 'l
84
1321
move». ¶ E io a lui: «S'esser puote, io
85
1321
d'una ciocca, ¶ latrando lui con li occhi in
86
1321
tu a ragion di lui ti piangi, ¶ sappiendo chi
87
1321
mai pensieri, ¶ fidandomi di lui, io fossi preso ¶ e
88
1321
Per ch'io a lui: «Se vuo' ch'i
89
1321
figo». ¶ «Oh», diss' io lui, «or se' tu ancor
90
1321
Io credo», diss' io lui, «che tu m'inganni
91
1321
l tradimento insieme con lui fece. ¶ Ma distendi oggimai
92
1321
apersi; ¶ e cortesia fu lui esser villano. ¶ Ahi Genovesi
93
1321
ciglia, ¶ ben dee da lui procedere ogne lutto. ¶ Oh
94
1321
avem veduto». ¶ Com' a lui piacque, il collo li
95
1321
sporse, ¶ per paura di lui fé del mar velo
96
1321
e forse ¶ per fuggir lui lasciò qui loco vòto
97
1321
l ciglio. ¶ Poscia rispuose lui: «Da me non venni
98
1321
mandato ad esso ¶ per lui campare; e non lì
99
1321
son messo. ¶ Mostrata ho lui tutta la gente ria
100
1321
e li occhi a lui drizzai. ¶ El cominciò: «Figliuol
101
1321
sua arte, ¶ porsi ver' lui le guance lagrimose; ¶ ivi
102
1321
notte, che opposita a lui cerchia, ¶ uscia di Gange
103
1321
poco un altro a lui uscìo. ¶ Lo mio maestro
104
1321
insala, ¶ benignamente fu' da lui ricolto. ¶ A quella foce
105
1321
gente ¶ ch'eran con lui parevan sì contenti, ¶ come
106
1321
come sare' io sanza lui corso? ¶ chi m'avria
107
1321
Io mi volsi ver' lui e guardail fiso: ¶ biondo
108
1321
mi sforzai carpando appresso lui, ¶ tanto che 'l cinghio
109
1321
quanto li Ebrei ¶ vedevan lui verso la calda parte
110
1321
impedì l'andare a lui; e poscia ¶ ch'a
111
1321
e poscia ¶ ch'a lui fu' giunto, alzò la
112
1321
vedesti, ¶ sì che di lui di là novella porti
113
1321
fronte». ¶ E io a lui: «Qual forza o qual
114
1321
sé romita, ¶ surse ver' lui del loco ove pria
115
1321
e umilmente ritornò ver' lui, ¶ e abbracciòl là 've
116
1321
del dolente regno», ¶ rispuose lui, «son io di qua
117
1321
che ne la vista lui conforta, ¶ resse la terra
118
1321
e se re dopo lui fosse rimaso ¶ lo giovanetto
119
1321
giovanetto che retro a lui siede, ¶ ben andava il
120
1321
la dà, perché da lui si chiami. ¶ Anche al
121
1321
altro, Pier, che con lui canta, ¶ onde Puglia e
122
1321
fece, e io ver' lui mi fei: ¶ giudice Nin
123
1321
acque?». ¶ «Oh!», diss' io lui, «per entro i luoghi
124
1321
guarde?». ¶ E io a lui: «A quelle tre facelle
125
1321
l'antico, ma di lui discesi; ¶ a' miei portai
126
1321
raffina». ¶ «Oh!», diss' io lui, «per li vostri paesi
127
1321
Chirón a Schiro ¶ trafuggò lui dormendo in le sue
128
1321
l mio maestro a lui, «pur dianzi ¶ ne disse
129
1321
di dolore. ¶ Intorno a lui parea calcato e pieno
130
1321
son vaghi, ¶ volgendosi ver' lui non furon lenti. ¶ Non
131
1321
avversaro, ¶ ma libera da lui che sì la sprona
132
1321
andava. ¶ «Oh!», diss' io lui, «non se' tu Oderisi
133
1321
acerba». ¶ E io a lui: «Tuo vero dir m
134
1321
ascende, ¶ se buona orazïon lui non aita, ¶ prima che
135
1321
come fu la venuta lui largita?». ¶ «Quando vivea più
136
1321
Ma quando disse: «Lascia lui e varca; ¶ ché qui
137
1321
che 'n Sennaàr con lui superbi fuoro. ¶ O Nïobè
138
1321
tempio, ¶ e come, morto lui, quivi il lasciaro. ¶ Mostrava
139
1321
E l'altro disse lui: «Perché nascose ¶ questi il
140
1321
e dirizza'mi a lui sì dimandando: ¶ «Che volse
141
1321
pur: «Martira, martira!». ¶ E lui vedea chinarsi, per la
142
1321
sarai». ¶ E io a lui: «Per fede mi ti
143
1321
tu vien ben da lui. ¶ Voi che vivete ogne
144
1321
Esce di mano a lui che la vagheggia ¶ prima
145
1321
duca, e io con lui ¶ volgemmo i nostri passi
146
1321
per che di giugner lui ciascun contende. ¶ Se lento
147
1321
Se lento amore a lui veder vi tira ¶ o
148
1321
vi tira ¶ o a lui acquistar, questa cornice, ¶ dopo
149
1321
seguace ingegno», ¶ rispuos' io lui, «m'hanno amor discoverto
150
1321
a le reni. ¶ Seguendo lui, portava la mia fronte
151
1321
torse?». ¶ E io a lui: «Per vostra dignitate ¶ mia
152
1321
io la cheggio a lui che tutto giuggia. ¶ Chiamato
153
1321
quelle parole che di lui dicesti». ¶ Già s'inchinava
154
1321
vele?». ¶ Ed elli a lui: «Tu prima m'invïasti
155
1321
minor doglia», ¶ rispuos' io lui, «veggendola sì torta. ¶ Però
156
1321
vena». ¶ E io a lui: «Forese, da quel dì
157
1321
Per ch'io a lui: «Se tu riduci a
158
1321
quivi convien che sanza lui rimagna. ¶ Virgilio è questi
159
1321
andar, né l'andar lui più lento ¶ facea, ma
160
1321
faccia ¶ di là da lui più che l'altre
161
1321
amore'». ¶ E io a lui: «I' mi son un
162
1321
Non so», rispuos' io lui, «quant' io mi viva
163
1321
miei si fero a lui seguaci, ¶ come la mente
164
1321
qui Stazio; e io lui chiamo e prego ¶ che
165
1321
si preme; ¶ e, giunto lui, comincia ad operare ¶ coagulando
166
1321
possibile intelletto, ¶ perché da lui non vide organo assunto
167
1321
lo motor primo a lui si volge lieto ¶ sovra
168
1321
forma ch'è in lui suggella ¶ virtüalmente l'alma
169
1321
andai ¶ lunga fïata rimirando lui, ¶ né, per lo foco
170
1321
caro». ¶ E io a lui: «Li dolci detti vostri
171
1321
grido in grido pur lui dando pregio, ¶ fin che
172
1321
diede per arr' a lui d'etterna pace. ¶ Per
173
1321
è meco e da lui si diparte. ¶ Lo spazio
174
1321
destro ¶ fatto averebbe in lui mirabil prova. ¶ Ma tanto
175
1321
li occhi giovanetti a lui, ¶ meco il menava in
176
1321
era, ¶ fu' io a lui men cara e men
177
1321
rivocai: sì poco a lui ne calse! ¶ Tanto giù
178
1321
grazia che disvele ¶ a lui la bocca tua, sì
179
1321
donnescamente disse: «Vien con lui». ¶ S'io avessi, lettor
180
1321
esser posso più, ringrazio lui ¶ lo qual dal mortal
181
1321
per diverse essenze, ¶ da lui distratte e da lui
182
1321
lui distratte e da lui contenute. ¶ Li altri giron
183
1321
la mente profonda che lui volve ¶ prende l'image
184
1321
lavoro, e tutto 'n lui mi diedi; ¶ e al
185
1321
appropria e chi a lui s'oppone. ¶ Vedi quanta
186
1321
a' tre pugnar per lui ancora. ¶ E sai ch
187
1321
regno mortal ch'a lui soggiace, ¶ diventa in apparenza
188
1321
chi la giustizia e lui diparte; ¶ e non l
189
1321
Provenzai che fecer contra lui ¶ non hanno riso; e
190
1321
veramente proveder bisogna ¶ per lui, o per altrui, sì
191
1321
amaro». ¶ Questo io a lui; ed elli a me
192
1321
che natura pone, ¶ seguendo lui, avria buona la gente
193
1321
alta, ¶ che già per lui carpir si fa la
194
1321
com' io fe' di lui; ¶ ché più non arse
195
1321
puote ¶ sanza gustar di lui chi ciò rimira. ¶ Leva
196
1321
e io era con lui; ma del salire ¶ non
197
1321
l mio amore in lui si mise, ¶ che Bëatrice
198
1321
sicura e anche a lui più fida, ¶ due principi
199
1321
Innocenzio aperse, e da lui ebbe ¶ primo sigillo a
200
1321
per che qual segue lui, com' el comanda, ¶ discerner
201
1321
al sacro fonte intra lui e la Fede, ¶ u
202
1321
la donna che per lui l'assenso diede, ¶ vide
203
1321
ch'uscir dovea di lui e de le rede
204
1321
primo amor che 'n lui fu manifesto, ¶ fu al
205
1321
eran più grosse. ¶ Di lui si fecer poi diversi
206
1321
non si disuna ¶ da lui né da l'amor
207
1321
cui sì cominciar, dopo lui, piacque: ¶ «A costui fa
208
1321
bene, ¶ lume ch'a lui veder ne condiziona; ¶ onde
209
1321
io m'attesi a lui; ¶ poscia rivolsi a la
210
1321
è più tardo. ¶ Con lui vedrai colui che 'mpresso
211
1321
queste rote intorno di lui torte; ¶ ma pria che
212
1321
le lingue mute. ¶ A lui t'aspetta e a
213
1321
a' suoi benefici; ¶ per lui fia trasmutata molta gente
214
1321
ne la mente ¶ di lui, e nol dirai»; e
215
1321
è tanto, ¶ che da lui sia tutta l'anima
216
1321
conobbi la voglia ¶ in lui di ragionarmi ancora alquanto
217
1321
esso guida, e da lui si rammenta ¶ quella virtù
218
1321
ne' miei occhi rifrangesse lui. ¶ E quel che mi
219
1321
nondimeno ¶ èli, ma cela lui l'esser profondo. ¶ Lume
220
1321
tira, ¶ ma essa, radïando, lui cagiona». ¶ Quale sovresso il
221
1321
assai men prope ¶ a lui, che tal che non
222
1321
ciel, che sol di lui prima s'accende, ¶ subitamente
223
1321
fu poco, ¶ credette in lui che potëa aiutarla; ¶ e
224
1321
saldo». ¶ E io a lui: «L'affetto che dimostri
225
1321
circa e vicino a lui Maia e Dïone. ¶ Quindi
226
1321
è ben ch'a lui arrivi». ¶ Sì come il
227
1321
anche la cagion di lui chiedesti. ¶ E io rispondo
228
1321
è in piacere, ¶ a lui lasc' io, ché non
229
1321
primo padre, dicente a lui il tempo de la
230
1321
e per autoritadi a lui concorde ¶ d'i tuoi
231
1321
altre corde ¶ tirarti verso lui, sì che tu suone
232
1321
io cotanto ¶ quanto da lui a lor di bene
233
1321
seguir che face a lui la 'nvoglia; ¶ e similmente
234
1321
cose, ¶ e nulla face lui di sé pareglio. ¶ Tu
235
1321
questo concilio; ¶ e vidi lui tornare a tutt' i
236
1321
amor d'un cerchio lui comprende, ¶ sì come questo
237
1321
io. ¶ Ma Gregorio da lui poi si divise; ¶ onde
238
1321
creatura ¶ che solo in lui vedere ha la sua
239
1321
coverto ¶ non anderà con lui per un cammino. ¶ Ma
240
1321
Beatrice che pregasse per lui lo nostro Segnore Iddio
241
1321
questo giardino; ¶ ché veder lui t'acconcerà lo sguardo
242
1321
altri scanni ¶ di sotto lui cotanta cerna fanno, ¶ così
243
1321
due anni; ¶ e sotto lui così cerner sortiro ¶ Francesco
244
1321
alma, ¶ tutta è in lui; e sì volem che
245
1321
sì che, guardando verso lui, penètri ¶ quant' è possibil
246
1321
li occhi miei da lui fossero aversi. ¶ E' mi